chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

La vita dopo Manus: il fumettista iraniano Eaten Fish parla del suo passato dentro i campi di detenzione in Australia

Una vignetta di Eaten Fish, disegnata durante la sua detenzione sull'isola di Manus. Fonte: Facebook. Pubblicata con autorizzazione.

Ali Dorani aveva 21 anni quando è arrivato sull'Isola di Natale (Christmas Island) in Australia in barca per chiedere asilo, nel luglio 2013. Dopo sei mesi, è stato trasferito all’ Isola di Manus [en, come i link seguenti], il campo di detenzione a largo dell'Australia in Papua Nuova Guinea, dove avrebbe trascorso i successivi quattro anni della sua vita.

Ha iniziato a disegnare vignette a Manus per reagire al suo disturbo ossessivo compulsivo (DOC), documentando la sua situazione e quella di altri richiedenti asilo all'interno del campo. Ha adottato lo pseudonimo di ‘Eaten Fish’ (pesce mangiato), alludendo al fatto di essere stato tratto in salvo dal mare nel 2013.

Le sue vignette, che illustrano le condizioni dei profughi a Manus, hanno iniziato a essere pubblicate dai media dopo quasi tre anni della sua detenzione. Alcuni disegni riflettono il deterioramento della sua salute e gli abusi sessuali che ha subito nel campo.

Nel 2016, il Network Internazionale per i Diritti dei Vignettisti gli ha assegnato il Premio per il Coraggio nella Vignettistica Editoriale (Courage in Editorial Cartooning Award) per il suo lavoro. La citazione del suo premio recita: “Le sue vignette saranno un giorno riconosciute come importanti croniche di rilevanza mondiale, correlate al peggior comportamento umano dopo i campi di concentramento della Seconda Guerra Mondiale.”

L’ Australia è stata ampiamente criticata per le condizioni nel campo sull'Isola di Manus. Le Nazioni Unite hanno dichiarato che la politica nazionale di indefinita detenzione nel campo in mare aperto è una “crudele, inumana e degradante punizione”.

Ali è stato rilasciato nel dicembre 2017, dopo una campagna globale per richiedere la sua libertà. È arrivato a Stavanger in Norvegia il 17 dicembre 2017, attraverso il patrocinio di International Cities of Refuge Network.

Abbiamo intervistato Ali per email, quasi un anno dopo aver lasciato Manus, qualcosa che Ali descrive come “uscire nella libertà”. Ha raccontato la sua vita dopo la detenzione, la sua esperienza nel campo profughi, e le sue parole di consiglio ad altri artisti che affrontano la persecuzione.

Ali ha rivelato che, pur essendo felice con la sua nuova vita in Norvegia, ha trascorso un periodo difficile per adattarsi:

After two weeks I fell into a deep depression, and this kind of depression was even stronger than I had in Manus Island, and it took me around four or five months until, with a help from psychologist, and some friends, I got bit better and started communicating with a lot of people and making a new life happen.

Dopo due settimane sono caduto in una profonda depressione, e questo tipo di depressione era persino più intensa di quella sofferta sull'Isola di Manus, e ho impiegato circa quattro o cinque mesi finché, con l'aiuto di uno psicologo e di alcuni amici, mi sono sentito un po’ meglio e ho iniziato a comunicare con molte persone e a realizzare una nuova vita.

Ha ricordato la sua decisione di disegnare vignette, dopo che un ufficiale medico gli ha consigliato di impegnarsi in una attività per reagire al suo DOC (disturbo ossessivo compulsivo), ma anche questo non è stato facile; fra l'altro, i detenuti vengono privati di carta e penna.

I kept drawing until I was moved to Manus Island in 2014, and I didn't have enough paper, I didn't have enough pencils, and I had to steal papers from workers, I had to find a little paper to draw on, and it took me two years and a half to send my drawings out. And it was the only reason I think that I am still alive. Art didn't help my mental situation to be healthy, but it helped to send my voice out to the people in the outside world. It was art which saved me, it was art which saved my life.

Ho continuato a disegnare finché sono stato trasferito sull'Isola di Manus nel 2014, e non avevo abbastanza carta, non avevo abbastanza matite, e ho dovuto rubare i fogli di carta dai lavoratori, ho dovuto trovare un pezzetto di carta, e ho impiegato due anni e mezzo per inviare le mie vignette all'esterno. Ed è stata la sola ragione, penso, per cui sono ancora vivo. L'arte non ha aiutato la mia situazione mentale a essere sana, ma ha contribuito a portar fuori la mia voce alle persone nel mondo esterno. È stata l'arte che mi ha salvato, è stata l'arte che ha salvato la mia vita.

I suoi disegni hanno dapprima catturato l'attenzione degli operatori sanitari e del personale dell'immigrazione nell'Isola di Natale (Christmas Island) e poi nell'Isola di Manus. Infine i mezzi di informazione in Australia si sono interessati alla sua opera artistica, puntando i riflettori sulla situazione a Manus:

I wasn't a political cartoonist at first, so I just started documenting my life and my own struggles, and I don't know what happened, one day when I opened my eyes and I have been published in different press companies and I was on the news, a lot of people knew me in Australia, and it gave me more hope to keep myself alive, and I didn't have any idea that drawings were going to give me freedom one day.

Non ero un vignettista politico, all'inizio ho semplicemente iniziato a documentare la mia vita e le mie proprie lotte, e non so cosa sia successo, un giorno quando ho aperto gli occhi e sono stato pubblicato in diversi organi di stampa ed ero nelle notizie, tante persone mi conoscevano in Australia, mi ha dato più speranza di tenermi in vita e non avevo la più pallida idea che i disegni mi avrebbero dato la libertà, un giorno.

Foto di Ali Dorani mentre insegna disegno in Norvegia. Fonte: Facebook. Usata con autorizzazione.

Questo è il promemoria di Ali per gli artisti che lottano, in particolare i giovani artisti che sono perseguitati:

Don't stop, don't stop what you're doing. Keep drawing, keep cartooning, keep sending your voice out. It takes time, it's difficult but it will work, it worked for me. Don't get tired.

I asked for help for five years and I got it. I got my freedom after five years asking from different people. Asking is not shameful. Asking for help is not shameful.

Non arrendetevi, non smettete di fare quello che state facendo. Continuate a disegnare, continuate a realizzare vignette, continuate a mandare la vostra voce all'esterno. Ci vuole tempo, è difficile, ma funzionerà, ha funzionato per me. Non stancatevi.

Ho chiesto aiuto per cinque anni e l'ho ricevuto. Ho ottenuto la mia libertà, dopo aver chiesto per cinque anni a diverse persone. Chiedere non è vergognoso. Chiedere aiuto non è vergognoso.

Ha anche esortato i gruppi che offrono aiuto ai profughi di Manus a rifiutare la condivisione di false informazioni sulla situazione nel campo. “La verità mi ha aiutato. La verità mi ha aiutato a riconquistare la mia libertà. C'è voluto molto tempo, ma ha funzionato.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.