chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'Ufficio immigrazione di Tokyo senza volerlo sottolinea la difficile situazione dei rifugiati in Giappone

"Free Refugees" Tokyo

“Rifugiati liberi” dipinto con una bomboletta spray sul passaggio pedonale del ponte Konan[jp, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] nel quartiere Minato, Tokyo. Immagine tratto da un tweet fissato dall'Ufficio Immigrazione di Tokyo.

Il 20 novembre 2018, l'account Twitter ufficiale dell'Ufficio immigrazione di Tokyo ha scatenato una discussione online dopo aver fissato sul suo profilo twitter un tweet che raffigura graffiti su un ponte nel centro di Tokyo. Sebbene il tweet avesse lo scopo di protestare contro i graffiti, ciò che effettivamente ha catturato l'interesse degli internauti è stato il messaggio stesso dei graffiti. Le parole recitano “Rifugiati liberi”, che molti hanno interpretato come una tacita critica al modo in cui l'ente ufficiale per l'immigrazione tratta i rifugiati, i lavoratori senza documenti e altre persone in custodia cautelare.

Il tweet fissato dall'Ufficio Immigrazione di Tokyo include tre foto di graffiti scritti sul ponte con le parole “RIFUGIATI LIBERI”, insieme a un messaggio che implora di “smettere di fare graffiti” (落書きは止めましょう) [ja, come i link seguenti]:

Smettiamola tutti con i graffiti.

Trovato il 19 novembre di mattina presto, sul Ponte Konan. La libertà di espressione è estremamente importante, ma questa è proprietà pubblica.

Non vi sembra un po’ troppo?

Una critica involontaria

Fino al 20 novembre, l’account Twitter dell'Ufficio Immigrazione di Tokyo in genere pubblicava tweet blandi sugli orari di ufficio che generalmente ricevono poche risposte o retweet. Tuttavia, il tweet fissato il 20 novembre sui graffiti sul ponte Konan di Tokyo ha ricevuto una risposta sproporzionata, generando finora quasi 2.000 commenti.

Il Giappone accetta pochissimi rifugiati e richiedenti asilo ogni anno. Nel 2017, il Giappone ha concesso lo status di rifugiato ad appena 20 persone [en] su 19.629 richiedenti. I richiedenti asilo sono spesso detenuti o separati dalle loro famiglie in attesa di una decisione sul loro status.

Le critiche alla politica giapponese nei confronti degli immigrati detenuti non sono una novità. Dal 2006, quattordici detenuti [en] sono morti nelle strutture di detenzione per migranti in Giappone, una media di circa una persona all'anno. Quattro dei decessi più recenti sono stati suicidi [en]. L'attenzione delle proteste degli attivisti giapponesi per i diritti umani si è concentrata sul Centro per l'Immigrazione del Giappone orientale a Ushiku, nella prefettura di Ibaraki a causa degli alti tassi di morte dei detenuti.

L'Ufficio Immigrazione di Tokyo ha anche guadagnato notorietà in ottobre per aver partecipato a un programma televisivo [it] che ha trasformato gli arresti e le deportazioni di migranti in intrattenimento.

Molte delle risposte ai recenti tweet hanno sottolineato che i graffiti stavano supplicando l'Ufficio per l'immigrazione di Tokyo di liberare davvero rifugiati, persone con un visto scaduto e detenuti da condizioni crudeli. Altri hanno criticato un Ufficio per l'Immigrazione che troppo spesso maltratta [en] e detiene a tempo indeterminato richiedenti rifugiati e detenuti:

落書きは消せば元に戻るが、失われた命は二度と戻らない。

— Kang/コーヒーおかわり (@fire_ree) November 20, 2018

I graffiti si possono sempre cancellare e le cose possono tornare alla normalità, ma una vita persa non potrà mai tornare.

In un tweet condiviso centinaia di volte, lo studioso di  Nagoya Hibi Yoshitaka [en] ha richiamato l'Ufficio Immigrazione di Tokyo per aver apparentemente criticato dei graffiti che a loro volta criticavano i terribili precedenti dell'ufficio sui diritti umani:

見返して改めて腹が立ってきたから、再リツイート。入管の収容者に対する非人道的な行為について、このアカウントに知らないとは言わせない。それに頬被りをして、良識派のふりで落書きを批判し、固定ツイートにさえしている。落書きが駄目なのは当たり前だが、収容者に対する虐待をやめてから言え。

— 日比嘉高 (@yshibi) November 20, 2018

Solo rivederlo mi ha fatto arrabbiare così tanto che ho ritwittato (l'Ufficio Immigrazione di Tokyo). Non è possibile che chiunque controlli l'account twitter dell'Ufficio Immigrazione di Tokyo ignori gli atti disumani commessi contro i migranti detenuti.

Nascondono le loro vere intenzioni e fingono ipocritamente di disapprovare i graffiti, arrivando anche al punto di fissare il tweet sulla pagina del loro profilo. Ovviamente fare graffiti è sbagliato, ma cosa dire degli abusi sui detenuti?

Nel suo successivo thread su Twitter, Hibi ha poi condiviso un link a una varietà di libri e articoli che spiegavano le terribili condizioni per i migranti detenuti in Giappone, incluso un articolo del Tokyo Shinbun del 5 novembre 2018 che descrive nei dettagli come 17 detenuti sono stati detenuti per 24 ore in una cella per 6 in una struttura di detenzione per migranti di Osaka.

Hibi ha anche condiviso un articolo di una testata giornalistica della prefettura di Nagano che spiegava come le autorità giapponesi per l'immigrazione stiano ricorrendo sempre di più a misure punitive come la reclusione a lungo termine per controllare i detenuti, e che la pratica di trattenere coloro il cui visto è scaduto è ufficiosamente considerata un deterrente per gli altri.

Un'altra risposta popolare al tweet fissato dell'Ufficio Immigrazione di Tokyo include un link a un articolo del maggio 2018 del giornalista Shiba Rei che descrive le condizioni per i richiedenti asilo turco-curdi [en] detenuti in Giappone:

L'Ufficio Immigrazione di Tokyo è completamente ignaro delle proteste sulle sue violazione dei diritti umani? È sbagliato fare graffiti, ma è importante riconoscere un (sistema di immigrazione) violento che si traduce in suicidio.

Articolo da Yahoo!News: “Isolamento, mancanza di cure mediche con conseguente morte e cibo avariato: come l'Ufficio Immigrazione di Tokyo attacca i rifugiati (richiedenti asilo)”.

Il Giappone intende aumentare drasticamente il numero di tirocinanti stranieri temporanei nei prossimi anni. Tuttavia, poiché questi tirocinanti lavorano per salari ridotti, spesso in condizioni precarie, molti saranno probabilmente tentati di lasciare le loro occupazioni e lavorare in nero, violando i termini del visto.

Ciò significa che molte più persone potrebbero essere intrappolate nel sistema di detenzione per migranti in Giappone, detenute per lunghi periodi di tempo e potranno rischiare la morte.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.