chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Casi di abusi e molestie sessuali scatenano proteste nei campus universitari della Turchia

Foto di un gruppo di studenti in protesta contro la violenza di genere presso l'università di Ankara. Usata con permesso.

All'inizio di aprile, una ragazza di 23 anni ha dichiarato di essere stata picchiata e stuprata [tr, come i link seguenti] da un professore di 54 anni impiegato presso l'università di Ankara. Al momento dell'accaduto la ragazza era di turno presso la clinica veterinaria privata di cui il professore è co proprietario.

Nella sua deposizione, la giovane donna, che figura nei media locali come C.B., ha affermato che il professor Hasan Bilgili le ha offerto la cena e l'ha invitata a prendere un drink.

Ha poi spiegato cosa è accaduto quando lei ha rifiutato l'offerta:

He forced himself on me and kissed me. He hit my head three or four times on the floor. I passed out. When I opened my eyes, it was 1.30 AM.

Mi ha presa con la forza e mi ha baciata. Mi ha sbattuto la testa tre o quattro volte sul pavimento. Sono svenuta. Quando ho ripreso i sensi era l'1.30 di notte.

‘Non ti lamentare’

La prima persona che la ragazza ha visto al suo risveglio è stato il collega di Bilgili, Serkan Durmaz, un chirurgo veterinario.

Le ha detto [en]:

Something happened between you and him. Do not complain. These things will get you into trouble.

È successo qualcosa tra di voi. Stai zitta o ti metterai nei guai.

Il messaggio del ginecologo (Huseyin Senyurt) da cui Bilgili e Durmaz l'hanno portata era dello stesso tenore [en]:

Even if you complain, nothing will happen. Just take this medicine.

Anche se te ne lamenti, non succederà niente. Prendi questo farmaco.

Hasan Bilgili è stato arrestato dopo che C.B. ha sporto denuncia contro di lui.

Sul banco degli imputati durante l'udienza preliminare si è dichiarato vittima di un complotto, e in sua difesa ha menzionato il fatto di essere un uomo sposato.

L'università di Ankara ha pubblicato una dichiarazione su Twitter:

La notizia della violenza sessuale avvenuta in un clinica privata situata all'esterno dell'università è stata resa pubblica, e le indagini sul presunto aggressore sono in corso. La persona sopracitata è stata sospesa dall'incarico.

Non era la prima volta

Hasan Bilgili era già stato accusato di molestie.

Secondo un'inchiesta del quotidiano Hürriyet, sia Hasan Bilgili sia il fratello Ali Bilgili, professore di farmacologia presso la stessa università, erano stati accusati di molestie da parte di alcune studentesse nel 2007, finendo in tribunale.

Il giudice aveva disposto la sospensione di Ali Bilgili dall'incarico universitario per via delle accuse a suo carico, mentre a Hasan Bilgili era stato trattenuto lo stipendio. Entrambi sono poi ritornati a esercitare nuovamente la professione.

Più di recente, nel 2016, Hasan Bilgili era stato oggetto di ulteriori accuse per molestie sessuali, questa volta mosse da una studentessa in scambio universitario che stava studiando presso il dipartimento di veterinaria.

La protesta degli studenti: non rimarremo in silenzio

Dopo che il caso di stupro è diventato virale su Twitter, gli studenti dell'università di Ankara hanno dato vita a una protesta nel campus contro l'inerzia da parte delle autorità nei confronti dei precedenti casi di molestie sessuali.

Durante la protesta gli studenti ripetevano lo slogan “non vogliamo un professore stupratore.”

Le proteste hanno trovato eco sui social media.

Gli studenti hanno dichiarato: “Stare in silezio significa essere complici.”

Dopo che un professore della facoltà di medicina veterinaria dell'università di Ankara, il Dr. Hasan Bilgili, ha violentato C.B., che lavorava presso la sua clinica veterinaria, gli studenti della medesima facoltà hanno organizzato una protesta ed emesso un comunicato stampa.

Parità di genere rinviata

Quello della violenza sessuale è stato un tema caldo in Turchia, dopo che a febbraio il Consiglio per l'istruzione superiore (YÖK) ha revocato [it] la propria adesione al “Certificato di attitudine all'uguaglianza di genere”, un documento che obbligherebbe il Consiglio a includere i principi della parità di genere nel proprio operato.

Il presidente dell'autorità regolatrice dell'istruzione superiore, ha sottolineato l'inappropriatezza di alcuni valori promossi dal documento per giustificare la mancata adesione allo stesso.

Il collettivo delle donne universitarie, un'organizzazione fondata nel 2007 da un gruppo di studentesse, ha dichiarato a Global Voices che i campus delle unviersità turche stanno diventando luoghi di paura per molte donne.

“Le studentesse delle varie facoltà si mettono in guardia l'una con l'altra riguardo al fatto di non entrare da sole nelle aule dei professori”, ha comunicato via email una rappresentante del collettivo a GV .

#ProfessoreStupratore I due fratelli sono professori presso la stessa università. Sono state mosse diverse accuse nei loro confronti. Hanno vissuto in mezzo alle studentesse per anni rimanendo impuniti e continuano a commettere aggressioni. Ora basta. Punite questi criminali.

L'unità di supporto contro le molestie sessuali dell'università di Ankara, fondata nel 2011 dopo un forte aumento dei casi di abusi sessuali nelle università, ha ribadito il suo impegno a continuare a indagare sulle denunce e a portare i casi in tribunale.

Ma la coordinatrice dell'unità Gülriz Uygur, una professoressa di diritto, ha dichiarato che spesso le vittime di abuso subiscono forti pressioni per rimanere in silenzio.

“Le studentesse non hanno il coraggio di denunciare gli abusi sessuali di cui sono state vittime, perché vengono minacciate e sono spaventate”, ha dichiarato Uygur al quotidiano Hurriyet.

Quest'anno le accuse di aggressione sessuale presso gli istituti di istruzione superiore in Turchia non si sono limitate alla capitale.

La Koç University, un'università privata di Istanbul, la città più grande del Paese, è stata travolta da un grande scandalo lo scorso marzo, dopo che uno studente, in seguito all'accusa di aggressione sessuale da parte di una studentessa, se l'è cavata con tre mesi di sospensione.

La Koç University sta nascondendo la violenza e l'abuso. #nonsiamosicurenelcampus

Lo stesso mese, alcune studentesse della Dokuz Eylul University, situata nella terza città più grande del Paese, Izmir, hanno protestato contro il capo del dipartimento di sociologia, il professor İbrahim Kaya, che da quanto affermano avrebbe sistematicamente perpretrato abusi nei confronti delle studentesse dal 2014.

Le studentesse hanno tappezzato i muri dell'istituto con vari slogan tra cui “Non vogliamo professori stupratori”. A breve sporgeranno denuncia contro Kaya.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.