chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

‘Un uomo torna nel nativo Xinjiang e scompare’: una storia troppo frequente per far notizia

Nurbolat Shalayit risulta scomparso dal marzo 2018. Screenshot da una testimonianza video registrata nell'ufficio di Ata Jurt ad Almaty in Kazakistan e pubblicata sul canale YouTube del gruppo l'11 novembre 2018.

Nota: il 20 febbraio Sayagul Nurbolat ha raccontato a Global Voices che suo padre era rientrato in Kazakistan il 19 febbraio, ossia lo stesso giorno in cui è stato pubblicato questo articolo. Gli ha parlato il 20 febbraio tramite videochiamata. 

L'ufficio di Almaty di Ata Jurt, un gruppo kazako che sostiene le vittime della polizia di stato della provincia cinese del Xinjiang, può essere un luogo straziante in cui trascorrere una mattinata.

Le pareti della stanza principale sono tappezzate di foto di persone scomparse. È qui che il gruppo informale tiene le sue conferenze stampa, segnala i nuovi casi di persone scomparse o detenute da tanto tempo nello Xinjiang, dove si trovano i malfamati “campi di rieducazione” del governo cinese.

In giorni come questi, gli stretti corridoi dell'ufficio sono particolarmente affollati per via della folla di richiedenti che condividono storie terribili e una speranza che si sta affievolendo sempre di più.

Tutte queste persone, alcuni sono cittadini kazaki e altri cittadini cinesi di origine kazaka che hanno richiesto la naturalizzazione, stanno iniziando a far sentire la loro voce e denunciare la scomparsa dei loro familiari.

Per loro, un giornalista è un megafono che cammina e un'opportunità per fare pressioni sulla Cina e costringerla a liberare i loro cari dai campi di “rieducazione politica”, dagli arresti domiciliari e dal lavoro forzato o semplicemente per costringerla a restituire i passaporti confiscati [en, come tutti i link seguenti], un problema che attualmente interessa molte etnie minoritarie del Xinjiang.

Cosa è accaduto a Nurbolat Shalayit?

In occasione della mia ultima visita all'ufficio di Ata Jurt, ho incontrato la moglie di Nurbolat Shalayit, un uomo scomparso in Xinjiang da quasi un anno. Era tra le numerose donne che speravano di partecipare a una conferenza stampa di alto profilo che le avrebbe offerto l'opportunità di raccontare la sua storia ai giornalisti, ansiosi di ascoltare una storia coinvolgente.

Sia Nurbolat che sua moglie, Kulpash Kadyrbek, sono di etnia kazaka pur essendo nati in Xinjiang. La coppia ha vissuto in Xinjiang fino al 2014, quando Kulpash ha deciso di trasferirsi nel Kazakistan con la figlia maggiore Sayagul, stabilendosi ad Almaty, la città più grande del Kazakistan, dove avevano dei parenti.

Nurbolat Shalayit è invece rimasta in Xinjiang con la figlia minore Sandugash Nurbolat, che è colei che nel video parla della scomparsa del padre, principalmente per prendersi cura della suocera anziana. Nel dicembre del 2016, qualche mese dopo la morte della suocera, si sono trasferite in Kazakistan e si sono nuovamente riunite al resto della famiglia.

Nel febbraio del 2017, Nurbolat ha lasciato il Kazakistan per tornare in Xinjiang per concludere la vendita dell'ex casa di famiglia.

Cinque mesi prima, Chen Quanguo era diventato il funzionario più potente del Partito Comunista del Xinjiang; un incarico che avrebbe coinciso con l'istituzione dei “campi di rieducazione” nella regione.

Profonda disperazione

Per qualcuno come Nurbolat Shalayit, che era tornato in Xinjiang per un breve periodo per sistemare le cose, è stato un periodo terribile.

Proprio in quell'anno, i “campi di rieducazione politica” destinati alle minoranze erano diventati un'istituzione a pieno titolo. Solo verso la fine del 2017 i comunicati della stampa estera hanno iniziato a dar rilievo a ciò che realmente accadeva nella regione.

Nell'agosto del 2018, un panel di esperti delle Nazioni Unite ha stimato che nei campi di prigionia del Xinjiang fossero detenuti un milione di persone appartenenti a minoranze islamiche, principalmente uiguri, ma anche kazaki, kirzighi e hui.

Nurbolat Shalayit è uno dei prigionieri? La sua famiglia non lo sa.

L'ultima volta che l'hanno sentito era nel marzo 2018, quando ha detto a sua moglie di “prendersi cura dei figli”. Da allora non è stato più possibile raggiungerlo.

L'impatto emotivo e finanziario causato dalla sua assenza è stato devastante.

Non potendosi permettere un'abitazione sua ad Almaty, Kulpash Kadyrbek è ospite di alcuni familiari. Sayagul studiava inglese in un'università polacca, ma questa opportunità sta svanendo giorno dopo giorno, così come i proventi della vendita della fattoria di famiglia in Xinjiang.

Sono stato in grado di scrivere questo articolo perché Sayagul parla inglese. La maggior parte dei kazaki che vivono in Kazakistan parla russo, come del resto anch'io. Per molti abitanti di Almaty, questa è la lingua preferita, un retaggio della russificazione avvenuta durante il periodo dell'occupazione dell'Unione Sovietica.

Tuttavia, gli oralman, ossia i kazaki che hanno fatto ritorno dalla Cina e che affollano l'ufficio di Ata Jurt, parlano kazako come prima lingua e spesso anche il cinese e l'uiguro come seconda lingua. Quando arrivano la BBC e la CNN, i traduttori possono chiedere qualunque prezzo.

In questa particolare occasione, tra i relatori della conferenza stampa c'erano una donna che era stata liberata dalla Cina dopo essere stata imprigionata per quasi un anno e mezzo in un campo di rieducazione, e un ex poliziotto che era fuggito dalla Cina e che possedeva una conoscenza approfondita dello stato di sorveglianza vigente nella provincia del Xinjiang.

Entrambi i racconti sono stati talmente drammatici da aver attirato l'interesse degli organi di stampa stranieri, che hanno iniziato a studiare come dare rilievo alla crisi sempre più profonda nell'isolata regione del Xinjiang.

La storia di Nurbolat Shalayit è simile a quella di molti altri con qualche piccola differenza, che varia a seconda dei casi.

Appena le persone che presentavano la petizione hanno iniziato a reclamare il loro diritto a testimoniare prima dell'inizio dell'evento principale, Kulpash Kadyrbek mi ha lanciato il cellulare. C'era sua figlia Sayagul che stava partecipando a una videochiamata, parlando in una lingua che ero in grado di capire.

Questa è la storia della loro famiglia, ma ce ne sono migliaia simili a questa.

Il Xinjiang Victims Database è il più grande database consultabile in lingua inglese sulle vittime della continua repressione nello XUAR.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.