chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Britannico spinge il Regno Unito a vietare le trasmissioni della tv cinese CCTV dopo la sua confessione forzata subita

Un disegno della confessione forzata di Peter Humphrey, illustrato da Alexey Garmash tramite Hong Kong Free Press (HKFP).

Il seguente post è stato scritto da Kris Cheng e pubblicato [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] su Hong Kong Free Press il 23 novembre 2018. La ripubblicazione si basa su un accordo di partnership.

Un investigatore britannico di frodi ha presentato una denuncia all'autorità di telecomunicazioni del Regno Unito contro la China Cental Television (CCTV) per aver contribuito a inscenare una confessione forzata nel 2013 e 2014.

Nel 2013 e di nuovo nel 2014, Peter Humphrey, un ex giornalista della Reuters, è stato costretto a confessare in diretta sulla televisione cinese per crimini che non aveva commesso, in un calvario che, dice, “lo perseguiterà per sempre”.

Humphrey e sua moglie sono stati assunti dal colosso farmaceutico GlaxoSmithKline per condurre un sondaggio interno nella sede centrale cinese dell'azienda, nel gennaio 2013. A luglio di quell'anno, Humphrey e Yu sono stati arrestati e accusati di “acquisizione illegale di informazioni personali” di cittadini cinesi.

Humphrey è stato costretto a fare confessioni alla televisione di stato nell'agosto del 2013 e di nuovo a luglio nel 2014. Humphrey e Yu sono stati processati nell'agosto 2014 e sono stati condannati rispettivamente a 30 e 24 mesi di carcere. Sono stati rilasciati nel giugno 2015 a seguito di pressioni diplomatiche.

Il 23 novembre 2018, ha presentato una denuncia all'Ufficio delle Comunicazioni del Regno Unito (Ofcom) nel tentativo di revocare la licenza e le credenziali del Regno Unito di CCTV e del suo braccio internazionale CGTN. Se il reclamo viene confermato, l'emittente statale cinese verrà espulsa dal Regno Unito.

Nella sua denuncia Humphrey afferma:

They drugged me, locked me to a tiger chair, and placed me and the chair inside a small metal cage. China Central Television journalists then aimed their cameras at me and recorded me supposedly reading out the answers already prepared for me by the police.

Mi hanno drogato, bloccato su una sedia della tigre, e hanno messo me e la sedia dentro una piccola gabbia di metallo. Inoltre, i giornalisti della Televisione Centrale Cinese (CCTV) hanno puntato le loro telecamere su di me e presumibilmente mi hanno registrato mentre leggevo ad alta voce le risposte già preparate per me dalla polizia.

La denuncia è stata presentata poche settimane prima dell'apertura del nodo europeo della CCTV a Chiswick Park, a Londra. Sarà il più grande dipartimento straniero della CCTV, da quanto si dice veranno assunti più di 300 nuovi dipendenti.

Humphrey dice di aver presentato la denuncia solo anni dopo perché ha dovuto sottoporsi ad un trattamento medico per curare un cancro a lungo termine dopo il suo rilascio, poiché gli era stato negato il trattamento in prigione. Ha anche dovuto sottoporsi ad un trattamento a lungo termine per il disturbo da stress post-traumatico e trattamenti fisici per le articolazioni e i nervi danneggiati.

Tre anni dopo il rilascio, Humphrey ha comunicato a HKFP:

I continue to suffer from nightmares, flashbacks and bouts of depression over my ordeal, my entire family’s ordeal. The forced TV appearance [in] the cage is a trauma that will never leave me. I just have to learn how to manage my trauma.

This action is one of a number of actions that I intend to take focused upon the illegal acts perpetrated against me and my family by the Shanghai regime, against certain individuals who played criminal roles in our persecution, victimisation, unlawful imprisonment, and material damage.

Continuo a soffrire di incubi, flashback e attacchi di depressione per il mio calvario, il calvario di tutta la mia famiglia. L'apparizione forzata in TV nella gabbia è un trauma che non mi lascerà mai. Devo solo imparare come gestire il mio trauma.

Quest'azione è una delle numerose azioni che intendo focalizzare riguardo le azioni illegali perpetrate contro me e la mia famiglia dal regime di Shanghai, contro alcuni individui che hanno svolto ruoli criminali nella nostra persecuzione, vittimizzazione, reclusione illegale e danni materiali.

Confessioni televisive

Le confessioni televisive forzate si sono verificate nella Cina continentale da quando il presidente cinese Xi Jinping è salito al potere nel 2012.

Humphrey è assistito dall'attivista svedese Peter Dahlin, il direttore di Safeguard Defenders, organizzazione che vuole combattere contro questa pratica. Anche Dahlin è stato costretto a confessare in CCTV nel gennaio 2018, su una questione separata.

Safeguard Defenders sta pubblicando un nuovo libro “Trial By Media” (Processo mediatico) sulle confessioni televisive. Il libro comprende le testimonianze di Humphrey, Dahlin, dell'avvocato per i diritti umani Wang Yu, e del libraio di Hong Kong Wing-kee, tra gli altri.

Dahlin ha riferito a HKFP che la denuncia di Humphrey identifica oltre 20 diverse violazioni del codice di trasmissione di Ofcom nelle confessioni forzate trasmesse dalla CCTV, che coprono quattro diversi tipi di violazioni. Egli ha affermato:

Mr. Humphrey has a strong argument for why the complaint should be accepted… If it is, there is literally no situation or interpretation where CCTV will not be found to have grossly violated the broadcasting code.

Il signor Humphrey ha una forte argomentazione per cui la denuncia dovrebbe essere accettata.. se lo è, non c'è letteralmente nessuna situazione o interpretazione in cui non sia riscontrato che la CCTV abbia violato gravemente il codice di trasmissione.

Egli ha detto che la richiesta di togliere la licenza di CCTV era basata sul codice di trasmissioni dell'ufficio delle comunicazioni e un caso passato del 2009. In quell'anno, la PressTV dell'Iran ha trasmesso una confessione sulle onde radio del Regno Unito del giornalista iraniano-canadese Maziar Bahari, all'epoca rinchiuso in prigione.

Bahari aveva presentato una denuncia all'ufficio delle comunicazioni e nel 2011 PressTV ha perso la sua licenza di trasmettere nel Regno Unito.

Humphrey spera che il difensore civico “lo prenderà sul serio per difendere le leggi, i regolamenti e i valori britannici da una agenzia di false notizie complice in crimini contro i diritti umani” e ha aggiunto:

The upholding of the complaint and sanctions against CCTV in the UK would send a strong signal to Beijing and would alert the world to the dangers posed by [CCTV]. A denial of the complaint would be a dark day for democracy, for the rule of law and for human rights.

La difesa della denuncia e delle sanzioni contro la CCTV nel Regno Unito manderebbe un segnale forte a Pechino, e avvertirebbe il mondo dei pericoli creati dalla CCTV. Una smentita della denuncia sarebbe una giorno buio per la democrazia, per lo stato di diritto e per i diritti umani.

Humphrey ha detto a HKFP:

This experience and struggle does not diminish my love for the Chinese people and their culture after 43 years of involvement with China. The Chinese people deserve better governance than they have today.

Questa esperienza e questa lotta non diminuiscono il mio amore per il popolo cinese e la loro cultura, dopo 43 anni di coinvolgimento con la Cina. Il popolo cinese merita un governo migliore di quello che ha oggi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.