- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Luis Carlos Díaz, giornalista e attivista, detenuto dai Servizi Segreti in Venezuela

Categorie: America Latina, Venezuela, Censorship, Citizen Media, Cyber-attivismo, Diritti umani, Libertà d'espressione, Media & Giornalismi, Politica, Ultim'ora
[1]

Luis Carlos Díaz. Foto pubblica, presa dal suo profilo Facebook.

Nelle prime ore del mattino del 12 marzo, è stato confermato l'arresto del giornalista venezuelano Luis Carlos Diaz da parte della Servizi Segreti Bolivariani (SEBIN).

Sua moglie, Naky Soto, nota commentatrice politica, ne aveva denunciato la scomparsa poche ore prima.

L'hashtag #DondeEstaLuisCarlos [2] [es, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] (Dov'è Luis Carlos?), poi seguito da #LiberenaLuisCarlos [3] (Liberate Luis Carlos), hanno rapidamente preso piede sui social media, diventando trending topic su Twitter in Venezuela e tra i primi in tutto il mondo.

Luis Carlos è un membro stimato e di lunga data della comunità di Global Voices [4] [it]. Da oltre 10 anni, ha lavorato per difendere la libertà di parola e l'uso delle reti digitali per garantire l'accesso pubblico alle informazioni sulla crisi in corso in Venezuela. Lui e Soto ospitano anche un programma video molto popolare (in precedenza su YouTube [5], ora su Patreon) offrono commenti politici e satira.

Luis Carlos è noto per il suo umorismo, le sue abilità come collaboratore e mentore, e la sua capacità unica di comprendere e spiegare il complicato ambiente di comunicazione digitale del Venezuela.

Secondo il membro del SNTP (Sindacato Nazionale dei Giornalisti), Marco Ruiz, che ha partecipato ad un incontro davanti agli uffici del pubblico ministero la mattina del 12 marzo, gli agenti di SEBIN hanno perquisito l'appartamento di Diaz e Soto e hanno confiscato diversi dispositivi elettronici:

URGENTE | La commissione del SEBIN ha perquisito il domicilio di Luis Carlos Diaz. Hanno preso computer, pen drive, telefoni, denaro, e altro. A Diaz è stato permesso di assistere alla perquisizione in manette. Ha riferito in quei minuti di essere stato picchiato mentre in stato di detenzione, alle 5:30 del pomeriggio. #12marzo

Luis Carlos Díaz e la moglie Naky Soto, commentatrice politica. Soto ha lanciato un appello dove chiedeva di raggiungerla davanti all'ufficio del pubblico ministero per chiedere la liberazione di Diaz. Foto pubblica presa dal  profilo Facebook di Diaz.

Dopo che le autorità hanno perquisito la loro casa, e poi se ne sono andati portando Díaz con loro, Soto ha fatto un appello su Twitter, chiedendo di accompagnarla all'ufficio del pubblico ministero il 12 marzo e chiedere la liberazione del marito.

Naky Soto ha rilasciato una dichiarazione a Global Voices tramite WhatsApp dove spiegava che Diaz era stato minacciato alcuni giorni prima della detenzione. Secondo la testata online Clases de Periodismo, Diaz era stato minacciato da account Twitter pro governativi [9] dopo che i leader politici avevano affermato pubblicamente che Díaz sarebbe coinvolto [10] nell'organizzazione del blackout che ha lasciato gran parte del Venezuela senza elettricità per giorni [11] [en]. Non ci sono prove a supporto di queste affermazioni.

Anche alcuni membri di Provea (Programma di educazione-istruzione sui diritti umani) erano presenti durante la perquisizione del SEBIN e hanno raccolto la testimonianza di Naky Soto [12]:

Soto pudo conversar brevemente con Díaz, quien le relató que habría sido detenido cuando se desplazaba […] cuando se desplazaba en bicicleta a su domicilio. Asimismo, le confirmó que habría sido víctima de tratos crueles y degradantes durante su detención. La información suministrada por los funcionarios durante el allanamiento es que Díaz, supuestamente, habría cometido “delitos informáticos”.

Soto è stata in grado di parlare brevemente con Díaz, il quale le ha detto che sarebbe stato arrestato mentre tornava […] mentre tornava in bicicletta a casa sua. Ha anche confermato di essere stato vittima di trattamenti crudeli e degradanti durante la sua detenzione. Le informazioni fornite dai funzionari durante la perquisizione sono che Díaz avrebbe commesso “crimini informatici”.

Nel rapporto viene inoltre detto che Soto, che si sta riprendendo da un tumore al seno, sarebbe ricercata dalle autorità:

Según el testimonio, los funcionarios habrían informado que Soto también se encontraba en la orden de aprehensión, pero que debido a su condición (paciente oncológico) no iban a proceder en los momentos. Sin embargo, “si denunciaba, la vendrían a buscar”.

Secondo la testimonianza, i funzionari hanno riferito che anche il nome Soto era presente sul mandato di arresto, ma che a causa delle sue condizioni (sotto trattamenti oncologici) non avrebbero proceduto [all'arresto] in quel momento. Tuttavia, “se lei avesse sporto denuncia, sarebbero venuti a cercarla”.

La giornalista Luz Mely Reyes ha raccontato gli eventi e ha condiviso il video con la testimonianza di Soto:

#LiberateLuisCarlos Lei è @Naky. È una paziente di oncologia. Suo marito, giornalista e attivista per i diritti umani, è stato arrestato questo #11marzo dal Sebin. Naky sarà tra poche ore nel quartier generale della procura che chiede piena libertà per LC. (Segui la discussione)

Ore dopo, Soto è stata accompagnata da membri di Provea, SNTP e altri sostenitori. Nella sua dichiarazione pubblica, ha denunciato la “detenzione arbitraria” di Díaz e ha aggiunto:

“Chiediamo il suo completo rilascio e vogliamo chiedere alla Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite a Caracas di aiutarci a capire come sta fisicamente e psicologicamente”.

Naky Soto, moglie del giornalista Luis Carlos Diaz, afferma che l'attivista è stato arrestato usando come prova un video alterato che aveva pubblicato. “L'atto giudiziario dice che è stato catturato in flagrante e che era sulla sua bicicletta. Non c'è modo che queste accuse possano reggere”.

A partire dalle 15:00, ora locale, del 12 marzo, Díaz è rimasto in custodia e non è noto che sia stato accusato di alcun crimine.

La comunità di Global Voices continuerà a seguire questa storia in via di sviluppo e ad esprimere la sua solidarietà verso Luis Carlos e la sua famiglia.