chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Perché la popolazione indigena in Colombia sta protestando contro il presidente Ivan Duque?

Screenshot del video condiviso dal Consiglio Indigeno Regionale di Cauca. Il video condivide immagini delle proteste che hanno avuto luogo nel sud-ovest del paese all'inizio di aprile.

Le comunità indigene, afro colombiane e agricole organizzano proteste di massa in Colombia contro il piano di sviluppo nazionale del presidente Ivan Duque, una serie di direttive che, tra le altre cose,  sosterrebbe gli investimenti stranieri in miniere e aziende agrarie su vasta scala, che potrebbe minacciare i territori indigeni.

Nel marzo 2019 le comunità indigene hanno chiuso [en] un'autostrada principale nella regione di Cauca per 25 giorni. Il 25 aprile scorso sono stati raggiunti da altri movimenti sociali nella conduzione di uno sciopero nazionale [en]. Oltre alle minacce ai diritti degli indigeni, gli scioperanti hanno protestato [es, come i link seguenti salvo diversa indicazione] contro i tagli di budget nell'educazione e la lenta attuazione degli accordi di pace del 2016 – di cui Duque, che deve ancora terminare un anno in carica, è un critico esplicito.

I popoli indigeni hanno definito le manifestazioni come “mingas”, una parola di origine quechua che significa “lavoro collettivo” ampiamente usata nei movimenti di protesta in Sud America.

#ScioperoNazionale | Comunità indigene, agricoltori e gli afro americani di Tado si stanno mobilitando dalle prime ore della mattinata lungo l'autostrada da Pereira a Quibdo come parte dello sciopero nazionale #valelapenaprotestare

Il Piano di Sviluppo Nazionale comprende riforme in diversi settori, come la formazione, l'energia e l'agricoltura. Mentre Duque afferma che il programma salverà 3,4 milioni di colombiani dalla povertà, i critici controbattono che beneficerà solo alle organizzazioni private. I leader indigeni minga sono particolarmente preoccupati con gli aspetti del piano che potrebbero mettere a dura prova il loro diritto di consultazione preventiva sui progetti di sviluppo nei loro territori.

Mentre il governo ha accettato di negoziare con i leader indigeni riguardo il piano, deve essere raggiunto l'accordo finale. Secondo il giornale El Espectador, la quantità di terra che il governo ha intenzione di proteggere a favore dei popoli indigeni è di meno di quanto le comunità chiedano:

La diferencia entre lo que ofrece el gobierno de Iván Duque y lo que piden las comunidades indígenas para despejar la vía Panamericana es abismal. El Ejecutivo habla de 1 500 hectáreas para resolver las necesidades de todas las organizaciones que integran la minga, mientras que el requerimiento de los organizadores de la protesta es de 40 000 hectáreas

La differenza tra quello che il governo di Ivan Duque offre e quello che le comunità indigene chiedono per aprire l'autostrada Panamericana è terribile. Il presidente parla di 1500 ettari per soddisfare i bisogni di tutte le organizzazioni che formano i minga, mentre la richiesta delle organizzazioni, che stanno protestando, è di 40.000 ettari.

Gli accordi di pace

Firmati tra l'ex presidente Juan Manuel Santos e i leader le forze armate rivoluzionarie di Colombia, il gruppo di guerriglia più grande, gli accordi di pace del 2016 hanno terminato il conflitto interno che durava da 50 anni, proclamando armistizio definitivo in cambio di partecipazione da parte dei membri della FARC nella politica istituzionale.

Gli Accordi di Pace hanno anche creato delle protezioni [en] per prevenire l'accumulo di terreno dagli individui e compagnie straniere in aree rurali, dando la priorità alla ridistribuzione del terreno e creando delle aree per gli indigeni, afro colombiani e comunità agricole che sono stati gravemente affetti dal lungo conflitto. La proprietà iniqua di terre in aree rurali [en] era stata la ragione principale [en] per cui il gruppo FARC aveva preso le armi nel 1960.

Tuttavia, la piena attuazione dell'accordo è rimasto elusivo dato che molti settori conservativi in Colombia sono fermamente contro quelle clausole. Nel frattempo i gruppi armati più piccoli rimangono attivi nel paese [en], dove hanno organizzato dei conflitti micidiali per il controllo sugli ex territori del FARC. Come conseguenza, il numero dei leader sociali uccisi nelle aree rurali è salito alle stelle da quando sono stati firmati degli Accordi. Mentre le figure variano in base a come un “leader sociale” sia definito, l'ufficio del difensore civico colombiano afferma [es] che 460 leader sociali sono stati assassinati tra il 2016 e il 31 marzo 2019.

Dunque, insieme al suo grande alleato, ex presidente Alvaro Uribe, è tra i dittatori più prominenti dell'accordo di pace. Nei mesi precedenti ha provato ad indebolire [en] l'autorità della giurisdizione speciale per la pace (JEP), un'ente giudiziario creato dagli Accordi per giudicare sia guerrilla che gli agenti del governo sospettati per guerre di crimine. Molti gruppi si sentono indignati da quelle misure, che dicono che potrebbe compromettere le possibilità di una vera riconciliazione.

Le persone hanno condiviso le loro ragioni della partecipazione allo sciopero del 25 aprile con l'hashtag #VamosAlParoPor (scioperiamo per) e #MingaNacionalPorLaVida (minga nazionale a vita).

We are going to strike for the indigenous minga, because we demand protection to social leaders, former fighters, in support of the JEP and the implementation of the peace accords. For better labor conditions for teachers and workers’ centrals.

Scioperiamo per gli indigeni minga, perché chiediamo protezione per i leader sociali, ex lottatori, in sostegno della JEP e l'attuazione degli accordi di pace. Per condizioni di lavoro migliori per gli insegnanti e i centri per i lavoratori.

La Pulla, un canale YouTube di telecronaca politico, ha approfondito la tensione crescente in un video intitolato “Esto pasa cuando el Estado ignora a su gente” (Questo è quello che succede quando un governo ignora il suo popolo), dove viene esaminato la lunga storia di trascuratezza del governo nelle campagne, in particolare nei dipartimenti di Cauca, Nariño, La Guajira e Catatumbo. Il giornalista afferma:

La minga nos recuerda que eso no es el único lugar donde viven incumpliendo la gente y le hacen pistola cada vez que pueda. Vemos cuatro regiones del país que el estado ignora por completa.

I minga ci ricordano che quello non è l'unico posto dove vivono con (promesse) irrealizzate e con il governo che li manda a quel paese quando può. Vediamo quattro regioni del paese che lo stato ignora completamente.

Non è stata data una soluzione finale alle richieste dei minga e scioperanti, quindi le proteste probabilmente continueranno nei prossimi mesi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.