chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Nonostante i molti ostacoli, si può essere donna e imprenditrice in Afghanistan

Shukria Attaye, una donna afghana imprenditrice di 50 anni. Foto di Ezzatullah Mehrdad.

Quando il sole tramonta sopra una misera aia nella parte occidentale della capitale Kabul in Afghanistan, due fratelli che indossano tute da lavoro sudicie miscelano e battono il mangime, prima dell'arrivo di un nuovo gruppo di vacche da latte.

Una è Shukria Attaye, 50 anni. L'altro è Mohammad Ali, 55 anni. Insolitamente, in una regione dove i ruoli di genere sono severamente definiti e l'anzianità venerata, è Mohammad Ali a essere sul libro paga di sua sorella Shukria Attaye.

“Sono orgoglioso di mia sorella”, dice Mohammad Ali, la cui paga presso l'azienda di famiglia è di circa 200 dollari al mese.

“All'inizio, non pensavo che avrebbe avuto tanto successo. Pensavo che avrebbe solo cercato di guadagnarsi da vivere, niente di più”.

Attaye, che è analfabeta, è il capo di tre altri uomini che lavorano nell'aia. Si è guadagnata la sua posizione al timone della famiglia nel modo più duro, dopo che suo marito ha subito lesioni da parte dei talebani, diventando inabile al lavoro.

Sebbene non provenga da una famiglia indigente, non viene neanche da una famiglia benestante. Ha avviato la fattoria con vacche da latte cinque anni fa, con meno di 40.000 Afghani (circa 700 dollari). Adesso pianifica di investire in un impianto per la lavorazione del latte.

“Non volevo vedere i miei figli al lavoro in strada”, dice Attaye, descrivendo la sua motivazione. “Il mio coraggio, entusiasmo e sicurezza mi hanno spinto a procedere e lavorare”.

Shukria Attaye in piedi nell'aia che ha affittato per un importo annuale di 1.000 dollari. Foto di Ezzatullah Mehrdad.

Attaye ha sviluppato le sue qualità di leader in condizioni avverse. La sua famiglia è una delle migliaia che sono fuggite dal Paese per l'Iran, nel periodo che ha seguito l'invasione sovietica del 1979. Lì ha assunto un ruolo prominente in un comitato di donne che cooperava con le Nazioni Unite nelle questioni correlate ai profughi.

Nel 1996, quando le lotte intestine sono finalmente diminuite e i talebani hanno portato il Paese sotto il loro controllo, l'ONU l'ha invitata a tornare in Afghanistan e lavorare per l'ufficio dell'organizzazione nella città occidentale in Herat.

Tuttavia, non appena la famiglia è tornata, suo marito è stato arrestato dai talebani senza spiegazioni e torturato così malamente da soffrire di cuore e altre malattie per il resto della sua vita, racconta.

Arrivare a fine mese

La famiglia si è trasferita a Kabul e Shukria Attaye ha aperto un panificio. I suoceri hanno rotto ogni legame con loro, per timore che con l'invalidità di suo marito la sua famiglia avrebbe potuto rivolgersi a lavoro per un aiuto finanziario. Il panificio è stato un successo, comunque, e Attaye ha quindi iniziato a commerciare auto e piccoli appezzamenti di terreno.

Tuttavia quando la salute di suo marito è declinata, è morto nel 2016, lo stesso è valso per i risparmi d famiglia.

Dopo numerose visite nella limitrofa India per trattamenti medici, “non avevo denaro in tasca”, ricorda.

Attaye ha mostrato a Global Voices una cambiale che dimostra che ha preso in prestito i soldi per il loro viaggio di ritorno da quel Paese nel 2013. 

È in questo periodo che Attaye decide di intraprendere un'attività con le vacche da latte. Ha ottenuto un prestito da un conoscente e ha acquistato una vacca da latte per 700 dollari. Dopo aver rivenduto la vacca realizzando un profitto, ne ha acquistate molte. Adesso ne ha 25.

La signora Attaye accudisce le sue vacche da latte. Foto di Ezzatullah Mehrdad.

Aiutare le altre donne

In Afghanistan, le donne lavoratrici sono stigmatizzate in molti ambiti. Laila Haidari, che gestisce un programma di riabilitazione dalla droga rinomato a livello internazionale, il Mother Camp (Campo Madre), dice che è stata accusata di essere una prostituta dagli ecclesiastici locali. 

Per finanziare il campo, Haidari ha aperto un ristorante nel 2013. Tuttavia per molti dei suoi clienti, l'idea di un ristorante gestito da una donna non ha senso. Richiedono spesso servizi sessuali addizionali a cibo e bevande, dice.

Haidari ha usato la sua posizione come imprenditrice e influencer sociale per dare potere ad altre donne, e fornisce supporto finanziario a circa 35 ragazze e donne, affinché frequentino le università e le scuole superiori.

“Dare potere alle donne afgane non è un progetto americano”, ha detto a Global Voices riferendosi a un regolare criticismo nei confronti di iniziative simili alle sue. “Si tratta di trovare un obiettivo e di trovare il coraggio (per loro) di credere in se stesse”.

Da alcuni anni Shukria Attaye ha anche l'aspirazione di aiutare gli altri. Momentaneamente ospita altre due donne, una divorziata e una vedova.

“Quando amplierò la fattoria con le vacche da latte, prenderò altre donne in difficoltà”, ha detto Attaye a Global Voices.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.