chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il più progressista dei media russi si trova dalla parte sbagliata del #MeToo

Ivan Kolpakov, ex caporedattore di Meduza, si è dimesso a seguito di accuse di molestie // Ivan Immagine del profilo di Kolpakov su Facebook.

“Sei l'unica persona a questa festa che posso molestare e farla franca.”

Ivan Kolpakov, caporedattore del sito di giornalismo investigativo russo Meduza, pronunciò queste parole mentre afferrava la moglie di un collega per il sedere a una festa aziendale.

Alla fine di ottobre 2018, Galina Timchenko, fondatrice ed editrice di Meduza [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], ha pubblicato un messaggio [ru] sulla sua pagina Facebook dicendo che Kolpakov era stato accusato di comportamento inappropriato a una festa dello staff e si è dimesso in attesa di ulteriori indagini da parte del consiglio di amministrazione di Meduza.

La scena descritta sopra era presto nelle notizie, grazie alle fughe dalla redazione e alle indagini da parte di altri media, insieme alle dichiarazioni di Meduza [ru] sui social media. Ciò fece grande clamore in tutta l'industria mediatica russa.

Meduza è un sito web di notizie in lingua russa con sede nella vicina Lettonia, dove è stato fondato dall'ex team editoriale di “Lenta.ru”, sito di notizie indipendente che nel 2014 è stato ostilmente acquisito da un editore fedele al Cremlino. Stabilita il più vicino al pubblico russo a cui è rivolto, ma lontana dalla portata della censura del Cremlino, Meduza divenne presto una delle fonti di notizie online più popolari della Russia.

Ha la reputazione di essere uno dei pochi siti web che sostengono i valori progressisti, pubblicando editoriali audaci che condannano le molestie sessuali e conducono un boicottaggio mediatico contro un potente legislatore accusato di palpare le donne giornalisti nelle sale del Parlamento russo.

Ora disponibile in inglese: editoriale di Meduza che chiede le dimissioni del deputato della Duma Leonid Slutsky. È accusato di aver molestato sessualmente diverse giornaliste.

Ma le credenziali progressiste di Meduza sono state oggetto di un attacco feroce mentre lo scandalo sulle molestie sessuali commesse si è diffuso e l'imbarazzante incidente della festa aziendale è diventato pubblico. Quando il marito della vittima, che lavorava a Meduza come sviluppare di software, si lamentò con la direzione, Kolpakov si scusò con la coppia e si è dimesso come redattore per due settimane.

Il giornalista è stato formalmente censurato dal consiglio di amministrazione e poi reintegrato al suo posto. La direzione di Meduza ha ritenuto le sue azioni inappropriate, ma contraddittorie rispetto al suo precedente comportamento e non abbastanza gravi per un licenziamento definitivo.

Dettagli spiacevoli hanno continuato a venire alla luce. Una fuga di notizie ha rivelato l'identità della vittima e di suo marito, nonostante il loro chiaro rifiuto di diventare il bersaglio di uno scandalo pubblico. Quando la direzione di Meduza restituì Kolpakov al suo posto, il marito si dimise dal suo lavoro come sviluppatore di software di Meduza in segno di protesta.

Poco dopo, si è scoperto che Meduza, nonostante la sua linea editoriale apertamente progressista, non ha nemmeno una politica aziendale di prevenzione delle molestie.

È ancora sorprendente che Meduza abbia pubblicato l'anno scorso un editoriale intitolato “Il mio capo ci sta provando con me. Cosa devo fare? “L'anno scorso, ma senza che ci sia una politica di molestie sessuali per affrontare questo incidente.

Alcuni di loro hanno difeso Meduza e Kolpakov, sostenendo che il primo aveva una comprovata esperienza e che quest'ultimo era un vero amico e un editore eccezionale, a prescindere dal suo comportamento abusivo nei confronti delle donne.

Alcuni hanno minimizzato la gravità dell'incidente mentre altri hanno criticato il marito della vittima per non aver gestito la situazione “come un uomo” invece di rendere pubblica la questione e causare danni al suo datore di lavoro. Il tribalismo di queste affermazioni ha rafforzato il senso generale di indignazione :

La strategia di comunicazione dell'opposizione russa: ignorare le molestie perché è “un vero amico e il miglior editore del paese”

I comunicati stampa di Meduza e la sua miriade di difensori hanno acceso i social media, con i media e i commentatori pro-Cremlino che denunciano allegramente l'ipocrisia della linea editoriale ingannevolmente progressista di Meduza e la sua incapacità di passare dalle parole ai fatti.

Molte femministe russe si sono unite all'indignazione. Una di loro, Nika Vodwood, ha scritto su Facebook [ru]:

Что-ж, Иван Колпаков сказал, что ему «за это ничего не будет» — так и случилось. Мир все то же говно, мудаки все так же без каких-либо последствий домогаются до женщин, и их жалеют, поздравляют и покрывают. Медуза — лицемерное говно, и никакие «прогрессивные» материалы не помогут это отмыть. Очень сочувствую сотрудницам издания и всем женщинам, которые лишний раз увидели, что что-то говорить бесполезно. В общем-то, я испытала это на практике сама, когда до меня домогался начальник (он все ещё начальник, а я уволилась в большой степени из-за этого). Ничего не меняется. Спасибо, Медуза.

Beh, Ivan Kolpakov ha detto che l'avrebbe fatta franca, e l'ha fatta franca. Che mondo di merda: gli stronzi possono continuare a molestare le donne senza conseguenze: saranno confortati, congratulati e le loro azioni ignorate. Meduza è solo merda ipocrita e nessuna linea editoriale “progressiva” può compensare questo. Sono con tutto il cuore con i loro dipendenti e tutte le donne che hanno imparato un'altra lezione : denunciare, è inutile. Io stessa ho sofferto la medesima situazione al lavoro quando il mio capo mi ha molestato (è tutt'ora in carica e ho dovuto dimettermi in gran parte a causa di questo). Nulla cambia. Grazie Meduza.

Per aggiungere più benzina al fuoco, un breve video promozionale per la rivista Sol’ (“Sale”) è apparso su YouTube, pubblicato a Perm, città natale di Kolpakov. Mostra per 23 secondi Kolpakov che insegue le donne per strada sollevando le gonne. Il video è stato immediatamente rimosso da YouTube a causa del suo contenuto di carattere sessuale, ma è stato presto rimesso online su altri social network. Ciò che era probabilmente considerato all'epoca una buona idea per la pubblicità virale ha rovinato ancora di più la reputazione di Kolpakov.

L'8 novembre, la versione in lingua inglese di Meduza ha pubblicato una sintesi neutra e equilibrata degli eventi, che incluse da alcuni commenti critici, scatenando l'ennesima ondata di costernazione, poiché il famoso sito russo ha finora mantenuto il silenzio sullo scandalo delle molestie al suo interno. Al giorno di 9 novembre, questo riassunto non era ancora stato tradotto in russo.

Molti vedono nel fatto che Meduza ha deciso di pubblicare prima l'articolo in inglese ─ manovra chiaramente mirata al suo pubblico straniero relativamente piccolo ─ una mancanza di rispetto per i suoi lettori russi. Altri hanno sottolineato che nell'articolo mancavano alcuni dettagli critici (e autoincriminanti).

Sadly, Meduza forgot to quote its CEO Galina Timchenko as saying “Ivan is also the best editor in our country. And people who say they’ve never made mistakes or behaved in an ugly or inappropriate way are either plain liars or bastards”https://t.co/1s8sOunz7e

— Лиза Фохт (@lizafoht) 8 ноября 2018 г.

Purtroppo, Meduza ha dimenticato di citare il suo direttore esecutivo, Galina Timchenko, quando ha detto che ” Ivan è anche il miglior editore nel nostro paese. E quelli che dicono di non aver mai commesso un errore o di essersi comportati in modo improprio o inappropriato sono semplici bugiardi o veri e propri rifiuti.”

Spero che il feedback tramite Twitter sia appropriato.
1. Se Kolpakov si fosse dimesso ieri, tutti lo avrebbero elogiato per essere un uomo coraggioso e responsabile.
2. Se Meduza lo avesse licenziato ieri, tutti avrebbero elogiato Meduza per essere un'azienda di integrità.
3. Meduza sta andando nella direzione sbagliata.

Infine, il 9 novembre, Kolpakov ha annunciato le sue dimissioni [ru] in un comunicato stampa sul sito web in lingua russa di Meduza, ma era già troppo tardi. L'annuncio ha citato le parole di Kolpakov: “è l'unico modo per neutralizzare la crisi che ha assorbito la redazione e ridurre al minimo i danni alla sua reputazione.”

La notizia non menziona la natura delle accuse contro Kolpakov. In un successivo post su Facebook [ru] Kolpakov apparve ancora meno pentito e più conflittuale:

С этой минуты я не главный редактор «Медузы».

Я ухожу, потому что не вижу иного выхода. Потому что так будет лучше для «Медузы».

Все же позволю себе сказать, как я это чувствую. Я ухожу, потому что мне больно видеть, как вы уничтожаете то, что я строил. Потому что мне противна несправедливость. Потому что не все, что сломалось, нужно обязательно чинить.

По поводу так называемого инцидента. Я категорически отказываюсь признавать обвинения в харассменте и сексуальных домогательствах. Но я оказался в ситуации, когда невозможно и бессмысленно себя защищать. Впрочем, об этом как-нибудь в другой раз.

Con effetto immediato, non sono più il caporedattore di Meduza.

Me ne vado perché non vedo altra via d'uscita da questa [situazione]. Perché è meglio per Meduza.

Permettetemi finalmente dire come mi sento. Me ne vado perché è doloroso vedere come distruggono ciò che ho costruito. Perché odio l'ingiustizia. Perché non c'è bisogno di sistemare tutto ciò che si sta discomponendo.

Ora, per quanto riguarda questo incidente, mi rifiuto categoricamente di accettare le accuse di molestie e comportamenti sessuali scorretti. Oggi mi trovo in una situazione in cui difendermi è impossibile e inutile. Ma un giorno lo farò.

Kolpakov a aggiunto che non stava lasciando Meduza del tutto, ma che non avrebbe più ricoperto una posizione di responsabilità. Non solo ha rifiutato di assumersi la responsabilità delle sue azioni, ha anche contraddetto la sua precedente dichiarazione su Facebook [ru] in cui ha riconosciuto una “grave imprudenza” e aver “causato danni alla moglie di un dipendente” essendo estremamente ubriaco. L'account Twitter in lingua russa di RT ha sottolineato sarcasticamente:

Sotto il post [Facebook] di Kolpakov, dove nega le accuse di molestie sessuali, i suoi seguaci gli chiedono: perché chiedere scusa [in un post precedente] allora?
Già, perché?

Il popolare fumettista Sergey Elkin ha creato una satira sull'incapacità di Meduza di vivere secondo i propri parametri progressisti:

ok questa è la fine

Lo scandalo ha lasciato la fragile scena dei media indipendenti della Russia profondamente danneggiata, colpita e più frammentata che mai. In una vittoria pirrica per il movimento #MeToo nel paese, uno dei suoi più grandi sostenitori è diventato il primo a dimettersi pubblicamente per le accuse di molestie sessuali in Russia.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.