chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Tagikistan: in che modo l'energia solare può rendere la vita in montagna più sostenibile?

Roshorv, a village in Tajikistan's Bartang Valley. Photo by taken from zamkosmopolit's Live Journal with permission.

Roshorv, un villaggio nella valle Bartang in Tagikistan. Foto presa dal Live Journal di zamkosmopolit usata con autorizzazione.

L'energia rinnovabile costituisce attualmente la maggiore speranza che il mondo possa evitare le catastrofiche conseguenze del cambiamento climatico. Però, oltre alla sua principale promessa, le tecnologie rinnovabili possono aiutare a risolvere i pressanti problemi sociali e ambientali delle locali comunità, senza richiedere complessi dispositivi o significativi investimenti.

Nel dicembre 2014, il villaggio di Roshorv (situato a un'altitudine di oltre 3000 metri) nella valle Bartang nell'area Amministrativa Autonoma di Gorno-Badakhshan (GBAO) in Tagikistan ha presentato il suo primo fornello solare. Sadarbek Tohirbekov, un insegnante di lingua russa presso la locale scuola e a capo di una famiglia di sei persone, ha ricevuto l'impianto dall'organizzazione ambientalista tagika Little Earth.

Dopo aver installato il fornello nel cortile, un dipendente della NGO Oyandasoz, il partner di Little Earth nella regione, ha testato la funzionalità del dispositivo e ha discusso il potenziale per espandere il loro uso nella regione.

Il Tagikistan, la nazione più povera emersa dall'ex Unione Sovietica, soffre interruzioni di corrente in inverno, provocate dalla riduzione di capacità della sua infrastruttura di energia domestica, pur ospitando un potenziale per l'energia rinnovabile con oltre 200 giorni di sole in media all'anno e significative risorse idriche. Oltre al fornello solare di Tohirbekov, cui hanno accesso anche altri residenti nel villaggio, Roshorv ha la sua mini stazione idroelettrica che fornisce energia al villaggio e ai dintorni di sera.

Solar cookers can save mountainous countries from deforestation and mudslides. (Photo by Little Earth)

Tohirbekov e il fornello solare. Foto di Little Earth

I test delle parabole del collettore parabolico che alimenta il fornello solare si sono svolti per vari giorni. Le misurazioni sono state svolte a 1000, 1400 e 1600 ore nel cortile di Tohirbekov. Durante le condizioni di inverni miti, le parabole sono riuscite a portare all'ebollizione un bollitore di 3 litri in 20-25 minuti e a cuocere una minestra con riso e patate in una pentola a pressione di alluminio in circa 20 minuti.

“Per preparare un pranzo o una cena [senza un fornello solare], usiamo circa mezzo chilo di ramoscelli di arbusti e poi un paio di chili di legna da ardere e tre chili di sterco secco o carbone. Ad esempio, solo per bollire da cinque a sette litri di acqua servono circa da tre a cinque chili di arbusti. Una cucina solare può ridurre notevolmente il consumo di legna da ardere e altri combustibili, anche usandola solo una volta al giorno”, dice Tohirbekov.

Il disboscamento e il taglio e il trasporto di legname da parte della locale popolazione sono diventati gravi problemi nelle regioni montagnose del Tagikistan, dove il legno è spesso la sole fonte di energia disponibile. I pendii delle colline, spoglie di alberi e arbusti, hanno aumentato il rischio di pericolosi e spesso fatali smottamenti.

Secondo Rozik Yaftaliev, direttore di Oyandasoz, una cucina solare del tipo che ha Tohirbekov a casa sua può essere usata sempre, quando c'è sole e un cielo sereno, per cucinare o bollire acqua.

“Questo dispositivo, semplice da usare, aiuta a risparmiare tempo e legna, e a cucinare senza fumo! Dall'ottobre 2014, la mia famiglia nel villaggio Nisour ha usato una simile cucina solare. Nei giorni in cui la usiamo, tagliamo il consumo di legna da ardere del 70-80%”, ha raccontato.

The hunt for kindling to heat homes is threatening the sustainability of lives at altitude in Tajikistan.

La ricerca di ramoscelli per riscaldare le case sta minacciando la sostenibilità di coloro che vivono ad alta quota in Tagikistan. Foto presa dal Live Journal di zamkosmopolit con autorizzazione.

Attualmente, la domanda di assistenza fra i residenti locali per ottenere dispositivi solari è in rapido aumento. Questo non è sorprendente, perché le cucine solari sono economiche, facili da usare e non hanno nessun meccanismo che potrebbe necessitare una riparazione se si rompe. Il fatto più importante: il combustibile, ovvero la luce del sole, è gratuito e rinnovabile.

Il fornello solare non è comunque perfetto. Può sopportare soltanto un peso di circa otto chilogrammi, mentre gli anelli hanno una misura unica e quindi non sono adatti a tutti gli utensili. E, naturalmente, in una giornata nuvolosa un fornello solare può diventare impotente. Simili tecnologie possono comunque ridurre significativamente l'onere sull'ambiente locale e migliorare le condizioni di vita degli abitanti di montagna.

Villagers in the Bartang Valley region of Tajikistan get around 200 days of sunshine a year. Why not put it to use?

Gli abitanti dei villaggi nella regione della valle di Bartang in Tagikistan hanno circa 200 giorni di sole all'anno. Perché non utilizzarle? Foto presa dal Live Journal di zamkosmopolit con autorizzazione

“Le cucine solari possono essere un buon ausilio per le popolazioni nei remoti villaggi di montagna, che hanno difficoltà ad accedere ai moderni servizi di energia e per cui l'accesso ai combustibili è una priorità critica. Noi, da parte nostra, faremo tutto il possibile per continuare a diffondere tecnologie efficienti sotto il profilo energetico nelle comunità di montagna della repubblica”, dice Musavvara Shukurova, direttore di Little Earth.

Nella prima metà del 2015, Little Earth prevedeva di distribuire circa 10 fornelli solari alle famiglie più vulnerabili nei villaggi alle altitudini più elevate della valle Bartang.

“Anche se immaginiamo che ogni fornello potrà far risparmiare circa 15-20 chili di legna al giorno, calcolando solo 100 giorni di sole all'anno, equivarrebbe e circa due tonnellate di combustibile risparmiato. Di conseguenza, 10 cucine solari aiuterebbero la popolazione a risparmiare più di 20 tonnellate di legno all'anno a tale tasso. Questa è una buona opportunità per ridurre l'abbattimento di alberi e prevenire le emissioni di CO2”, dice Anton Tymoshenko, coordinatore assistente dei programmi salva-energia di Little Earth.

Questo materiale è stato preparato da Timur Idrisov, consulente senior dell'organizzazione ambientale Little Earth. Little Earth partecipa al programma Climate Workshop organizzato da 350.org per promuovere le decisioni sull'uso dell'energia rinnovabile e ridurre l'impatto dell'umanità sul clima. Potete contattare l'organizzazione via email scrivendo a: little.earth.tajikistan@gmail.com o visitando il loro sito web leworld.org.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.