chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Artisti creano un murales sui cambiamenti climatici a Grenada, un monito sul ‘paradiso perduto’ che ci aspetta

Grenada's Minister of Tourism, Civil Aviation and Culture, the Hon. Alexandra Otway-Noel, visits some of the artists working on the "Paradise Lost" mural - Suelin Low Chow Tung, Xandra Shaw and Victoria Slinger. Photo courtesy the artists; used with permission.

Il Ministro del Turismo, dell'Aviazione Civile e della Cultura di Grenada, l'On. Alexandra Otway-Noel, fa visita ad alcune artiste che lavorano al murale del “Paradise Lost” – Suelin Low Chow Tung, Xandra Shaw e Victoria Slinger. Foto per gentile concessione degli artisti; usata con il loro consenso.

Quando si parla dei cambiamenti climatici, meglio tardi che mai. Ispirati dalle marce mondiali contro i cambiamenti climatici  [en, come i link successivi, salvo diversa indicazione] che hanno avuto luogo il 21 settembre, un gruppo di artisti e attivisti a Grenada ha deciso di dipingere un murales per accrescere la consapevolezza locale riguardo a questo problema urgente.

Molti pensano che [it] i cambiamenti climatici e la minaccia del surriscaldamento globale siano stati ignorati abbastanza a lungo dai leader mondiali, principalmente per ragioni economiche. I leader hanno perso la volontà politica necessaria per affrontare il problema e per effettuare il passaggio all'energia pulita, invece di continuare a estrarre i combustibili fossili, in continua diminuzione. Il Summit sul clima, che ha avuto luogo alla sede centrale delle Nazioni Unite a New York il 23 settembre, aveva lo scopo di  catalizzare le promesse dei paesi membri e trasformarle in azioni.

Global Voices ha parlato con Victoria Slinger e Suelin Low Chow Tung del murales sui cambiamenti climatici di Grenada e su cosa speravano di ottenere. I soggetti del dipinto, concettualizzati da Low Chow Tung, includono elementi quali: la popolazione dell'isola (ammassata nei punti più alti), le incisioni rupestri degli amerindi (simbolo delle popolazioni indigene del paese), e pescherecci senza pesce (presagio di uno dei possibili effetti dei cambiamenti climatici).

Prendendo ispirazione dallo [it] stemma del paese, il murales contiene anche navi (che rappresentano la navigazione da riporto e l'industria del turismo del paese), una croce dorata (simbolo di una coscienza divina), un leone (simbolo di forza e irremovibile determinazione di affrontare le sfide), il Grand Etang Lake, il cocco, la noce moscata e i banani, una stella (simbolo di speranza). Presenti anche la flora e la fauna dell'isola, tra cui sette rose, che rappresentano le [it] sette parrocchie di Grenada. L'hanno chiamato “Paradise Lost” (paradiso perduto), come il poema epico [it] del XVII secolo del poeta inglese John Milton, che racconta della caduta dell'uomo.

The Grenada Dove with a spray of Bouganvillea; a nod to the country's national bird and flower. Photo courtesy the artists; used with permission.

La Tortora di Grenada con un ramoscello di Bouganvillea; un riferimento all'uccello e al fiore simboli del paese. Foto per gentile concessione degli artisti; usata con il loro consenso.

Global Voices (GV): Come avete avuto l'idea di dipingere un murale invece di organizzare una marcia, come accaduto negli altri paesi, inclusi Trinidad e Tobago?

Victoria Slinger (VS): This was my doing mainly. I am interested in art and also wanted to do something that would be more fun to participate in. There are many people here who are concerned about climate change, but there are too many who are not – mainly because they do not have the exposure to the information and do not know enough science not to be swayed by the nay sayers who just baffle them with bullshit. I felt a mural being permanent would be able to reach more people. Also, a Sunday is no time to do a march in Grenada. St. George's [the capital] is a ghost town and nobody is going to come out to see a lot of people with banners protesting. I did not believe there was anywhere suitable to do [a march].

Victoria Slinger (VS): È stata principalmente una mia idea. Mi piace l'arte e volevo fare anche qualcosa che potesse essere più divertente per i partecipanti. Ci sono molte persone  qui che sono preoccupate per i cambiamenti climatici, ma ce ne sono troppe che non lo sono – principalmente perché non hanno accesso alle informazioni e non hanno sufficienti conoscenze scientifiche per non farsi influenzare dai bastian contrari che li confondono dicendo balle. Ho pensato che un murales, essendo permanente, avrebbe potuto raggiungere più persone. In più la domenica non è il giorno migliore per una marcia. St. George's [la capitale] è una città fantasma e nessuno è disposto a uscire per vedere tante persone che protestano con gli striscioni. Non credo che ci fosse alcun posto adatto [per la marcia].

GV: Parlaci del disegno per il murales e delle sue dimensioni.

VS: The wall is between 6 and 12 feet high and 60 feet long, if we use all of it. That has not yet been decided, but it will be at the very least 6 feet high and 40 feet long. Suelin, as the designer, will decide what fits her design. It is the retaining wall at the back of the GSPCA [Grenada Society for the Prevention of Cruelty to Animals] car park so many people will see it. I hope, if it gets enough publicity here, people will come specially to see it.

Suelin Low Chow Tung (SLCT): The mural's elements are taken from our Coat of Arms and they speak to the negative impact to the country by rising sea levels due to climate change.

VS: Il muro è alto dai 6 ai 12 piedi e lungo 60, se lo usiamo tutto. Questo non è stato ancora deciso, ma, nella peggiore delle ipotesi, sarà alto minimo 6 piedi e lungo 40. Suelin, la disegnatrice, deciderà cosa è meglio per i suoi disegni. È il muro di sostegno dietro al parcheggio della GSPCA (Società di Grenada per la Prevenzione contro la Crudeltà sugli Animali), quindi molte persone lo vedranno. Spero che, se otterrà abbastanza successo, le persone verranno apposta per vederlo.

Suelin Low Chow Tung (SLCT): I soggetti del murales sono presi dal nostro stemma e parlano dell'impatto negativo dell'aumento del livello del mare sul paese, causato dai cambiamenti climatici.

Kai and Anja Niermann and Lene Kilde in process, working on the mural. Photo courtesy the artists; used with permission.

Kai e Anja Niermann e Lene Kilde in azione, mentre lavorano al murales. Foto per gentile concessione degli artisti, usata con il loro consenso.

GV: Cosa ha ispirato questo concetto particolare di disegno?

VS: My feeling is that to some extent it should show what could be lost to us forever if something is not done about climate change. A large increase in sea level will be devastating to our main towns, St. George's, Grenville and Gouyave and will destroy tourism, the main earner for the island. Every way you look at it, it will be a disaster.

VS: Credo che più o meno dovrebbe mostrare cosa potremmo perdere per sempre se non viene fatto qualcosa sui cambiamenti climatici. Un grande aumento del livello del mare sarà devastante per le nostre città principali,[it] St. George's [it], Grenville e [it] Gouyave [it] e distruggerà il turismo, la principale fonte di guadagno dell'isola. Sarà un disastro da ogni punto di vista.

GV: Quante persone partecipano all'evento? Che tipo di supporto ricevete?

SLCT: The participants in the project were Victoria Slinger, Suelin Low Chew Tung, Anja and Kai Niermann, Xandra and Kirby Shaw, visiting Norwegian sculptor Lene Kilde and her daughter, and visiting Haitian artist Prensnelo. We received paint and supplies from St George’s University, Sissons Paints Grenada Limited, Insurance Consultants of Grenada Ltd, Ace Hardware/Bryden and Minors, Ramdhanny’s Hardware, Sherwin Williams, and Renwick, Thompson and Co.

SLCT: I partecipanti al progetto erano Victoria Slinger, Suelin Low Chew Tung, Anja e Kai Niermann, Xandra e Kirby Shaw, la scultrice ospite Norvegese Lene Kilde e sua figlia, e Prensnelo, l'artista ospite haitiano. Abbiamo ricevuto vernici e forniture da: la St George’s University, la Sissons Paints Grenada Limited, l'Insurance Consultants of Grenada Ltd, la Ace Hardware/Bryden and Minors, la Ramdhanny’s Hardware, la Sherwin Williams e la Renwick, Thompson and Co.

Haitian artist, Prensnelo, paints the armadillo of the Grenada climate change mural. Photo courtesy the artists; used with permission.

L'artista haitiano Prensnelo dipinge l'armadillo del murales di Grenada sui cambiamenti climatici. Foto per gentile concessione degli artisti; usata con il loro consenso.

GV: Credi che i residenti dei Caraibi siano consapevoli del problema quanto dovrebbero?

VS: Never mind the Caribbean, I don't believe the average resident of any of the developing countries (in which category I include USA for this purpose) are as conscious of the issue as they should be. My feeling is that the main reason is they do not have the science background to understand it properly and to realise that after a certain point it will not be possible to reverse, and then it will just be a matter of time till the earth can no longer support most of life as we know it. It will be back to bacteria as far as I am concerned. Therefore they are too easily satisfied by the flawed science being fed to them by the fossil fuel, mining and other interests who don't want to act.

VS: Lascia perdere i Caraibi, non penso che l'abitante medio di uno dei paesi in via di sviluppo (tra cui, a questo riguardo, includo anche gli USA) sia tanto consapevole del problema quanto dovrebbe. Suppongo che la ragione principale sia che non hanno il bagaglio scientifico sufficiente per comprenderlo a pieno, e per realizzare che dopo un certo punto non sarà possibile tornare indietro, e poi sarà solo questione di tempo fino a che la terra non potrà più sostenere la maggior parte delle forme di vita, così come le conosciamo. A mio avviso si tornerà indietro ai batteri. Infatti sono così facilmente soddisfatti dalla scienza fallace di cui sono nutriti, dai combustibili fossili, dall'attività mineraria e da altri interessi, che non vogliono agire.

La regione dei Caraibi [it], che è principalmente costituita da piccoli stati insulari e da aree continentali a bassa quota con un'economia fragile, è particolarmente sensibile agli effetti negativi dei cambiamenti climatici. Iniziative come questo murales sono fondamentali per aiutare la popolazione a comprendere l'importanza dei cambiamenti climatici.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.