chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Vogliamo partecipare: il messaggio delle donne afghane al governo e ai talebani

Consigli jirga al femminile stanno avendo luogo nelle province di tutto l'Afghanistan. Foto utilizzata con permesso da Afghan Women for Peace.

Nei prossimi mesi, in Afghanistan avrà luogo il primissimo Consiglio di sole donne del Paese, nel quale si riuniranno in migliaia per ricordare al governo e ai talebani che senza di loro sarà impossibile raggiungere la pace tanto attesa.

Negli ultimi dieci anni di guerra, le donne afghane hanno vissuto una sconcertante oppressione che ha aggravato il loro isolamento sociale e le ha rese molto caute sul piano politico.

Le politiche dello Stato contro le donne hanno raggiunto l'apice sotto il regime dei talebani, saliti al potere a metà degli anni 90′ prima di essere cacciati durante l'invasione degli Stati Unti.

Consigli jirga al femminile stanno avendo luogo nelle province di tutto l'Afghanistan. Foto utilizzata con permesso da Afghan Women for Peace.

L'invasione portò una serie di miglioramenti, come per esempio l'istruzione universale, ma le donne continuarono a soffrire dall'instabilità e il rischio di nuove violenze.

Le quote per la rappresentanza delle donne a livello legislativo non hanno cambiato radicalmente la natura della cultura politica afghana dominata dagli uomini.

Ora, la ricomparsa dei talebani al tavolo dei negoziati di Mosca e Doha [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] ha messo a rischio persino questi successi.

Il gruppo rimane irremovibile sia nel disconoscimento del ruolo delle donne nell'ambito pubblico che del governo afghano, con il quale non ha ancora tenuto un dialogo diretto.

Per il momento i talebani preferiscono parlare con Washington, Mosca e gruppi selezionati di politici afghani. Il gruppo ha dichiarato che la sua posizione sui diritti delle donne è in linea con quella della principale religione dell'Afghanistan, l'Islam, e rimane contrario all'attivismo per la parità di genere.

Consigli jirga al femminile stanno avendo luogo nelle province di tutto l'Afghanistan. Foto utilizzata con permesso da Afghan Women for Peace.

Venire ascoltate

Nel frattempo, le donne afghane e le attiviste per i diritti delle donne si sono unite e hanno dato vita ad Afghan Women for Peace, un movimento di oltre 15.000 membri provenienti da tutte le 34 province.

Il movimento nacque sei mesi fa da una iniziativa condivisa dell’Afghan Women's Network, del Ministry of Women Affairs [dari], del High Peace Council, e dell'ufficio della First Lady of Afghanistan.

15.000 donne in tutto il Paese si sono unite in 34 assemblee, una per ogni provincia, per far sentire la propria voce e discutere sul significato di pace nella loro comunità, quali sono le loro aspettative e qual'è il prezzo da pagare per la pace.

In ogni provincia, Afghan Women for Peace ha riunito studenti universitari e donne impiegate nel settore pubblico, come anche donne istruite e non che intendono dare il proprio contributo.

Insieme hanno condiviso le loro richieste e riflettuto sul significato di pace.

Consigli jirga al femminile stanno avendo luogo nelle province di tutto l'Afghanistan. Foto utilizzata con permesso da Afghan Women for Peace.

Le organizzatrici hanno parlato del ruolo delle donne all'interno del governo e della società, condiviso le modalità con cui avere un impatto positivo su quest'ultima e far sentire la propria voce alle autorità nazionali e locali.

Il primo obbiettivo è creare un consenso nel Paese sul fatto che le donne afghane non debbano essere dimenticate. Le donne devono partecipare ai negoziati di pace e condividere le loro richieste e aspettative sul futuro del Paese.

Consigli jirga al femminile stanno avendo luogo nelle province di tutto l'Afghanistan. Foto utilizzata con permesso da Afghan Women for Peace.

Si sono già tenute delle conferenze in numerose province comprese il Panjshir, Khost, Parwan, Baghlan, Ghazni e Logar. E nel corso delle prossime settimane si terranno in altre 28 province.

Di seguito i punti salienti della conferenza tenutasi nella provincia di Khost:

  • La pace dovrebbe iniziare a costruirsi a partire dalle province di frontiera
  • La provincia di Khost è il corridoio politico-economico dell'Afghanistan
  • I distretti dovrebbero venire inclusi nel processo di pace
  • Il coinvolgimento delle persone in contatto con le famiglie dei ribelli è fondamentale
  • Se la giustizia sociale è in vigore e le leggi attuate, la pace verrà
  • Sia Dio, il Profeta che l'intero popolo vogliono la pace
  • Alle donne e alle ragazze dovrebbe essere consentito andare a scuola
  • Il tasso di alfabetizzazione femminile deve aumentare così che anche le bambine possano essere educate correttamente
  • Le donne di oggi sono informate e i teologi non devono pregiudicare l'importanza del ruolo delle donne
  • I precetti della Sharia sulle donne devono essere interpretati correttamente
  • La pace si costruisce in famiglia, poi all'interno della comunità per raggiungere infine il governo
  • Pace significa accettarsi l'un l'altro e sostenere le reciproche azioni positive

Alla conclusione di ogni conferenza, i partecipanti approvano tali risoluzioni riguardo le priorità e i problemi che affliggono le donne del posto.

Ancora non è stata fissata una data per la jirga (Consiglio tribale) che verrà tenuto a livello nazionale, ma l'evento ha l'obiettivo di unire il lavoro di tutti i gruppi a livello provinciale.

Lavorare a livello provinciale è importante. Benché a Kabul vi siano rappresentanti donne al parlamento, le governatrici donne [it] sono davvero rare, così come la rappresentanza femminile in altri settori. Per molte donne nelle province di frontiera, queste jirga sono state la primissima opportunità di partecipare alla vita politica e far sentire la propria voce.

Le donne a Ghazni dichiarano:

Peace does not mean just an end to the war, and no country can be successful in its national programs without the participation of women; therefore women must have a role in the social and political peace process.

Pace non significa solo la fine della guerra, nessun Paese può avere successo nei propri programmi nazionali senza la partecipazione delle donne; perciò le donne devono avere un ruolo nel processo di pace politico e sociale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.