chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Un video di violenze militari divide l'opinione pubblica e sottolinea la gravità degli attacchi nel nord del Mozambico

Case distrutte dal fuoco durante gli attacchi. Foto: Borges Nhamire, 2018. Usata con il suo consenso.

Un video [en] condiviso sui social media (ATTENZIONE: immagini esplicite) mostra uomini vestiti nell'uniforme delle Forze Armate Difensive del Mozambico (FADM) che torturano e umiliano un presunto civile. Questo fatto ha luogo nel contesto delle lotte contro gli aggressori che hanno terrorizzato la provincia settentrionale di Cabo Delgado dall'ottobre 2017.

Il video mostra gli uomini che malmenano una vittima, apparentemente per non avere dato una risposta soddisfacente quando gli è stato chiesto cosa stesse facendo nelle vicinanze della postazione militare. Uno degli uomini in uniforme suggerisce addirittura di sparare alla vittima, mentre un altro cerca dell'acqua, probabilmente per la pratica di tortura nota come waterboarding [it].

Il giornale Modambico CanalMoz ha scritto su Facebook che il video era stato registrato da uno dei soldati durante il pattugliamento contro gli aggressori estremisti, e che in effetti questo è il loro modus operandi [pt, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]:

Cidadãos são torturados sem que ninguém lhes defenda, numa cruzada de brutalidade sem paralelo.

I cittadini vengono torturati senza nessuno che li difenda, durante una campagna militare di brutalità senza pari.

Scene come questa si ripetono giornalmente secondo [en] Omardine Omar, un giornalista del Carta de Moçambique, che ha criticato il rapimento dei commercianti nelle aree colpite dagli attacchi, presumibilmente perché si pensava che rifornissero gli aggressori.

Alla fine del 2018, Human Rights Watch ha riportato arresti arbitrari, maltrattamenti ed esecuzioni sommarie di dozzine di individui sospettati di appartenere a gruppi armati.

Le reazioni online sono svariate, una parte che condanna i modi violenti delle milizie, mentre l'altra li supporta, affermando che gli aggressori stessi sono stati barbari e sono responsabili della morte di più di 200 persone, la maggior parte delle quali civili, così come dell'incendio di abitazioni, di imboscate a veicoli e di razzie a proprietà pubbliche e private.

Recentemente, il presidente del Mozambico, Filipe Nyusi, ha denominato gli attacchi “atti di terrorismo” e ha promesso che le milizie continueranno a combattere sul campo e non riposeranno finché non verrà riportata la pace.

Allo stesso tempo, il Ministro della Difesa Nazionale del Mozambico, Atanásio Ntumuke, e la polizia hanno dato l'impressione che la situazione sia sotto controllo. Tuttavia ciò viene contraddetto dalla cronaca locale. I giornalisti che cercano di occuparsi del conflitto vengono intimiditi e arrestati dalle forze governative, come riportato dalla Human Rights Watch.

In una lettera scritta durante la visita di Papa Francesco nel Mozambico, il Vescovo della Diocesi di Cabo Delgado, Dom Luiz Fernando Lisboa, ha messo in dubbio l'efficacia delle politiche governative nel combattere il gruppo terroristico, così come le ragioni della segretezza intorno all'argomento:

A imprensa fala do encontro de autoridades com jornalistas, como um encontro de intimidação e ameaça. Fala-se de agentes que estão infiltrados entre a população para não deixar passar nenhuma informação. O que pretendem as autoridades civis e militares, criando este clima de secretismo e silêncio? Qual é o segredo que não querem revelar nem que seja revelado? Porque não se deixam ajudar nas investigações por jornalistas corajosos, sérios e responsáveis?

La stampa parla dell'interazione delle autorità con i giornalisti come di interazioni di intimidazione e ricatti. Si parla di agenti che si infiltrano tra la popolazione per fare in modo che le informazioni non si diffondano. Cosa hanno intenzioni di fare le autorità civili e militari creando questo clima di segreto e silenzio? Qual è il segreto che non vogliono rivelare o che venga rivelato? Perché non lasciano che giornalisti coraggiosi, seri e responsabili li aiutino nelle loro indagini?

Le autorità hanno difficoltà a determinare possibili legami con l'estremismo religioso

Come parte degli sforzi per combattere gli attacchi , le forze governative hanno arrestato diversi cittadini del luogo e stranieri sospettati di appartenere al gruppo di estremisti. La Corte Provinciale di Cabo Delgado ha giustiziato 37 persone ad aprile e altre 23 a giugno. Ora, 26 accusati stanno affrontando un processo in attesa della conclusione delle indagini del pubblico ministero su altri tre casi.

I crimini di cui sono accusati vengono descritti come crimini motivati dall'ambizione del gruppo alla destabilizzazione e per impedire alle persone di impegnarsi nell'educazione nazionale e nei servizi sanitari. L'accusa del pubblico ministero, come citato dal giornale Jornal Savannah, dice che gli aggressori avevano intenzione di creare uno stato indipendente, politicamente allineato all'Islamismo radicale, che avrebbe voluto annettere i distretti delle regioni settentrionali della provincia e delle parti meridionali della Tanzania.

Intanto la comunità mussulmana del Mozambico sta prendendo le distanze dagli attacchi rivendicando l'etichetta di Islam. Il Presidente Nyusi ha descritto gli aggressori come uomini che si spaventano a mostrare le loro facce e che stanno cercando, attraverso i loro messaggi, di confondere l'opinione pubblica in modo da passare come difensori dell'Islam.

La provincia di Cabo Delgado confina con la Tanzania e condivide la stessa lingua locale — lo Swahili. Durante un attacco la notte del 26 giugno sono morte almeno 11 persone, due del Mozambico e nove della Tanzania. La situazione ha indotto le forze armate dei due paesi ad accordarsi per condurre operazioni congiunte nell'area di confine per affrontare gli attacchi.

Una mappa interattiva [en], che tracciava le attività dell’ ISIS, ha marcato il confine settentrionale del Mozambico come un altro punto di conflitto, dopo che l'organizzazione jihadista aveva rivendicato la responsabilità degli ultimi due attacchi.

Comunque la presunta presenza dell’ ISIS nel Mozambico è stata messa in discussione. Il comitato di Gestione del Rischio, che segue gli attacchi del gruppo, ha considerato la rivendicazione del primo attacco come “fuorviante”, visto che la loro presenza nel territorio non è stata provata. Anche la polizia del Mozambico ha negato la veridicità della rivendicazione.

Nel secondo caso, lo specialista nella sicurezza del Zitamar News, Samuel Ratner, ha notato una discrepanza tra gli attacchi riportati e la rivendicazione fatta dall'ISIS [en]:

Le discrepanze tra gli attacchi attuali e quelli rivendicati dall’ ISIS sono significative: gli attacchi sembrano concepiti secondo le strategie dei ribelli di CD, ma rivendicati secondo le strategie dell’ ISIS. Azioni concomitanti senza coordinazione.

Progetti di sfruttamento di gas sotto ricatto

La provincia di Cabo Delgado è ricca di foreste di legname, grafiterubinioro. Gli attacchi hanno avuto luogo vicino a una delle riserve di gas più grandi del mondo, situata nelle acque profonde del bacino di Rovuma, che è a cavallo tra il confine settentrionale del Mozambico e la Tanzania.

Diverse grandi compagnie petrolifere, in particolare l'italiana ENI e le statunitensi AnadarkoExxonMobil, si stanno preparando ad estrarre gas naturale, che si prevede favorirà chiaramente la crescita economica.

L'Istituto Petrolifero Nazionale del Mozambico ammette di essere preoccupato per le violenze, dicendo che la situazione dovrebbe essere sotto controllo “il prima possibile” per facilitare lo sviluppo del progetto. Intanto i media hanno rivelato che le multinazionali hanno assunto compagnie di sicurezza con capacità di ricognizione, di raccolta di informazioni e di difesa per proteggere i propri interessi finanziari.

Non è chiaro se ciò sia avvenuto in collaborazione con il governo del Mozambico, ma il Presidente Nyusi ha confermato l'uso di “misure straordinarie” delle multinazionali per affrontare gli attacchi.

Durante la sua visita recente in Mozambico, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha assicurato la disponibilità del governo dell'Unità antiterrorismo dell'ONU per aiutare il paese a combattere i gruppi armati.

A metà luglio di questo anno i ministri della difesa degli stati membri della Comunità di Sviluppo del Sudafrica, incluso il Mozambico, ha approvato [en] la sua politica e il suo piano di azione per combattere il terrorismo:

The meeting deliberated on the alarming threats posed by terrorism and transnational cross border crime, and approved the SADC Regional Counter Terrorism Strategy and its Action Plan, and Member States were urged to implement the Terrorism Strategy and Plan, and to continue devising preventive interventions against, radicalisation, terrorism and transnational organised crime.

L'assemblea ha deliberato sugli allarmanti ricatti imposti dal terrorismo e sui crimini nei confini tra le nazioni e ha approvato la Strategia Contro il Terrorismo Regionale SADC e il suo Piano d'Azione e gli Stati Membri sono stati sollecitati a implementare la Strategia e il Programma antiterrorismo e a continuare a ideare interventi preventivi contro i radicalismi, il terrorismo e i crimini organizzati transnazionali.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.