chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Né quotidiani cartacei, né elettricità, né notizie: continuano ad intensificarsi i controlli sull'informazione in Venezuela

Particolare dell'immagine dell'illustratore Eduardo Sanabria che allude alla censura dei media e all'autocensura in Venezuela. Usata con permesso.

Tra le proteste diffuse in risposta alla crisi sociale, politica ed economica del Venezuela, il controllo statale sulle informazioni ha raggiunto nuove vette.

Nel giugno 2018, i venezuelani hanno visto che i giornali online, i siti pornografici e la rete Tor erano bloccati, in quella che sembra essere l'ultima mossa di una strategia in continua evoluzione per limitare l'accesso alle informazioni al pubblico in generale.

La strada è stata lunga e costante [en]. Quello che era iniziato con limitazioni di accesso allo spettro radio e televisivo [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] durante il governo dell'ex defunto presidente Hugo Chávez è aumentato sotto la guida del presidente Nicolás Maduro, e molti media che in precedenza erano di proprietà privata hanno fatto una transizione verso un modello in cui lo stato ha un potere esplicito o soft sulle attività editoriali e commerciali.

Inoltre, nel 2017 l'Assemblea Nazionale Costituente (ANC), che aveva assunto tutti i poteri legislativi [en] che erano precedentemente sotto la supervisione dell'Assemblea Legislativa Nazionale, ha approvato una legge controversa [en] che regolamenterebbe i social media [it], sanzionando o eliminando qualsiasi mezzo che “stia promuovendo l'odio”. Sembrava che la misura fosse già stata in pratica, visti i casi di persone che sono state messe dietro le sbarre [en] a causa di un tweet.

Dal 2014, la crisi in atto ha generato carenze croniche di beni e servizi di base, come la carta [en], l'elettricità [en] e l'internet a banda larga [en]. Queste carenze, combinate con gli sforzi politici per limitare l'accesso del pubblico a informazioni e notizie, hanno creato uno scenario teso e altamente controllato per la comunicazione e la condivisione delle informazioni.

I giornali pubblicano online… e vengono bloccati

Con il rapido aumento del costo della carta da giornale e con la carta stessa quasi inesistente, i giornali locali (specialmente quelli critici nei confronti del governo) sono stati costretti a chiudere o ad avere edizioni online [en], dove non avevano alcuna garanzia di mantenere un pubblico. All'inizio del 2018, un giornalista ha scritto su Twitter:

Riferiscono che il sito web El Nacional è stato bloccato in diversi posti in Venezuela.

Ho notato oggi che è bloccato l'accesso del mio computer ai giornali El Nacional, La Patilla e altri siti venezuelani “fastidiosi” per la dittatura. Gli altri hanno lo stesso problema? Dovremo segnalare questi casi.

Mesi più tardi, all'inizio di giugno, i giornalisti hanno segnalato su Twitter e su altri media che El Nacional, uno dei giornali più importanti del paese, era bloccato:

Questo è El Nacional nei server cantv (il più importante fornitore di internet): Bloccato.

“Non si tratta di pornografia, ma di blocco”

Espacio Público, un'organizzazione che difende la libertà d'espressione e l'acceso alle informazioni, ha riportato tramite il proprio account Twitter che il fornitore di servizi internet CANTV aveva bloccato l'accesso a siti con contenuti sessuali come Pornhub e Youporn.

Il provvedimento ha catturato l'attenzione del pubblico e della stampa, all’interno e all’esterno del paese. I giornalisti hanno condiviso le loro impressioni riguardo le opinioni autoritarie sulla morale e sulla decenza:

La pregunta a hacerse aquí es, ¿cómo es que se llegó a este punto? Cualquiera por lógica diría que el chavismo es un régimen que lento pero seguro, se mete con todos los sectores de la sociedad. Así no sean numerosos, los quita del camino para completar su dominación social.

La domanda da porsi è, come siamo giunti a questo punto? Chiunque, a rigor di logica, direbbe che il chavismo è un sistema che, lentamente ma inesorabilmente, si intromette in ogni aspetto della società. Anche se alcuni di questi non sono molto numerosi, li mettono da parte per completare il loro dominio sociale.

Altri utenti sono stati rapidi nell'analizzare l'effettiva portata della mossa e il suo stretto legame con la censura online, una preoccupazione presente non solo in Venezuela [en].

Il problema qui non è il fatto che stanno bloccando i siti porno, che è di per sé già un disastro, il problema è che questo blocco verrà esteso ulteriormente ad altre pagine del web.

Cosa hanno guadagnato bloccando i siti porno? Provando a bloccare altri siti, forse il prossimo sarà Youtube.

Tuttavia, gli altri utenti sospettano che non si tratti né di pornografia né di censura. Per loro, il problema è la banda larga e l'impossibilità di pagarla:

Il blocco di CANTV [il fornitore nazionale di internet e telefonia del Venezuela] delle pagine web pornografiche non riguarda l'essere prudenti o il governo che vuole proteggere i bambini. È fondamentalmente perché il Venezuela non ha i soldi per pagare la banda larga, che viene consumata in quelle pagine che caricano a 0.30 dollari per una connessione internet.

Quali sono le alternative? Forse Tor può aiutare… oppure no

Tor, il software gratuito usato per navigare in rete in modo anonimo, che ha permesso a molti di usare internet in sicurezza, è stato bloccato secondo diverse segnalazioni online.

I blocchi di diversi nodi della rete Tor sembrano essere intermittenti, e non sono quindi completamente efficaci. Ciò nonostante, le organizzazioni come Acceso Libre o VE Sin filtro hanno confermato che Tor è stato bloccato e ha proposto soluzioni per contenere le limitazioni:

Possiamo confermare che Tor è bloccato (in connessione diretta), può essere usato con il bridge (un'estensione di collegamento).

Vengono segnalati blocchi alla rete @torproject in Venezuela. Ecco come evitare la censura quando si configura Tor per utilizzare i bridge.

Visto il contesto e lo scenario attuale, la prognosi per la libertà d'espressione e l'accesso alle informazioni nel paese sembra desolante. Molti venezuelani si chiedono quale spazio mediatico o mezzo di comunicazione sarà il prossimo ad essere censurato… e cosa possono fare per essere più furbi rispetto agli sforzi governativi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.