chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Privati della cittadinanza, i vietnamiti della Cambogia vivono ai margini della società

Foto di Loa.

Questo articolo [en, come i link seguenti] editato da Gia Linh Vũ è di Loa, un sito web di notizie e podcast di Viet Tan che trasmette storie sul Vietnam. È ripubblicato da Global Voices come parte di un accordo per la condivisione dei contenuti.

Ubicato nel centro della Cambogia c'è il lago Tonlé Sap, tradotto come il “Gran Lago.” La sua lunghezza raggiunge i 250 km e abbraccia numerose provincie e città. Connesso alla città capitale di Phnom Penh dal suo lungo sistema fluviale, il lago e il fiume Tonlé Sap hanno sostenuto lo sviluppo della nazione attraverso la sua ricca storia.

La Cambogia condivide la sua frontiera orientale e gran parte della sua storia con il Vietnam. I periodi di guerra e immigrazione tra le due nazioni hanno comportato che una popolazione significativa di etnia vietnamita viva ora in Cambogia. La storia di tensione fra le due nazioni ha influito sulle percezioni dei comuni cittadini fino ad oggi, e molti khmer continuano a vedere i vietnamiti con risentimento e sospetto.

Secondo un rapporto del 2014 sulle condizioni di vita dei vietnamiti in Cambogia, si stima che nove su dieci persone di etnia vietnamita in Cambogia siano prive di documenti. Il governo cambogiano attribuisce questa cifra all’immigrazione illegale. Tale attribuzione sottovaluta una significativa popolazione odierna di vietnamiti in Cambogia che può essere fatta risalire all'immigrazione di massa avvenuta più di un secolo fa, durante la dominazione francese in Indocina, quando leggi diverse governavano la nazione.

Dopo il ritiro dei francesi dal Sud Est Asiatico, la discriminazione mirata dei vietnamiti da parte dei khmer rossi cercò di epurare l'esistente popolazione di etnia vietnamita dalla Cambogia mediante deportazioni ed esecuzioni. Coloro che non furono giustiziati subirono la confisca dei loro beni, inclusi i certificati di nascita e tutti i documenti che comprovavano la loro cittadinanza.

La discriminazione persiste fino al giorno d'oggi attraverso le leggi emanate per bloccare retroattivamente i percorsi di naturalizzazione. La legge sulla cittadinanza del 1996 ha sostituito una legge del 1954, e impone requisiti addizionali per la naturalizzazione dei figli non cittadini nati in Cambogia. La nuova legge richiede che entrambi i genitori non cittadini dei figli siano nati in Cambogia, mentre in precedenza si richiedeva che lo fosse solo un genitore, prima di concedere la cittadinanza ai figli. Inoltre coloro a cui erano stati confiscati i documenti per la cittadinanza all'epoca dei khmer rossi non possono inoltrare la loro richiesta di cittadinanza e i richiedenti non hanno un'autorità solidale a cui rivolgersi.

Come apolide, la popolazione di etnia vietnamita di Tonlé Sap non ha le stesse tutele e i privilegi come i cittadini della Cambogia. Non sono autorizzati ad acquistare terreni, il loro accesso all'istruzione è limitato e sono soggetti a tasse arbitrarie e abuso da parte del locale governo.

Questa negazione di privilegi risulta in un'ampia popolazione di vietnamiti apolidi ammassati in comunità lungo il lago e il fiume Tonlé Sap, in villaggi galleggianti.

Le case di proprietà della popolazione di etnia vietnamita sono caratteristiche sia per il design sia per la mancanza di un collegamento permanente alla terraferma. Testo e foto di Loa.

Mentre coloro che vivono lungo le sponde del fiume sono fra i più poveri in Cambogia, c'è ancora una stratificazione economica all'interno di questa popolazione marginalizzata. I vietnamiti tendono a vivere nelle case galleggianti, mentre le famiglie khmer che riescono a permetterselo vivono in case più robuste costruite su palafitte. Le case galleggianti e le barche dei vietnamiti hanno spesso design geometrici nei colori primari. Avvistare un nón lá, l'iconico cappello conico, è un'altra occasione speciale.

Al momento di scattare questa foto, il livello dell'acqua era alto all'incirca 3 metri e raggiungeva quasi la cima di molti alberi e ne sommergeva completamente altri. Nel villaggio di Kompong Khleang l'acqua può salire fino a 10 metri.

Durante la stagione dei monsoni, il livello del Tonlé Sap raggiunge il suo culmine durante i mesi di settembre e ottobre. Coloro che vivono nelle case galleggianti sono in balia del sollevamento e abbassamento del livello delle acque; è abbastanza plausibile che le case galleggianti dei vietnamiti apolidi siano così effimere come lo status della loro cittadinanza.

Per raggiungere i villaggi galleggianti ho noleggiato una barca guidata da due co capitani. Uno dirigeva la barca e l'altro si occupava del motore, scambiando i ruoli a metà percorso durante il viaggio. Il primo dei due villaggi galleggianti che ho visitato è stato Chong Khneas.

Chong Khneas è facilmente accessibile dalla grande città di Siem Reap ed è visitato da molti turisti. I visitatori sono quindi bombardati aggressivamente da richieste di donazioni. Un evidente cartello collocato di fronte a una scuola dice: “Organizzazion benefica e centro educativo per aiutare i bambini poveri.”

Finanziata in parte da donazioni, la scuola galleggiante a Chong Khneas assiste più di 300 bambini dalla classe prima alla quinta. Testo e foto di Loa.

Nella scuola insegnano cinque maestri che sono arrivati dal Vietnam per vivere e insegnare a Chong Khneas.

Senza una documentazione che comprovi la cittadinanza, ai bambini è negato di continuare la loro istruzione sulla terraferma, quando terminano la scuola elementare, dopo la quale lavorano per sostenere le loro famiglie. Questo limita la mobilità sociale dell'etnia vietnamita, costringendo le generazioni a vivere sull'acqua.

Il viaggio verso il secondo villaggio di Kompong Khleang è stato più difficoltoso. Il viaggio in tuk tuk da Siem Reap dura molte ore, spesso su strade di terra rossa non asfaltate. Il turismo in questo villaggio letargico è chiaramente sottosviluppato se confrontato con il villaggio di Chong Khneas. Il mio autista di tuk tuk mi ha assicurato che qui “vedrò come vivono i comuni cambogiani.”

Foto di Loa.

Nel salire sulla barca noleggiata, mi ha stupito quanto sembrasse giovane il mio capitano. Il suo nome è Sela e ha solo 14 anni.

Navigando attraverso le vie fluviali di Kompong Khleang, ho salutato una donna e suo marito per chiedergli se potevo entrare a bordo della loro casa. I loro nomi sono signora Trần Thị Lén e signor Quành. Nelle vicinanze, i loro figli traballano in una rete da pesca per raccogliere la loro pesca del giorno.

Il signor Quành e sua moglie hanno 6 figli di età fra i 10 anni e “20 qualcosa.” La figlia minore, l'unica fanciulla in un gruppo di cinque fratelli, assomiglia a sua madre. È l'unica che guarda per vedere chi è questo straniero che visita la sua famiglia. I suoi fratelli continuano a traballare nella loro rete da pesca senza distrarsi.

Il riso e i pesciolini lunghi un dito costituiscono la maggior parte dei loro pasti quotidiani. La signora Lén ha raccontato come la sua famiglia e altri vicini vietnamiti sono spesso biasimati per la vita di stenti dai loro vicini khmer.

“Ci dicono di tornarcene in Vietnam. Dicono che peschiamo tutto e non lasciamo nulla per loro. Ci dicono di andare a casa. Non ci vogliono qui.”

La sua famiglia è arrivata in questa nazione tre generazioni fa. Quando le ho chiesto quali sono le prospettive future dei suoi figli, la signora Lén non ha avuto una risposta immediata. Ha detto soltanto che gli piacerebbe tornare in Vietnam, ma non hanno i mezzi per lasciare la Cambogia. La sua famiglia è indebitata, ha continuato, riferendosi alle tasse arbitrarie che gli impongono. Altre famiglie vietnamite che sono sfuggite a questa vita lo hanno fatto tornando furtivamente di notte in Vietnam, elemosinando per il cibo e il trasporto lungo il cammino.

Foto di Loa.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.