chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Bangladesh: la corrispondenza tra Arundhati Roy e Shahidul Alam racconta storie di resilienza e speranza

Shahidul Alam (sinistra) e Arundhati Roy (destra). Immagine di Flickr di Christopher Michel e UCL News. CC BY e CC BY-NC-ND.

Il 14 novembre 2018, un giorno prima della Giornata Mondiale degli Scrittori Incarcerati, la scrittrice indiana Arundhati Roy [it] ha scritto una lettera al pluripremiato fotoreporter bengalese Shahidul Alam, in relazione alla data della sua centesima giornata di incarcerazione. Shahidul Alam è stato in seguito rilasciato su cauzione [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] e ha risposto per lettera a Roy. Entrambe sono state pubblicate liberamente e da allora ampiamente pubblicizzate, con vari media che le hanno riportate tra le notizie del giorno, nello spazio dedicato alle opinioni personali.

Shahidul Alam, un famoso fotografo, attivista sociale e insegnante del Bangladesh, è stato prelevato dalla sua casa di Dhaka il 5 agosto 2018 alle 10 del mattino da almeno 20 poliziotti, alcune ore dopo che la sua intervista con Al Jazeera era stata messa in onda. Il giorno seguente è stato accusato, secondo l’articolo 57 della Legge sulle Tecnologie dell’ Informazione e della Comunicazione del Bangladesh, di aver diffuso dei commenti “provocatori” contro il governo del paese riguardanti la protesta studentesca per la sicurezza sulle strade che aveva avuto luogo dal 29 luglio al 9 agosto scorsi. I suoi difensori avevano richiesto un rilascio su cauzione il 28 agosto, ma gli era stato negato varie volte, con una lunga successiva battaglia legale, mentre i suoi sostenitori in tutto il mondo richiedevano il suo rilascio.

Sono passati 100 giorni da quando il pluripremiato fotoreporter Shahidul Alam è stato arrestato senza un mandato. Un gruppo di scrittori e attivisti dell’ Asia meridionale sollecitano Sheikh Hasina e il governo bengalese per il suo rilascio immediato:

Dopo la lettera di Arundhati, 34 celebrità del sud asiatico, compresi scrittori, storici e attori, hanno firmato una lettera rivolta al primo ministro Sheikh Hasina in cui si richiedeva il rilascio incondizionato di Shahidul Alam.

L'arresto ha anche suscitato indignazione tra i sostenitori, che hanno organizzato numerose proteste [it], delle marce di solidarietà e delle campagne online per ottenere giustizia. Piazza Shahbag a Dhaka si è riempita di persone che cantavano slogan, in occasione di un raduno pubblico dal nome “Rendiamo la democrazia libera”, che si è tenuto il 9 settembre per protestare contro l'incarcerazione di Shahidul.

“Let Democracy be free” (Lasciate che la democrazia sia libera). Una protesta innovativa in piazza Shahbag a Dhaka, richiedente il rilascio di Shahidul Alam. Fotografia di Pranabesh Das, utilizzata con permesso.

Arundhati Roy ha menzionato nella lettera la sua profonda preoccupazione per Shahidul, avendo temuto il peggio quando era venuta a conoscenza dei dettagli dell'arresto trasmessi dai notiziari. Ha anche espresso il suo forte disappunto e rabbia nei confronti delle leggi bengalesi sull'informazione. Arundhati ha scritto

Section 57 potentially criminalizes all forms of speech except blatant sycophancy. It is an attack not on intellectuals but on intelligence itself.

L'articolo 57 criminalizza in modo potenziale tutte le forme di comunicazione, eccetto il servilismo sfacciato. Si tratta di un attacco non solo contro gli intellettuali, ma all'intelligenza stessa.

Dopo aver trascorso mesi dietro le sbarre, Shahidul è stato liberato il 20 novembre 2018, cinque giorni dopo che la Corte gli aveva concesso il rilascio incondizionato. Sebbene le accuse non siano ancora state ritirate, non può essere imprigionato senza un ordine della Corte.

Un’ immagine iconica del fotoreporter bengalese e attivista Shahidul Alam, condivisa dalla campagna FreeShahidul. Finalmente è stato rilasciato oggi su cauzione, dopo più di 100 giorni in prigione, con l'accusa di diffondere propaganda politica. Era stato arrestato dopo aver postato su Facebook materiale sulle proteste di Dhaka.

Shahidul ha scritto nella sua lettera a Arundhati che, nonostante i grandi sforzi che sono stati fatti per non concedere il rilascio, la vittoria era dalla sua parte. “… ci siamo tenuti le mani e abbiamo intonato canzoni mentre oltrepassavo il cancello della prigione”, ha scritto Shahidul.

In risposta, Shahidul Alam ha sottolineato che la lettera di Arundhati era speciale grazie al fatto che, a differenza di altre lettere inviate al primo ministro richiedenti la sua liberazione, questa era stata indirizzata esattamente a lui.

Ha descritto il suo incontro con varie persone, le emozioni suscitate dal vivere lontano dai comfort della propria casa, dal suo pesce rosso e da sua moglie Rahnuma, e la sua esperienza con la routine della prigione. Ha anche raccontato del dolore comune, dei legami e delle lotte che lo accomunano a Roy.

Quando Arundhati aveva concluso la sua lettera auspicando giorni migliori, Shahidul l'aveva rassicurata speranzoso:

But yes, Arundhati, the tide will turn, and the nameless, faceless people will rise. They will rise as they did in 1971. We will have secularism. We will have democracy. We will have social equality. We will win back this land.

Certo, Arundhati, le cose cambieranno, e le persone senza nome e identità si rialzeranno. Si innalzeranno come fecero nel 1971. Avremo il secolarismo. Avremo la democrazia. Avremo l'uguaglianza sociale. Ci riprenderemo questo paese.

I sostenitori di tutto il mondo hanno condiviso con dei tweet le lettere, simboli di cameratismo e di apprezzamento reciproco del loro lavoro.

Amal Nassar, un rappresentante presso l’ICC di FIDH, ha scritto:

“…le cose cambieranno, e le persone senza nome e identità si rialzeranno. Si innalzeranno contro l'intera macchina dello stato”. Una bella lettera da Shahidul Alam a Arundhati Roy, con riflessioni sulla vita nella prigione, dalla quale è stato liberato a novembre 2018.

Arabindu Deb Burma di Tripura, in India ha detto:

La vita di Tripuris in India non è molto diversa da quella in Bangladesh. Ci troviamo nella stessa situazione con oppressi ed oppressori, e tuttavia viviamo in un cosìddetto paese democratico.

Arabindu Deb Burma di Tripura, in India ha detto:

Ho apprezzato questo scambio, soprattutto il suo scrivere delle persone conosciute in prigione, che gli ricordano personaggi dei libri di Arundhati. Shahidul è una bella persona.

L'attivista australiano Tasneem Chopra ha scritto:

Mi ha fatto piangere. Profondamente vero.

Sempre più giornalisti bengalesi applicano la censura ai loro scritti per paura della repressione; le parole di Shahidul dovrebbero dunque incoraggiarli ad andare avanti:

The case against Shahidul still hangs over my head and the threat of bail being withdrawn is the threat they hope will silence my tongue, my pen, and my camera. But the ink in our pens still runs.

Il procedimento contro Shahidul incombe sulla mia testa, e la minaccia di ritirare il suo rilascio è la minaccia che essi pensano farà tacere la mia lingua, la mia penna e la mia macchina fotografica. Ma c'è ancora inchiostro nelle nostre penne.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.