chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

La caccia alle streghe nell'India rurale causa ancora oggi molte vittime

Un villagio vicino a Jamshedpur in Jharkhand. Foto per gentile concessione di Anumeha Verma

Il 20 luglio scorso, quattro persone anziane sono state linciate da una folla nel Distretto di Gumla del Jharkhand, in India, dopo essere state accusate di praticare la stregoneria. Secondo i reportage [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], le vittime sono state accusate di avere causato la morte di un uomo e, infine, sono state giudicate colpevoli di stregoneria da un Panchayat (un'assemblea del villaggio). Le vittime sono state trascinate fuori dalle loro case e picchiate a morte da uomini mascherati che brandivano manganelli. Otto degli aggressori sono stati successivamente arrestati dalla polizia.

Secondo i dati della polizia pubblicati da The Times of India, la caccia alle streghe in Jharkhand è costata la vita a 123 persone, dal maggio 2016 al maggio 2019. Secondo il National Crime Records Bureau, nel 2016 ben 134 persone sono state uccise in tutto il paese per il presunto utilizzo di “magia nera”.

Una malattia perpetua

“La caccia alle streghe non è una novità in Jharkhand,” dice Prem Chand in un'intervista telefonica, il fondatore e presidente del Free Legal Aid Committee (FLAC) a Jharkhand. Il FLAC è stato determinante per emanare una legislazione contro la caccia alle streghe in Jharkhand. L'organizzazione iniziò a lavorare in quest'area nel 1991, quando una donna era stata accusata da un suo vicino di avere causato la morte di un ragazzo. Una folla inferocita la attaccatò e uccise suo marito e suo figlio, lei rimase ferita.

Quando Prem Chand e i suoi colleghi fecero visita gli aggressori in prigione, furono accolti con disprezzo:

They told us that they stood by their accusation. They also shared a belief that when the blood of a woman branded as a witch falls on the ground, she loses her so-called powers of sorcery.

Ci dissero che rimanevano fermi sulle loro posizioni di accusa. Condivisero con noi anche una credenza secondo cui quando il sangue di una donna, marchiata come una strega, cade per terra, lei perde i suoi cosiddetti poteri magici.

Prem Chand dice che tale pratica interessa specifici settori della popolazione:

Usually, it is the women from the weaker sections of the society and economically backward regions that are targeted. The victims are mostly Adivasis, Harijans and Dalits. It is an assault on the dignity of women and a violation of constitutional rights for a dignified life for every human being.

Di solito vengono prese di mira le donne provenienti dai settori sociali più deboli e da zone economicamente arretrate. Le vittime sono principalmente Adivasi, Harijan e Dalit. È un attacco alla dignità delle donne e una violazione dei diritti costituzionali di una vita dignitosa per ogni essere umano.

La realtà sociale e politica

Gli attivisti dicono che le superstizioni, profondamente radicate prevalentemente nell'entroterra, sono la causa principale di queste pratiche. Basso livello di educazione, strutture sanitarie fatiscenti e arretratezza economica segnano le regioni dove queste pratiche sono prevalenti.

I casi, finora, mostrano come spesso un pettegolezzo iniziato da qualcuno sia sufficiente ad innescare una reazione a catena. Nonostante le leggi emesse da diversi stati indiani, che hanno dichiarato illegale la caccia alle streghe, i partecipanti vedono queste pratiche come una forma di autodifesa.

Sono anche usate come scusa per appropriarsi delle ricchezze possedute dalle donne, per ottenere vendetta o, addirittura, per approfittarsi sessualmente di loro. Secondo Prem Chand:

The premise is that once you brand a woman as a witch, you can subject her to any treatment. However, it is important to note that the practice is used as a justification for exploitation and is not a cause behind it per se.

Il presupposto è che una volta che marchi una donna come strega, puoi assoggettarla a qualsiasi trattamento. Tuttavia è importante notare che la pratica è usata come giustificazione per tale sfruttamento e non c'è alcuna causa di per sé.

Ironicamente il panchayat spesso dà una tacita approvazione al marchiare una persona come strega, anche se la sentenza di infliggere la punizione non viene approvata.

Oltre al panchayat, ci sono sedicenti panchayat di casta, senza alcun mandato legale, che operano in alcune parti del paese. Questi enti approvano verdetti e infliggono punizioni e restano largamente impuniti. Un incidente nel distretto di Ajmer di Rajasthan nel 2017 ha riportato il coinvolgimento di un panchayat di casta che ha inflitto la morte a una 40enne.

Legalmente le corti possono muovere azioni contro tali verdetti, sia in caso di panchayat eletti sia di panchayat di casta. Tuttavia le vittime hanno raramente l'opportunità di raggiungere una corte prima di diventare bersaglio delle folle.

La caccia alle streghe in India

Jharkhand ha registrato il più alto numero di crimini commessi nel nome della caccia alle streghe, ma non è l'unico stato.

  • Casi di caccia alle streghe sono stati registrati anche a: Chattisgarh, Odisha, Gujarat, West Bengal Assam, Bihar, Maharashtra e Rajasthan.
  • Durante un agghiacciante incidente nel 2014, Debjani Bora, un'atleta indiana, era diventata bersaglio ad Assam. Secondo le dichiarazioni di Debjani era stata accusata di avere causato diverse morti nel villaggio di Cherekali situato a 180 km di distanza da Guwahati, il capoluogo dei distretti orientali indiani. È stata presumibilmente marchiata da un capo della casa di preghiera del villaggio ed è stata assalita brutalmente dagli abitanti del villaggio.
  • Il 2017 è stato testimone di diversi casi nello stato di Rajasthan. Tra questi, Kanya Devi, una 40enne è stata attaccata e picchiata a morte dopo essere stata accusata dai suoi familiari nel distretto di Ajmer.

Vittime e sopravvissuti

Le persone incolpano le donne accusate di essere streghe per avere causato una serie di sventure: la morte di persone o animali, siccità, perdite del raccolto, ecc. Gli attacchi a queste donne (e ad alcuni uomini) sono violenti e disumani. Talvolta le accuse e le punizioni vengono loro inflitte dai loro stessi familiari.

Alcuni sono sopravvissuti per raccontare la loro storia e combattere. Chutni Mahato di Saraikela nel Jharkhand è una di loro. Le persone della zona la chiamano ‘tigre’. Era stata accusata di praticare stregoneria nel 1995. Da quel momento si è trasformata in un'attivista crociata contro la vittimizzazione delle donne nel nome della caccia alle streghe, con l'aiuto delle ONG che lavorano per eliminare le pratiche.

Chutni esprime come la mancanza di risorse, spesso, renda la lotta contro tali pratiche molto difficile. “Speravo ci fosse un maggior supporto da parte delle autorità e del governo per il lavoro che stiamo facendo qui. Comunque, io ho sofferto a causa di queste pratiche. Quando qualcuno viene da me in cerca di aiuto starò sempre dalla sua parte”, ha dichiarato in un'intervista telefonica.

Elaborazione dell'opinione pubblica

Sia i sopravvissuti che gli attivisti sentono che manchi nell'opinione pubblica il sostegno verso la fine della caccia alle streghe. Gli attivisti che sono stati intervistati in questo articolo hanno espresso una mancanza di volontà politica e scarso coinvolgimento intellettuale, al fine di ottenere lo slancio necessario al successo della campagna contro tale atroce pratica.

L'unico raggio luminoso in questo cielo scuro è rappresentato dalle persone che lavorano contro la pratica, esse credono che la situazione possa essere rovesciata. Secondo Prem Chand:

The efforts for ending witch hunting can be modeled on the same principles that the government has used for promoting other social problems such as the literacy mission. Also, the intellectuals would have to lend their support to the cause to mold the public opinion.

Gli sforzi per porre fine alla caccia alle streghe possono essere modellati sugli stessi principi che ha usato il governo per promuovere altre questioni sociali, come la campagna contro l'analfabetismo. Gli intellettuali, inoltre, dovrebbero fornire il loro supporto alla causa per influenzare l'opinione pubblica.

Le fonti di questa storia sono state intervistate con l'assistenza di B. Vijay Murty, un giornalista ed editore locale, basata a Jharkhand.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.