chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Due anni dopo aver scontato la sua condanna, l'attivista degli Emirati Arabi Uniti Osama al-Najjar è ancora detenuto

Osama al-Najjar è sempre in carcere, nonostante abbia finito di scontare la sua condanna di reclusione due anni fa. Ringraziamenti per la fotografia: account Twitter dell'attivista

Osama al-Najjar, l'attivista degli Emirati Arabi Uniti, continua a essere detenuto illegalmente nonostante abbia finito di scontare la sua condanna a tre anni di reclusione più di due anni fa.

Al-Najjar era stato arrestato nel marzo del 2014 per aver pubblicato dei tweet [ar] in cui denunciava le torture subite in carcere da suo padre e chiedeva il rilascio degli altri prigionieri di coscienza detenuti negli Emirati Arabi Uniti.

Il padre di Osama, Hussain Al-Najjar, è uno dei 94 attivisti degli Emirati Arabi Uniti ad essere stati processati in massa [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] nel 2013 con l'accusa di “minare la sicurezza dello stato” per aver semplicemente chiesto una riforma politica del paese. Attualmente sta scontando undici anni di carcere.

Nel novembre del 2014, la sezione responsabile della sicurezza nazionale della Corte Suprema federale, le cui sentenze sono inappellabili, ha condannato Osama a tre anni di reclusione per vari reati contemplati dalla legge contro i crimini informatici, tra cui per “aver istigato l'odio” contro lo stato e per “aver progettato e gestito un sito web contenente idee ed informazioni satiriche e diffamatorie”.

Avrebbe dovuto essere rilasciato il 17 marzo 2017, ma dietro richiesta dell'accusa, il tribunale ha giudicato che fosse una “minaccia” per la sicurezza nazionale e ha prolungato la sua condanna senza specificare la data ufficiale di scarcerazione. A distanza di due anni, Osama continua a essere in carcere e non c'è alcuna indicazione sulla data del suo possibile rilascio.

In una dichiarazione recente, fatta in occasione dell'anniversario della data di scarcerazione ufficiale, International Campaign for Freedom negli Emirati Arabi Uniti (ICFUAE) ha dichiarato:

As there is no trial proceeding this form of detention, those transferred to such facilities can be held indefinitely with the government – rather than the judiciary – handing down punishment. This type of administrative detention grossly violates international standards of due process.

Poiché questa forma di detenzione non prevede alcun processo preliminare, i prigionieri trasferiti in questi centri possono essere tenuti in carcere per un tempo indefinito, in base a quanto stabilisce il governo o meglio l'autorità giudiziaria. Questo tipo di detenzione amministrativa viola palesemente gli standard nazionali di un processo equo.

Benché non sia stato condannato per azioni terroristiche, Osama sta scontando la sua pena presso il centro di consulenza del carcere al-Razeen, in base a quanto previsto dalle leggi antiterrorismo del paese. Le autorità degli Emirati Arabi Uniti affermano che lo scopo di queste strutture è fornire orientamento alle persone considerate “una minaccia per lo stato”. Tuttavia, gruppi che difendono i diritti umani ritengono che le autorità stiano usando le leggi antiterrorismo e questi cosiddetti centri di consulenza come un pretesto per prolungare all'infinito la detenzione dei prigionieri di coscienza.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.