chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

#DóndeEstáLuisCarlos? Il giornalista e attivista Luis Carlos Diaz è scomparso in Venezuela

“Non si sa dove si trovi dalle 5:30 dell'11/03/2019. Il suo ultimo tweet è uscito alle 5:51 pm – Se lo hai visto avvisa la moglie @Naky oppure condividi questa foto” — “Dove si trova Luis Carlos?” Immagine della campagna pubblica online condivisa da Provea. Nell'immagine viene indicata l'ultima volta che è stato contattato e l'ultima volta che ha condiviso qualcosa su Twitter.

La mattina dell'11 marzo, la commentatrice politica Naky Soto e moglie del giornalista e attivista venezuelano Luis Carlos Díaz ha condiviso su Twitter la notizia che il marito era scomparso da cinque ore.

[Aggiornamento] Il Sindacato della Stampa (in spagnolo SNTP) ha riportato la notizia che Luis Carlo è stato arrestato dai Servizi Segreti Bolivariani (SEBIN):

URGENTE | Una commissione del Sebin conferma che il giornalista Luis Carlos Díaz è stato arrestato dagli organi di polizia. Hanno puntato le armi contro il giornalista [e i membri del Sindacato della Stampa] Marco Ruiz, Luz Mely Reyes e Federico Black. #DóndeEstáLuisCarlos [#DoveSiTrovaLuisCarlos] #12marzo

Poche ore prima, Soto aveva scritto su Twitter che Luis Carlos Díaz era scomparso da cinque ore:

Cari tutti: ho perso contatto con @LuisCarlos alle 5:30 questo pomeriggio, quando mi ha detto che stava tornando a casa per riposare e che avrebbe preparato una trasmissione speciale alla @Unionradionet dalle 22:00 alle 5:00 #DoveSiTrovaLuisCarlos

@LuisCarlos va in giro in bicicletta, ma dalle 17:30 non ho sue notizie e:
– non si trova alla radio
– non è a casa
– non ha scritto tweet
– non risponde al telefono
– non risponde a SMS o ai messaggi WhatsApp
#DoveSiTrovaLuisCarlos

[Aggiornamento] Luz Mely Reyes ha riferito poco dopo da casa di Díaz che ufficiali del SEBIN stavano perquisendo le abitazioni di Diaz e Soto, e il Sindacato della Stampa ha poi approfondito dicendo:

URGENTE | In questo momento, alle 3:30 del mattino, una commissione dei Servizi Segreti è arrivata a casa del giornalista e attivista dei diritti umani Luis Carlos Díaz, scomparso dalle 17:30 #DoveSiTrovaLuisCarlos #12marzo

Altre organizzazioni per i diritti umani e la libertà di parola si sono unite alla campagna con l'hashtag #DondeEstaLuisCarlos [#Dove Si Trova Luis Carlos] che è, al momento, trending topic su Twitter in Venezuela.

Díaz è un giornalista e un difensore dei diritti umani e della libertà di parola, ed è ben conosciuto e apprezzato in Venezuela e all'estero per la sua radiocronaca e la sua critica verso il governo di Nicolas Maduro. Lavora da molti anni con sua moglie, Naky Soto, anche lei nota commentatrice politica, producendo video online e programmi radio focalizzati su politica e diritti umani in Venezuela. Luis Carlos ha anche lavorato come insegnante e promotore per la creazione di spazi di citizen media e progetti di media indipendenti. Díaz fa anche parte della comunità di Global Voices da circa 10 anni.

Per me, Luis Carlos è un piccolo porto di informazioni e di reti in questo nostro caotico Venezuela. É stato in grado di creare connessioni con la società (dalla critica agli spazi culturali) #DoveSiTrovaLuisCarlos

Pochi giorni fa, prima della sua scomparsa, il programma “Con el Mazo Dando”, affiliato alla stampa di Stato, ha mostrato una clip video di una recente trasmissione di Diaz. Il presentatore del programma, il politico Diosdado Cabello, ha insinuato che Diaz abbia aiutato ad orchestrare il blackout di corrente a livello nazionale che ha fatto vivere i venezuelani al buio per oltre 24 ore, tra il 7 e l'8 marzo scorsi.

Non ci sono prove che supportino tale affermazione.

#DenunciaEP | Dalle 17:30 la posizione del giornalista Luis Carlos Díaz è sconosciuta. È stato accusato di essere un “influencer fascistoide” dall'account Twitter di “Con el mazo dando”. #10marzo #DoveSiTrovaLuisCarlos

Il nostro amico @LuisCarlos è uno dei volti più in noti del giornalismo dissidente in Venezuela. Pochi giorni fa, il programma #conelmazodando di Diosdado ha preso di mira LC con una campagna di propaganda cospirazionista che lo collega al blackout di corrente a livello nazionale “orchestrato dagli Stati Uniti”. #DoveSiTrovaLuisCarlos

Mentre il tempo passa e non ci sono informazioni certe sul caso, il Sindacato della Stampa (in spagnolo SNTP) si è unito alla campagna che ha cominciato la ricerca del giovane presso il quartier generale dei Servizi Segreti Bolivariani (SEBIN) [Aggiornamento hanno poi confermato che Diaz è in custodia]:

#ULTIMENOTIZIE |  Sono circa sette ore dalla scomparsa di Luis Carlos Díaz, giornalista di Unión Radio Noticias e un attivista dei diritti umani. Siamo ora presso il quartier generale di SEBIN all'Helicoide e loro negano di averlo [in custodia qui] #DoveSiTrovaLuisCarlos

Il giornalista Vladimir Villegas, comunque, ha denunciato il fatto che egli sia stato arrestato dalle forze governative:

Siamo stati informati del fatto che il giornalista di @Unionradionet Luis Carlos Díaz, è stato arrestato dalle forze di sicurezza statali. Esprimiamo la nostra preoccupazione per la sua integrità fisica. E esigiamo informazioni sulla sua posizione attuale e il rispetto dei suoi diritti umani fondamentali.

La comunità di Global Voices esprime la più profonda solidarietà a Luis Carlos, alla sua famiglia, e a tutti gli altri giornalisti indipendenti che lavorando per esercitare il loro diritto di cronaca in Venezuela. Ci auguriamo che torni presto a casa sano e salvo, e continueremo ad aggiornarvi su questa storia quando ci saranno ulteriori sviluppi.

 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.