chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

La guerra non fa distinzione di genere: le storie dal fronte delle donne soldato della Georgia

Il maggiore Manana Kurdadze e il sergente Nana Tskhadadze ricordano la loro collega Zurab Begiashvili, deceduta durante la guerra dell'agosto del 2008. Entrambe hanno militato nell'esercito come medici durante la guerra. Tutte le foto sono state scattate da Bach Adamia per Chai Khana e vengono riutilizzate con l'autorizzazione della stessa.

Quella che segue è una versione di un post pubblicato da un partner [en, come i link seguenti] di Global Voices, Chai-Khana.org. Testo e foto sono di Bacho Adamia. 

La dottoressa georgiana Nana Tskhadadze conosce bene la guerra.

Questo sergente di 44 anni ha militato come medico durante la guerra in Iraq ed era in prima linea a Tskhinvali, durante la guerra del 2008 tra la Russia e la Georgia.

Tuttavia, nonostante la sua esperienza come medico, per molti georgiani, il sesso di Tskhadadze la rende un soldato sui generis.

Gli stereotipi di genere sono molto forti in Georgia, dove molti genitori educano ancora i loro figli maschi ad essere forti e coraggiosi, e le figlie femmine ad essere dolci e premurose.

Una piccola minoranza di donne, come Tskhadadze, si sta però opponendo a queste tradizioni.

Tskhadadze non è cresciuta sognando la vita militare. Quando era una ragazzina e viveva nel villaggio di Sviri, nella regione meridionale dello Samtskhe-Javakheti della Georgia, sognava di diventare un medico.

Dopo essersi laureata in medicina presso l'Università di stato di Tbilisi, ha lavorato per cinque anni come parte dello staff della facoltà. Poi, ha deciso di seguire le orme del fratello e dei cugini e di arruolarsi.

All'inizio della sua carriera, Tskhadadze è stata assegnata alla Brigata Kodjori come capo della farmacia. Dopo aver lavorato come medico militare per sei anni, è stata inviata in missione in Iraq, insieme ad altri 28.000 soldati georgiani dislocati per lo più nella capitale Baghdad.

I ricordi della guerra dell'agosto 2008 risvegliano profonde emozioni tra i medici militari, che hanno dovuto assistere alle sofferenze e alla morte dei soldati sul fronte. “Durante una guerra, può accadere di tutto. Avrei potuto essere catturata”, afferma la dottoressa Nana Tskhadadze (a sinistra).

Appena è scoppiata la guerra nell'agosto del 2008, la Georgia ha rapidamente ritirato le sue truppe dall'Iraq. Tskhadadze è stata inviata a Tskhinvali, ovvero al fronte della guerra scoppiata tra il governo centrale della Georgia e la dissidente repubblica dell'Ossezia del Sud, appoggiata dalla Russia.

Quando ha saputo della sua mobilitazione, ha capito che avrebbe avuto ancora più responsabilità dei suoi colleghi uomini.

“Quando ci hanno detto che era scoppiata la guerra, ho iniziato a pensare a cosa sarebbe potuto accadere. Sapevo, come donna, di avere maggiori responsabilità. In una guerra può accadere di tutto, e non era escluso che potessi essere catturata” ricorda, aggiungendo che se ciò fosse avvenuto sarebbe stato “vergognoso” sia per la sua famiglia che per il suo paese.

Inoltre, a differenza dei suoi colleghi uomini, Tskhadadze sapeva di non poter raccontare della sua missione ai suoi genitori, perché era preoccupata delle loro reazioni. Quindi, è andata a Tskhinvali, mentendo ai suoi genitori e dicendo loro che era stata trasferita in un ospedale militare a Tbilisi, la capitale della Georgia.

Il sergente Tskhadadze fascia il braccio di un soldato presso la base di Vaziani.

A distanza di dieci anni, Tskhadadze si ricorda ancora il rumore delle bombe e il tremendo calore che proveniva dal fronte quando erano sotto attacco.

“Seguivamo il team medico. Eravamo in quattro: due uomini e due donne. Dovevamo difenderci perché loro (i russi) ci sparavano addosso da una casa disabitata. Dovevamo aiutare i nostri soldati”, ci racconta.

La situazione è significativamente peggiorata quando le forze russe hanno iniziato i bombardamenti aerei.

“La città sembrava un inferno. Sparavano da tutte le parti. I soldati avevano messo su una linea di difesa per permetterci di raggiungere i feriti. Sulla via di ritorno, noi abbiamo dovuto fare lo stesso con loro e ci hanno aiutato a salvare i feriti”, racconta Tskhadadze, aggiungendo che gli uomini si sono sentiti in qualche modo incoraggiati dal fatto che su fronte ci fossero anche delle colleghe donne.

La dottoressa Nana Tskhadadze ha iniziato a lavorare come medico in campo civile, ma poi ha deciso di arruolarsi seguendo le orme del fratello e dei cugini. Lei e le altre donne soldato stanno sfidando significativamente gli stereotipi di genere ampiamente diffusi in Georgia.

Tskhadadze ricorda che mentre si allontanava dall'area dei combattimenti, c'è stata una forte esplosione nel bosco e che, sentendo richieste di aiuto, le è venuto spontaneo afferrare la sua borsa per aiutare un soldato che aveva la gamba rotta.

“Ho fermato l'emorragia e chiesto agli altri di portare una barella. In quello stesso momento il cielo è diventato arancione. Sono stata colpita da un'onda d'urto e vedevo soldati che saltavano in aria da tutte le parti. Sono caduta a terra”.

Quando si è ripresa, è stata colpita dal silenzio e dal fatto che intorno a lei c'erano solo cadaveri.

“Tutti intorno a me erano morti. Non volevo che mi catturassero e mi è venuto spontaneo cercare la mia arma. Non mi sentivo più la spalla. Pensavo di non riuscire a uscire dal bosco”.

A un certo punto, si è resa conta che altri soldati georgiani stavano arrivando a salvarli.

“Mi hanno aiutato. Quelle scene rimarranno impresse nella mia memoria per sempre”, ci racconta.

Tskhadadze è stata trasferita all'ospedale di Gori insieme ad altri soldati feriti. “Per la prima volta in tutta la mia carriera, ho avuto paura mentre mi trasferivano in ospedale”, confessa.

“Ero stata ferita gravemente, ma quello che avevo visto era molto peggio del dolore fisico. Dal momento che ero sopravvissuta, ho capito che era mio dovere continuare a vivere. Un anno dopo, mi sono rimessa l'uniforme e sono tornata a lavorare per l'esercito”, racconta.

‘Una madre è sempre associata all'idea di pace’

Il maggiore Manana Kurdadze in piedi con alcun soldati davanti a una corsia ospedaliera dedicata al tenente Zurab Begiashvili. Begiashvili è deceduta durante la guerra del 2008. Kurdadze ha lavorato come medico militare durante la guerra in cui è stato ferito anche suo figlio.

La dottoressa Manana Kurdadze, 53, maggiore dell'esercito, ha difeso la Georgia per oltre due decenni.

Nella sua unità la chiamano la “madre della brigata”. Per i soldati, Kurdadze non è solo un medico, ma anche un'amica a cui possono rivolgersi quando hanno dei problemi.

“Essere un medico comporta assumersi delle responsabilità, ma quella maggiore è difendere la pace. Aiutare i soldati e battersi per la pace mi dà serenità. Ringrazio Dio di poter aiutare i nostri militari”, afferma Kurdadze.

Come Tskhadadze, anche Kurdadze si emoziona quando ricorda la guerra del 2008.

La dottoressa Manana Kurdadze, 53 anni, è conosciuta da tutti come la madre della brigata.

“Quando sono iniziati gli attacchi aerei, io e i miei amici ci aspettavamo il peggio. Dicono che in quei momenti ti vedi passare davanti tutta la vita. Non è stato così per me. Pregavo solo Dio che accadesse un miracolo e che potessimo tutti sopravvivere”, ricorda.

“Quando ti trovi coinvolto in una guerra e vedi la gente morire, la vita, l'amore e le amicizie ti sembrano più preziosi. Mi ricordo che, al mio ritorno a casa, non facevo altro che abbracciare e baciare tutti”.

Il maggiore Manana Kurdadze mentre misura la pressione del sangue presso la base di Vaziani.

Kurdadze, che ha due figli, dice che il sostegno della sua famiglia è essenziale.

Il momento in cui ha provato più paura, durante la guerra del 2008, non sono stati tanto i momenti passati al fronte, ma quando è venuta a sapere che suo figlio era stato ferito in battaglia.

Manana Kurdadze dovrebbe presto andare in pensione e trova difficile immaginare la sua vita in ambito civile.

Kurdadze pensa che le donne e le madri abbiano un ruolo speciale nel mantenere la pace.

“Un medico donna o un'infermiera è sostanzialmente una madre e una madre è sempre associata all'idea di pace. Anche se una donna non ha figli, ha comunque dentro un istinto materno. Come donna, quando lavori nell'esercito, ti senti responsabile di ogni soldato. Penso che nell'esercito ci dovrebbero essere più donne, perché i soldati hanno bisogno di qualcuno che si prenda cura di loro e le donne lo sanno fare”.

Manana Kurdadze ritiene che lavorare per l'esercito aiuti a diventare forti soprattutto dentro.

Oggi, ha una nuova sfida da affrontare: il pensionamento.

“Ho 53 anni. Tra due anni, lascerò il servizio attivo. Mi chiedo spesso cosa farò quando non dovrò più alzarmi alle sei del mattino e non vedrò più le mie ragazze e i miei soldati. Non so come farò a sopravvivere”.

Per altri articoli come questo, consulta lo speciale di Chai Khana intitolato The Peace Builders

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.