chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Perché Cuba ha deciso di richiamare 8000 dei suoi medici dal Brasile?

Come riporta il governo di Cuba, 20.000 medici hanno assistito 113 milioni di brasiliani negli ultimi cinque anni. Immagine: Agência Brasil, CC BY 3.0

Migliaia di brasiliani potrebbero ritrovarsi senza assistenza sanitaria, adesso che Cuba inizia a richiamare 8400 medici che sono stati ubicati nelle cittadine più piccole e remote negli ultimi cinque anni.

In una dichiarazione ufficiale, datata 14 novembre 2018, l'Avana ha annunciato che terminerà la sua convenzione con il Brasile in risposta ai commenti pubblici del Presidente eletto Jair Bolsonaro sul programma, che lo ha giudicato “minaccioso e oltraggioso” [pt, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]. In svariate occasioni, durante la campagna presidenziale, Bolsonaro ha messo in discussione le competenze dei medici cubani, criticando i termini della convenzione.

Lanciato nel 2013 dall'ex presidente Dilma Rousseff, il programma “Mais Médicos” (Più Medici) ha l'obiettivo di ampliare l'accesso all'assistenza medica nelle cittadine del Brasile più vulnerabili, alcune delle quali non avevano mai avuto un medico residente. Ha creato migliaia di posti di lavoro in quelle aree, offrendo salari di circa 3500 dollari al mese più uno stipendio per l'abitazione e l'alimentazione (per un confronto, lo stipendio minimo in Brasile si aggira al momento sui 300 dollari al mese).

Il programma dà preferenza ai medici brasiliani, ma dopo che si sono registrati per solo il 6% dei posti offerti, i posti ancora vacanti sono stati coperti dai medici cubani, arrivati grazie a una convenzione firmata tra il Ministro della Salute brasiliano e l'Avana, con la mediazione dell’Organizzazione Pan-Americana della Salute [en] dell'OMS. Conformemente ai termini della convenzione, il Brasile non contratta direttamente i medici: paga, invece, il governo cubano, che li contratta, amministra e compensa come dipendenti pubblici, con un salario pari al 25% di quello che il Brasile gli pagherebbe contrattandoli direttamente.

I medici cubani assistono alcuni dei brasiliani più vulnerabili… Queste sono le persone che Bolsonaro ha mandato via con dichiarazioni disastrose. Foto di Araquém Alcântara

La convenzione ha sollevato innumerevoli critiche da quando i primi medici hanno iniziato ad arrivare. Sono stati contestati con fischi negli aeroporti da ingenti folle e chiamati “schiavi” [it] nelle proteste delle associazioni mediche brasiliane.

Lo stesso Bolsonaro, ai tempi un membro del Congresso presso la Camera dei Deputati, ha chiesto alla Corte Suprema la sospensione del programma. Come membro del Congresso e anche durante la sua corsa presidenziale, ha detto ripetutamente che il programma è un “lavoro da schiavi”. Ha promesso di rimandare i medici a Cuba con un “colpo di penna”, affinché possano assistere i “membri del Partito dei Lavoratori, che saranno presto mandati a Guantanamo” [en]. In un'intervista televisiva nel luglio 2018, ha detto che “nessuno ha alcuna prova del fatto che i medici cubani hanno una qualche conoscenza della medicina”.

Nella sua dichiarazione ufficiale, l'Avana ha detto:

El pueblo brasileño, que hizo del Programa Más Médicos una conquista social, que confió desde el primer momento en los médicos cubanos, aprecia sus virtudes y agradece el respeto, sensibilidad y profesionalidad con que le atendieron, podrá comprender sobre quién cae la responsabilidad de que nuestros médicos no puedan continuar prestando su aporte solidario en ese país.

The Brazilian people — who made the “More Doctors” program a success, who trusted the Cuban doctors from the beginning, who appreciated the respectful, sensitive and professional treatment they received — will understand who is responsible for our doctors being unable to continue providing support in the country.

La gente brasiliana — che ha trasformato il programma “Più Medici” in successo ha avuto fiducia nei medici cubani dall'inizio, ha apprezzato il trattamento rispettoso, sensibile e professionale ricevuto — comprenderà chi è responsabile del fatto che i nostri medici non sono in grado di continuare a fornire assistenza in questo Paese.

Bolsonaro ha risposto sui suoi canali di social media che l'Avana, semplicemente, non ha voluto accettare nuovi termini: il trasferimento dell'intero stipendio ai suoi medici e la convalida dei loro diplomi medici in Brasile attraverso un esame. Ha definito una “irresponsabile decisione della dittatura cubana” il non considerare l'impatto che avrebbe sulla vita dei brasiliani.

Come scrive il giornalista Leonardo Sakamoto, questo potrebbe portare alla “prima crisi sociale nel governo di Bolsonaro” e una cosa che potrebbe scoppiare prima ancora che assuma la carica.

I cubani costituiscono il 45% dei professionisti di Più Medici. Circa il 28% delle città brasiliane servite dal programma contano soltanto su un medico cubano residente. Circa il 90% dei medici che lavorano nelle aree indigene in Brasile sono cubani.

Problemi del Brasile, soluzioni di Cuba

Cinque anni fa, il Brasile aveva un deficit di 54.000 medici nel suo sistema di salute pubblica. Il Paese aveva 1,8 medici ogni 1000 abitanti. Per un confronto, questo tasso è al momento del 2,5 negli Stati Uniti e del 7,5 a Cuba.

Le piccole cittadine in Brasile hanno sempre lottato per attirare medici professionisti, che lamentano la mancanza di infrastrutture. Il Brasile non riesce a formare abbastanza medici per servire la sua popolazione di 200 milioni di persone.

La piccola nazione socialista, d'altra parte, ha medici in abbondanza. Attualmente, Cuba ha 50.000 operatori sanitari stazionati in 67 nazioni. Il leasing di esperti sanitari è il principale bene di esportazione di Cuba: generano 11 miliardi di dollari di entrata per lo Stato all'anno, più del turismo.

I medici cubani al loro arrivo in Brasile nel 2013. Foto di Valter Campanato/Agência Brasil, CC BY 3.0

Cuba ha mandato il suo primo dispiegamento medico all'estero nel 1963, dopo la guerra di indipendenza in Algeria. Da allora, come riporta una storia di Radio Ambulante, quasi 500.000 medici cubani hanno lavorato in Africa, Asia e America.

Nel corso degli anni, alcuni cubani hanno detto alla stampa brasiliana che si sentono “sfruttati”. Alcuni hanno intrapreso cause legali contro il governo e la OMS. Altri hanno riportato le minacce fatte dal loro governo. Molti hanno tuttavia detto in un podcast di Radio Ambulante che, nonostante l'Avana trattenga il 75% degli stipendi, non pensano che il loro salario sia iniquo.

I risultati

Uno studio dell’Università Federale di Minas Gerais, che ha intervistato 14 mila pazienti in 700 città, un anno dopo l'inizio di Più Medici rilevando un alto livello di soddisfazione con il programma: l'85% ha detto che l'assistenza sanitaria nelle loro regioni era “migliore” o “molto migliore”. I partecipanti hanno sottolineato che le scarse infrastrutture e la carenza di farmaci sono problemi irrisolti.

Un altro studio della fondazione Fundação Getúlio Vargas (FGV) mostra che il programma ha aiutato il governo a ridurre di un terzo le sue spese di ospedalizzazione. Débora Mazetto, uno degli economisti che hanno diretto lo studio, ha detto alla BBC Brasile:

Houve uma melhora na qualidade do atendimento à população. Imagine uma comunidade que não tinha médicos? Com o aumento das consultas em áreas desassistidas, foi possível identificar e tratar doenças com agilidade, evitando internações que poderiam ser de fato evitáveis

C'è stato un miglioramento nella qualità dei servizi offerti alla popolazione. Potete immaginarvi una comunità che non ha mai avuto un medico? Con un incremento del numero di visite in aree che erano completamente prive di assistenza, adesso è possibile identificare e trattare le malattie più rapidamente, evitando ospedalizzazioni non necessarie.

Quale avvenire?

Dal 14 novembre 2018, più di 200 medici sono già tornati a Cuba. L'Organizzazione della Salute Pan-Americana prevede che tutti saranno tornati in patria entro il 12 dicembre.

In molte cliniche pubbliche, la gente si è ritrovata senza assistenza medica nell'ultima settimana, o gli è stato detto che in futuro ci sarà un medico disponibile una volta alla settimana. Sebbene il governo brasiliano sostenga che il 92% dei posti lasciati vacanti dai cubani siano già stati rioccupati, il giornale Folha de S. Paulo dice che questo numero potrebbe non significare un granché alla fine della giornata:

Em 2017, o Ministério da Saúde abriu concurso para selecionar brasileiros para o Mais Médicos. Ao todo, 6.285 se inscreveram para 2.320 vagas, mas só 1.626 apareceram para trabalhar. Cerca de 30% deixaram seus postos antes de um ano de serviço.

Nel 2017, il Ministero della Salute ha pubblicato un bando per selezionare brasiliani per il programma Più Medici. In totale, 6.285 si sono candidati per 2.320 posti vacanti, ma soltanto 1.626 hanno intrapreso il lavoro. Circa il 30% ha lasciato il lavoro prima di concludere un anno di servizio.

Come molti programmi sociali in Brasile, Più Medici ha le sue zone grigie, ma ha anche cambiato drasticamente la salute pubblica nelle regioni che erano completamente dimenticate dallo Stato brasiliano. Forse la maggiore sfida al momento per il prossimo governo eletto è quella di imparare dai suoi errori e come correggerli. Come e se il governo di Bolsonaro garantirà l'assistenza sanitaria in queste regioni, è ancora un'incognita.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.