chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

L'avidità di minerali della Cina scatena la resistenza nella Thailandia rurale

Cottura del sale in vasca aperta, in una fabbrica nel villaggio di Kut Ruea nella provincia di Sakon Nakhon. I lavoratori sono pagati in base alla quantità di sale che producono giornalmente, all'incirca 350 baht (11,3 dollari USA). Visarut Sankham/The Isaan Record

Questo articolo [en, come i link seguenti] rielaborato è tratto da The Isaan Record, un sito indipendente di notizie in Thailandia, ed è ripubblicato su Global Voices come parte di un accordo per la condivisione dei contenuto. Questa storia è una produzione congiunta tra The Isaan Record e China Dialogue.

Il futuro di una miniera di potassio thailandese-cinese, pianificata nel nord-est della Thailandia, è piombato nell'incertezza, poiché gli abitanti dei villaggi si stanno opponendo accanitamente, spinti dai timori concernenti la sicurezza del sostentamento, la salute e l'ambiente.

Dopo che un gruppo di protesta guidato dalle donne locali ha bloccato l'accesso ai siti di perforazione, l'anno scorso, la società mineraria cinese ha intentato una raffica di cause legali contro gli abitanti dei villaggi, chiedendo un risarcimento di 3.6 millioni di baht (circa 116.800 dollari).

Nel frattempo, si trascinano gli interrogativi se il governo militare uscente abbia modificato la legislazione a beneficio delle aziende minerarie straniere, a discapito della salvaguardia ambientale e dei diritti comunitari.

Nel mirino: il tesoro del nord-est

Il successo globale della Cina nella produzione agricola è parzialmente dovuto all'approvvigionamento di fertilizzanti economici. La nazione è il maggior consumatore mondiale di potassio, un minerale naturale che aumenta i raccolti e migliora la ritenzione idrica delle colture e la resistenza alle malattie.

Gli agricoltori cinesi dipendono dalle importazioni di potassio principalmente da Canada, Russia e Bielorussia. Tuttavia, mentre i prezzi del minerale rimangono elevati, con un aumento di quasi il 25% nell'ultimo anno, la nazione si è impegnata per sviluppare nuove fonti più economiche.

Ha così posato gli occhi sulle ricche riserve di potassio nella regione nord orientale della Thailandia.

La regione, che possiede miniere di sale, si trova su due giacimenti primari di potassio scoperti negli anni '70, noti come i bacini Khorat Basin e Sakon Nakhon. Nei decenni seguenti questa risorsa naturale è stata tuttavia scarsamente sfruttata, in seguito alla forte opposizione locale, le preoccupazioni ambientali e le restrizioni legali.

Dopo la salita al potere di una giunta militare con un colpo di stato nel 2014, tuttavia, è stato annunciato il progetto di aumentare l'estrazione di risorse minerali nella nazione, per rilanciare l'economia.

Nello stesso anno, la corporazione Ming Ta Potash Corporation di proprietà dello Stato cinese ha ottenuto l'autorizzazione di esplorare 120.000 rai (circa 47.500 acri) di territorio nella provincia nord-orientale di Sakon Nakhon. Apichat Sayasiyot, manager di China Ming Ta, ha detto:

China and Thailand are both looking for new potash supply sources to cut import and production costs. Thailand has potash but needs the help of the Chinese to extract it. It’s a Thai-Chinese collaboration that will benefit both parties.

La Cina e la Thailandia stanno entrambe cercando nuove fonti di approvvigionamento per il potassio, per ridurre i costi di importazione e produzione. La Thailandia ha il potassio, ma ha bisogno dell'aiuto dei cinesi per estrarlo. È una collaborazione thailandese-cinese, di cui beneficiano entrambe le parti.

Paura e rabbia della popolazione locale

Nel distretto rurale di Wanon Niwat, nella provincia di Sakon Nakhon, la popolazione ha reagito dapprima con paura e poi con rabbia alla notizia del progetto della miniera di potassio. I funzionari locali non si sono premurati di informare adeguatamente gli abitanti di 82 villaggi sul fatto che le loro case sono adesso parte di un'area mineraria.

“L'azienda ha iniziato l'esplorazione in due siti di perforazione, ma la popolazione della comunità non è mai stata informata del progetto,” dice Mali Saengbunsiri, un agricoltore di 50 anni e nonna di quattro nipoti.

Le comunità agricole di Wanon Niwat dipendono dai fertili terreni dell'area, dai fiumi, laghi e terreni acquitrinosi che formano un delicato ecosistema, che gli fornisce gli alimenti e le altre risorse.

Molti abitanti dei villaggi del distretto sono preoccupati che il progetto minerario possa distruggere i loro terreni coltivati, danneggiare l'ambiente e avvelenare le risorse idriche, oltre che mettere a repentaglio la salute della popolazione. Mali ha aggiunto:

Just imagine the impact of a huge industrial mining project here. The scary thing about salt is that it is capable of damaging just about everything.

Prova semplicemente a immaginarti l'impatto di un enorme progetto minerario industriale qui. Il fatto terrificante è che il sale danneggia quasi tutto.

Veleno dal basso

L'estrazione del potassio produce enormi quantità di sale, come sottoprodotto, che può costituire una minaccia per il terreno, l'acqua e la vita animale della zona. In una regione che già soffre di terreni compromessi dal sale, la popolazione locale teme che il progetto trasformerà i terreni in una terra arida, annientando le loro coltivazioni.

Se la pioggia lava il sale nei fiumi, laghi e terreni acquitrinosi, pochi organismi di acqua dolce possono sopravvivere. Questo potrebbe annientare i mezzi di sussistenza, basati sulla pesca nel lago Huay Thong del distretto, un bacino idrico che è anche la principale fonte idrica per migliaia di persone. Mali ha detto:

We worry that all the fish will die and the soil will be so salty that we can’t grow any crops on our land anymore.

We don’t know how the company intends to protect us from the dust and salty water coming from the salt mountain in the mine. How effective is it going to be?

Temiamo che tutto il pesce morirà e la terra diventerà così salata che non potremo più coltivare i nostri terreni.

Non sappiamo come l'azienda ha intenzione di proteggerci da polvere e acqua salata provenienti dalla montagna di sale nella miniera. Quanto sarà efficiente?

Il rischio della polvere di sale, soffiata dal vento dalla miniera nelle comunità circostanti, sta suscitando timori correlati al potenziale impatto sulla salute della popolazione.

La popolazione locale e gli esperti temono che l'estrazione mineraria del potassio su larga scala provocherà la comparsa di pericolose voragini. Un'attività di salgemma in un vicino distretto ha causato una tale fossa che si è ingigantita in una enorme voragine, profonda 15 metri e grande come un campo di calcio.

China Ming Ta cerca di rassicurare la popolazione locale sui suoi piani di sicurezza per alleviare questi rischi per l'ambiente e la salute. Si è impegnata ad attuare alcuni provvedimenti per prevenire lo scarico di polvere e acqua salata nell'ambiente.

Un piccolo buco nel terreno, vicino alla fabbrica di sale in prossimità del villaggio di Non Sabaeng nella provincia di Sakon Nakhon, si è trasformato in una voragine profonda 15 metri e grande come un campo di calcio. Queste voragini [o doline] sono comuni nelle zone di produzione di sale, dove la falda acquifera è pompata verso la superficie per anni. Visarut Sankham/The Isaan Record

Gli agricoltori reagiscono con le proteste contro la miniera

Le rassicurazioni della società mineraria arrivano comunque troppo tardi per mitigare i timori della popolazione di Wanon Niwat. Infervoriti dalla sensazione che siano state prese decisioni fatidiche, imposte sulla loro testa, gli abitanti dei villaggi del distretto hanno organizzato un gruppo di opposizione alla miniera nel 2016.

Guidato soprattutto da donne di mezza età e anziane, il gruppo ha collaborato con gli attivisti, gli accademici e le organizzazioni non governative, per opporsi alla miniera di potassio. Hanno realizzato striscioni di protesta, organizzato dibattiti pubblici e presentato petizioni ai funzionari e alla società, per fermare il progetto.

A febbraio 2018, il gruppo ha inasprito la sua protesta bloccando la strada per il sito della quarta perforazione, impedendo praticamente alla società di trasportare le attrezzature di perforazione all'interno di quell'area.

La società pianifica di realizzare 60 siti di trivellazione per valutare la qualità del potassio, prima di aprire la miniera. In passato i manifestanti hanno bloccato con successo il sito della terza trivellazione pianificata. Questo lascia la società con solo due siti operativi di trivellazione.

A dicembre 2018 il gruppo ha organizzato una marcia di protesta di cinque giorni con il motto di “Wanon Walk” (marcia di Wanon) attraverso quattro distretti della provincia, coinvolgendo circa 200 sostenitori. Foto di Luke Duggleby per il Museo di arte contemporanea MAIIAM.

Penalizzati dalle cause legali

In risposta alla perdurante opposizione dei locali attivisti, l'azienda mineraria ha aperto un procedimento giuridico e ha intentato complessivamente 20 cause contro nove membri del gruppo di protesta.

L'azienda ha dichiarato che il blocco dei siti di perforazione è costato ogni volta 5 milioni di baht (circa 157.500 dollari).

China Ming Ta ha accusato gli abitanti dei villaggi di intralcio illegale del loro sito minerario e, inoltre, di diffamazione e violazione della Legge sui diritti informatici (Computer Crimes Act) per aver chiesto, sui social media, un'indagine ufficiale sul progetto minerario. L'azienda chiede un risarcimento di 3.6 milioni di baht (circa 116.800 dollari).

Sakkaphon Chaisaengrat, l'avvocato dei contestatori, sostiene tuttavia che gli abitanti dei villaggi hanno agito correttamente nell'ambito legale e hanno soltanto esercitato i loro diritti.

“La legislazione permette alla popolazione di esercitare pubblicamente i suoi diritti comunitari per proteggere le risorse, la cultura e le locali tradizioni di vita,” ha dichiarato.

Una legislazione mineraria formulata dai militari

Gli attivisti e gli esperti nel nord-est sostengono che i conflitti locali sulla gestione delle risorse naturali probabilmente si inaspriranno, dopo che il governo thailandese ha promulgato una nuova legislazione mineraria nell'agosto 2017 a favore dell'industria e dello sfruttamento minerario.

Formulata e approvata dai legislatori, designati dalla giunta militare, la nuova legge mineraria accelera la procedura di approvazione delle concessioni minerarie. Il periodo di esame per le licenze è stato più che dimezzato, dai precedenti 310 giorni a 100-150 giorni.

Nonostante le cause legali contro il suo gruppo, Mali Saengbunsiri (in mezzo) è determinata a proseguire l'opposizione contro il progetto minerario. Foto di Luke Duggleby per il Museo di arte contemporanea MAIIAM.

L'opposizione locale viene sottovalutata

La giunta ha comunque valutato erroneamente il livello di resistenza che il progetto di estrazione del potassio avrebbe istigato tra la popolazione di Wanon Niwat e altrove.

“Non vogliamo l'industria qui!” dice Mali. “Non permetteremo che questa zona, abbondante di risorse naturali, sia trasformata in una zona industriale.”

In tutta la regione si sono organizzati gruppi locali contro i progetti minerari, anche nelle province di Nakhon Ratchasima, Chaiyaphum, Loei e Udon Thani.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.