chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Attivisti dei diritti umani di Mosca fanno causa alla repubblica di Sacha (Jacuzia) per il divieto sui lavoratori migranti

Yasen Nikolaev, Capo della Repubblica di Sacha (Jacuzia), il 27 marzo 2019 ha firmato l'ordinanza che vieta a tutti i migranti di lavorare nella Repubblica. Foto: kremlin.ru, CC 4.0

Un'organizzazione per i diritti umani con sede a Mosca, ha citato il governo provinciale della Jacuzia [it] davanti alla Corte Costituzionale russa riguardo una recente direttiva locale che vieta [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] ai migranti stranieri di lavorare nella repubblica.

La Jacuzia, una delle 22 repubbliche costituenti, è una regione remota e scarsamente popolata della Russia dell’Estremo Oriente. All'inizio di quest'anno, gli abitanti di Jakutsk, la capitale della repubblica, hanno organizzato manifestazioni anti migranti a seguito di un caso di stupro che coinvolge una vittima della Jacuzia e un responsabile del crimine del Kirghizistan, un'ex repubblica sovietica che oggi è tra le maggiori contribuenti della forza lavoro straniera russa.

Alla fine di marzo 2019, il governatore della repubblica, Yasen Nikolaev, ha firmato unordinanza che vieta a tutti i migranti stranieri di lavorare in una serie di industrie locali, oltre a costringere queste ultime a licenziare, entro tre mesi, tutti i migranti già impiegati.

L'organizzazione moscovita, denominata “La Terra senza Razzismo e Xenofobia”, ha annunciato [ru] lo scorso aprile, sulla propria pagina Facebook, che avrebbe presentato una denuncia contro la provincia:

We thus conclude that the Head of the Republic of Sakha (Yakutia) Yasen Nikolayev has abused his rights in making a decision not based on objective labor conditions and the need for priority employment for citizens of the Russian Federation.

Riteniamo che il capo della Repubblica di Sacha (Jacuzia) Yasen Nikolaev abbia abusato dei suoi diritti nel prendere una decisione non basata sulle peculiarità regionali oggettive del mercato del lavoro e sulla necessità di un'occupazione prioritaria dei cittadini della Federazione Russa.

Gli esperti divergono sulla legalità del divieto, ma sembra che Nikolaev avesse effettivamente il diritto legale di introdurlo. Le repubbliche russe hanno la loro costituzione e i loro organi legislativi, e questo è tutt'altro che il primo tentativo di regolamentare i mercati del lavoro locali.

In ogni caso, il divieto della Jacuzia nei confronti dei migranti stranieri, oltre a reprimere le accese proteste, è improbabile che ottenga qualche risultato.

La Russia e il Kirghizistan sono entrambi membri dell'Unione economica eurasiatica, che è un mercato unico integrato con libera circolazione dei lavoratori. Questo rende i 640.000 lavoratori kirghisi che attualmente vivono in Russia (secondo le statistiche del Kirghizistan stesso) esenti da qualsiasi legge che regola il lavoro straniero.

Oltre ad appellarsi all'aspetto umanitario di leggi e atti che colpiscono sommariamente centinaia di migliaia di persone per il crimine di un solo individuo, gli attivisti russi per i diritti umani come “La Terra senza razzismo e xenofobia” dovranno combattere l'azione di Yasen Nikolaev su basi puramente legali, sostenendo che la regolamentazione del mercato del lavoro locale in Jacuzia in realtà non è necessaria.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.