chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Apple censura i termini sensibili dal servizio di incisione per i suoi dispositivi a Hong Kong e in Cina

La tua incisione “appropriata” qui – Immagine di Georgia Popplewell, usata con permesso.

Il seguente post è stato scritto da Chris Cheng e pubblicato [en] su Hong Kong Free Press (HKFP) il 2 novembre 2018. La ripubblicazione si basa su un accordo di partnership.

Secondo le ricerche fatte da HKFP, i nomi di alcuni leader e attivisti statali cinesi sono stati giudicati “termini inappropriati” e censurati dalle ultime versioni di un servizio di incisione dei dispositivi offerto per iPad, iPod Touch e Apple Pencil.

Quando i clienti ordinano uno di questi dispositivi dal sito web di Apple, la società offre la possibilità di incidere gratuitamente il dispositivo. Tuttavia, i siti web di Apple in lingua cinese per i negozi di Hong Kong e della Cina continentale hanno messo al bando alcune parole del servizio.

Ad esempio, se un cliente digita “Xi Jinping” (il nome del presidente cinese) in caratteri cinesi, viene visualizzato il seguente avviso: “Non sono consentite parole inappropriate”. I clienti non sono in grado di salvare il testo dell'incisione o procedere con l'acquisto.

“Xi Jinping” non è consentito nei caratteri cinesi tradizionali e semplificati nel negozio di Apple in Cina. Foto: HKFP.

I test di HKFP hanno dimostrato che il problema è localizzato e specifico della lingua. “Xi Jinping” è ancora ammesso in inglese se inserito nel sito web di Hong Kong in lingua inglese.

Se si cerca il nome “Xi Jinping” in cirillico, tuttavia, nei negozi di Hong Kong in lingua cinese o inglese, il sito web restituisce il messaggio: “Questi caratteri non possono essere incisi”. Tuttavia, il negozio della Cina continentale accetta il nome in cirillico.

“Xi Dada”, un soprannome comune per Xi, è vietato in caratteri cinesi tradizionali in entrambi i negozi in lingua cinese di Hong Kong e Cina, ma è permesso in cinese semplificato.

I nomi e le frasi “sensibili” vietati

I siti in lingua cinese per i negozi di Hong Kong e della Cina continentale vietano anche i nomi di altri leader di stato cinesi attuali e precedenti in caratteri cinesi. Questi includono Li Keqiang, Liu He, Deng Xiaoping, Mao Zedong e Hu Jintao. Ma i nomi di molti altri membri (attuali o precedenti) del Politburo sono ammessi, come Yang Jiechi e Wen Jiabao.

Anche i nomi di alcuni dei critici più importanti dello stato sono vietati. Il nome del vincitore del premio Nobel per la pace Liu Xiaobo [it] è accettato, ma il nome di sua moglie, la famosa poetessa Liu Xia, è vietato. Risulta vietato anche “Falun Gong” [it].

“Guo Wengui”, un miliardario cinese in esilio autoimposto, che spesso attacca i leader statali al vertice, non è consentito in caratteri cinesi semplificati. Ma se un cliente richiede che “Guo Wengui” sia inciso usando caratteri cinesi tradizionali, sarà accettato.

Nel negozio della Cina continentale, la versione completa della frase “indipendenza di Taiwan” – comprendente i quattro caratteri 台灣 獨立 – è bandita in caratteri tradizionali e in caratteri cinesi semplificati. Ma la versione stenografica di “Indipendenza di Taiwan” – che comprende i due caratteri 台獨 – è consentita in entrambe le forme del linguaggio.

La frase “L'indipendenza di Hong Kong” è consentita in tutte le forme sul sito web del negozio, ma l'espressione “dittatura a partito unico” è vietata sul sito locale in lingua cinese.

Oscenità proibite

Anche la parola “fuck” e gli equivalenti cinesi come 操 e 屌 sono proibiti. Di conseguenza, anche le parole contenenti quei caratteri cinesi sono vietate, come il nome dell'antico signore della guerra cinese “Cao Cao” (曹操) e la parola “ginnastica” (體操).

Un altro carattere cinese – 幹 – che significa “scopare” è permesso. Ma se i clienti usano il carattere per creare oscenità, la parola è bandita. Altre parolacce come “merda” e “piscio” sono vietate.

Wong Ho-wa, un ingegnere informatico, ha detto a HKFP che i risultati mostrano la presenza di censura, ma in realtà “sembra ci sia un malfunzionamento”.

“Sospetto che sia stato fatto dall'intelligenza artificiale”, ha detto. “Credo che l'intenzione originale fosse quella di evitare che le parole con sentimento negativo o parole oscene venissero incise, ma Apple non si è resa conto che alcune parole politicamente sensibili – che non sono negative – non erano autorizzate”.

Riflettendo sull'inconsistenza delle parole e delle frasi proibite tra le diverse lingue e siti, Wong ha suggerito che era improbabile che le parole chiave vietate venissero inserite manualmente in un elenco: “Altrimenti, non siamo in grado di spiegare perché l'indipendenza di Taiwan nella forma abbreviata è stata permessa, ma l'indipendenza di Taiwan nella forma completa non era consentita”, ha affermato.

HKFP ha contattato Apple per un commento.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.