chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Game of Thrones (Il trono di spade) e il cambiamento climatico: preparatevi, l'estate sta arrivando!

Foto: pubblico dominio attraverso PXhere. https://pxhere.com/en/photo/780571

Di Cassia Moraes

Immaginate un mondo dove i clan politici lottano per il potere, mentre ignorano una minaccia mai vista prima, che potrebbe annientare le loro società senza molta considerazione per le frontiere umane.

Questa narrativa potrebbe descrivere l'ottava e ultima stagione di Game of Thrones (Il trono di spade), in onda dal 14 aprile, in cui il destino di Westeros sarà siglato quando l'esercito dei morti finalmente si incammina attraverso Il Muro. Potrebbe anche descrivere l'attuale situazione della politica mondiale, dove figure come Donald Trump e Jair Bolsonaro intraprendono una guerra contro il multilateralismo nel momento in cui lo necessitiamo di più. Distrazioni politiche come i muri miliardari e la celebrazione di passate dittature occupano la loro agenda, mentre le minacce reali — e potenzialmente irreversibili — causate dal cambiamento climatico incombono già su di noi.

Nella serie di HBO, le Grandi Case falliscono nell'affrontare il peggior pericolo che i Westeros abbiano mai affrontato e, nella vita reale, lo scenario non è molto diverso. Coloro che sono stati storicamente hanno contribuito al cambiamento climatico non stanno prendendo provvedimenti per compensare le loro attività, mentre i Paesi emergenti come la Cina, oggi il principale emettitore di gas a effetto serra, usano lo scarso impegno dei Paesi sviluppati come una scusa per posporre il proprio. Sebbene il principio delle responsabilità comuni, ma differenziate, rafforzi la posizione dei Paesi emergenti, anche loro saranno perdenti se falliremo la lotta al cambiamento climatico come una comunità globale. Forse la metafora dei camminatori bianchi rende più semplice comprendere perché la strategia del dilemma del prigioniero [en, come i link seguenti] di massimizzare i benefici individuali è un'illusione. Se i Westeros perdono la guerra contro i camminatori bianchi, non ci sarà un trono su cui si siederà Cersei o un altro.

Perché è dunque così difficile per la maggioranza dei Westeros rispondere all'imminente catastrofe proveniente dal nord del Muro? Si potrebbe dire che è difficile comprendere qualcosa che non si è mai visto e che contraddice le esperienze dei nostri antenati. Forse è questa la ragione perché Jon Snow ha rischiato la sua vita e il futuro di Westeros per catturare un camminatore bianco “vivente” (se esiste una cosa simile). Come il Don Chisciotte della serie, Snow crede di poter vincere l'inerzia politica lanciando letteralmente il problema in faccia ai responsabili delle decisioni. Dopotutto, chi potrebbe negare l'esistenza di una creatura che quasi ti morde?

È interessante considerare come si comporterebbe la gente se non ci fossero più dubbi sull'esistenza o la pericolosità dei camminatori bianchi. Esistono tre risposte basiche, tutte hanno analogie nell'attuale crisi del cambiamento climatico:

1. L'approccio della risoluzione dei problemi

Forse non hai mai creduto nei camminatori bianchi (o nel cambiamento climatico) o hai sottovalutato il rischio a loro connesso. Tuttavia, i recenti fatti ti hanno costretto a ripensare la tua posizione e tutto quello che hai considerato importante finora. Questo è successo a Daenerys Targaryen, che ha fatto una pausa dalla sua ricerca del trono per affrontare questo problema di maggiore urgenza e irreversibile. Anche Jaime Lannister rompe la sua fedeltà incrollabile per sua sorella Cersei e si unisce al suo antico nemico per combattere per la sopravvivenza di tutti. Jon Snow va persino oltre e insegna al nemico come uccidere un camminatore bianco, rivelando un segreto militare per il bene comune. Nella vita reale, azioni come la divulgazione di tutti i brevetti Tesla di Elon Musk ci ricordano che non esiste un vantaggio competitivo che sopravvivrebbe in un mondo stravolto.

2. L'opzione di ritirarsi

Come i personaggi sopra menzionati, la visione del mondo e le priorità di Euron Greyjoy sono stati scossi dall'incontro con un camminatore bianco. Ciononostante ha comunque deciso di non unirsi alla coalizione guidata da Daenerys. Dopo che Jon Snow ha confermato che i camminatori bianchi non sanno nuotare, Euron decide di abbandonare Cersei e tutti gli altri e tornare sulla sua isola, dove crede che sarà al sicuro dall'esercito dei morti. Avvisa persino Daenerys di fare lo stesso, dicendo che entrambi potrebbero governare il mondo quando finirà la crisi.

Ci sarebbe tuttavia qualcosa da governare?

Tornando all'analogia del cambiamento climatico e la cooperazione multilaterale, le nazioni come gli Stati Uniti o il Brasile potrebbero forse avere meno in gioco che Tuvalu e altre isole del Pacifico. È tuttavia un'illusione credere che sarebbero immuni agli impatti del cambiamento climatico. Nessuno lo sarà.

3. Il freddo non mi ha mai disturbato

Cersei crede di poter tenere, o persino aumentare, il suo potere, mentre il resto del mondo si congela fino a morire. Non solo si rifiuta di unirsi alla resistenza, ma pianifica anche di attaccarli e massimizzare i suoi profitti a breve termine. Anche le nazioni come la Russia e l'Arabia Saudita bloccano la cooperazione internazionale per il beneficio delle loro industrie di combustibile fossile. Tuttavia, mentre quelle industrie forniscono profitti a breve termine ai loro PIL, i combustibili fossili non proteggeranno le popolazioni di quei Paesi dai crescenti effetti del cambiamento climatico.

Un'altra somiglianza tra i camminatori bianchi e il cambiamento climatico è la non prevedibilità degli attacchi. Entrambe le minacce sono in qualche modo aliene agli esseri umani e non rimane molto tempo per prepararsi ad affrontarle. Dopo quasi 25 anni di discussioni su cosa fare presso le conferenze annuali dell'ONU (COP), i leader mondiali sono adesso pressati dai bambini in età scolare affinché smettano di parlare e inizino ad agire. Il Brasile ha persino rinunciato alla presidenza del prossimo COP, che si svolgerà quest'anno in quella nazione, chiudendo così la porta a nuovi investimenti e opportunità di cooperazione.

Game of Thrones semplifica quello che potrebbe succedere se non prestiamo attenzione alle grida dei bambini. Quando Daenerys perde uno dei suoi draghi in favore del Re della Notte, l'impatto dell'esercito dei morti si intensifica immediatamente. Questo singolo evento cambia l'intero scenario in un istante, condannando potenzialmente tutti alla morte.

Gli effetti del cambiamento climatico, analogamente, potrebbero intensificarsi molto bruscamente: un incremento del livello di riscaldamento in futuro potrebbe spingere il clima globale a un punto critico, causando cambi imprevisti e irreversibili nei sistemi fisici. È incerto quale sia questo livello per i diversi processi, ma aumenta in modo drastico per le temperature maggiori di 1 o 3 gradi. Questi processi potrebbero anche intensificarsi con il tempo. Dato che la maggioranza degli aspetti del cambiamento climatico dureranno per secoli, e un maggiore innalzamento della temperatura potrebbe risultare in effetti positivi che incrementeranno ancor più il riscaldamento, le politiche di mitigazione dovrebbero applicare il principio della precauzione per evitare cambiamenti catastrofici e irreversibili nel sistema climatico della Terra.

Cassia Moraes è la fondatrice e amministratrice delegata di Youth Climate Leaders (YCL). Ha una laurea MPA in Pratica di sviluppo dalla Columbia University e fa parte del Consiglio direttivo Lemann Fellows del Centro globale della Columbia a Rio de Janeiro. Maggiori informazioni sul Programma di immersione dei leader climatici giovanili 2019 (Youth Climate Leaders 2019 Immersion programme) qui

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.