chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Netizen Report: Continua il blocco in Kashmir

Una manifestante del Kashmir sfida un poliziotto a impedirle di proseguire durante le restrizioni imposte nel 2017 in Srinagar, la città più grande del Kashmir. Foto di Ieshan Wani, pubblicata previa autorizzazione.

Il Netizen Report di Advox offre un'istantanea internazionale sulle sfide, le vittorie e le tendenze emergenti in campo tecnologico e dei diritti umani nel mondo. Questo report copre notizie ed eventi del periodo dal 9 al 21 agosto 2019.

Nella regione indiana del Kashmir sono state interrotte le comunicazioni [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] dal 5 agosto, quando il governo indiano ha revocato lo status di regione autonoma.

Le proteste di risposta hanno portato a violenti scontri tra i manifestanti e le autorità militari e di polizia indiane che pattugliano attivamente le strade. In centinaia, tra manifestanti e altri catturati nella mischia, sono stati arrestati dal 5 agosto a oggi.

Il 4 agosto, il gruppo di ricerca sulla censura su internet Netblocks aveva riferito che gravi interruzioni di internet erano già in corso:

Urgente: gravi interruzioni di internet sono registrate in #Srinagar, #Kashmir gli accessi principali sono stati interrotti dall'India a partire dalle 18.00 UTC; il blocco delle informazioni pone un rischio immediato alla sicurezza degli individui, incidente in corso #KeepItOn

L'interruzione dei servizi internet non sono una novità in Kashmir – la zona vanta il discutibile record mondiale di regione con il maggior numero di blocchi di internet a medio e lungo termine nel 2018 e 2019.

Ma il blocco delle comunicazioni si è esteso ben al di là del solo accesso alla rete. Per dodici giorni consecutivi, i servizi di linea telefonica mobile e fissa sono stati interrotti, lasciando gli abitanti del Kashmir isolati dalle aree vicine e dal resto del mondo. Un report dell'AFP descrive come i cittadini della città più grande del Kashmir, Srinagar, si siano trovati ad aspettare per ore in coda davanti agli uffici governativi per poter usare la linea telefonica esterna, anche se solo per due minuti a testa.

Mentre l'accesso ad internet rimane vietato in Kashmir, molti pakistani si sono rivolti a Twitter per denunciare il cambio in Kashmir. Ma anche loro sono stati censurati – giornalisti, attivisti, e adesso anche autorità del governo pachistano stanno denunciando che diversi account sono stati sospesi dopo aver pubblicato post su Twitter in supporto ai diritti dei cittadini del Kashmir o aver criticato le azioni del governo indiano nella regione.

Il 12 agosto, il Ministro degli Interni indiano ha chiesto a Twitter di ”sospendere” otto account per aver diffuso ”disinformazione e voci con l'intento di disturbare la pace e la calma” in Kashmir. Il 20 agosto, l'Autorità per le Telecomunicazioni in Pakistan ha presentato un reclamo a Twitter, sostenendo che 200 account sarebbero stati erroneamente sospesi, secondo le autorità pakistane, dopo aver condiviso messaggi di solidarietà con il Kashmir.

L'Algeria blocca i social media e i servizi Google

La connessione a YouTube e altri servizi offerti Google sono stati oscurati per diverse ore in Algeria il 18 agosto. L'interruzione sembrerebbe essere avvenuta in risposta a un video diventato virale che mostrava l'ex Ministro della Difesa, Khaled Nezzar, che invitava l'esercito a “compiere le richieste del popolo”. Il messaggio esprimeva supporto per l'estromissione pubblica del generale Ahmed Gaid Salah. Le proteste iniziate a marzo in Algeria hanno portato alle dimissioni del Presidente Abdelaziz Bouteflika.

Attivista nigeriano arrestato per aver incitato alla protesta sui social media 

Omoyele Sowore, un noto attivista per i diritti umani e editore presso Sahara Reporters, è stato arrestato il 3 agosto dai servizi di sicurezza nigeriani dopo aver esortato una manifestazione a livello nazionale contro la cattiva gestione del governo. Usando l'hashtag #RevolutionNow, Sowore ha puntato il dito contro i molteplici conflitti armati in corso nella regione e le letali conseguenze per i civili. “La Nigeria ha fallito come Stato e fino a che non si farà il grande passo necessario [per un movimento di protesta coordinato]….La Nigeria non raggiungerà il suo potenziale.”

Sowore è stato arrestato in base alla legge Anti-terrorismo del 2011 che permette al Dipartimento dei Servizi di Stato (Department of State Services DSS), una unità dei Servizi di Sicurezza dello Stato nigeriano, di arrestare chiunque mostri intenzione di “commettere atti di violenza.” Se accusato e condannato, Sowore potrebbe venir condannato all'ergastolo, una multa o entrambe le cose. Nonostante il suo arresto, le proteste si sono comunque svolte in quattro stati della nazione e nella capitale Abuja.

Blogger della Mauritania condannato alla pena di morte è stato rilasciato 

Il blogger della Mauritania Mohamed Cheikh Ould Mkhaitir, che era stato condannato alla pena di morte [it] per apostasia nel 2014 per aver pubblicato un articolo di opinione sul sito web del giornale Aqlame [ar], è stato rilasciato il 30 luglio. Sebbene la sua sentenza fosse stata ridotta in appello nel 2017, era rimasto in prigione dal momento del suo arresto. Il blogger è stato in seguito scortato in un altro Stato per motivi di sicurezza.

Nel suo articolo, Ould Mkhaitir criticava l'uso della religione per giustificare il sistema discriminatorio delle caste della Mauritania, citando esempi dalla vita del profeta Maometto. Il suo rilascio cade giusto due giorni prima dell’insediamento del nuovo presidente della Mauritania, Mohamed Ould Ghazouani.

Le autorità cinesi perquisiscono i cellulari dei cittadini di Hong Kong alla frontiera con la Cina continentale

A inizio di luglio 2019, i residenti di Hong Kong avevano iniziato a denunciare sui social media che i loro telefoni cellulari venivano controllati [it] quando viaggiavano in Cina. La polizia alla frontiera sembrava esaminare i dispositivi alla ricerca di foto, video e conversazioni delle proteste anti-estradizione. I viaggiatori che mostravano prove di essersi uniti alle proteste venivano quindi sottoposti ad ulteriori indagini. Alcuni sono stati costretti a scrivere lettere nelle quali assicuravano che non avrebbero partecipato alle proteste in futuro. In almeno un caso [zh], la polizia ha chiesto un campione di DNA alla persona che era stata identificata come manifestante attivo.

Nuove regole potrebbero eliminare la più grande rete locale di Cuba

Due nuove risoluzioni del Ministero delle Comunicazioni di Cuba hanno messo sulla difensiva le reti di comunicazione locali – reti basate su indirizzi IP costruiti dalla comunità che non si connettono alla rete internet globale, anche conosciuta come LANs. Le risoluzioni 98 e 99 [es] hanno posto gravi restrizioni su questo tipo di tecnologia e impongono a chiunque cerchi di costruire una rete di ottenere un permesso statale.

Queste nuove normative potrebbero obbligare a far chiudere [es] dozzine di network gestiti localmente in tutta la nazione, incluso SNET, la rete LAN indipendente più grande di Cuba, che è operativa da 15 anni e che viene utilizzata da circa 40.000 persone [es] a L'Avana. Costruita originariamente da giocatori e giovani studenti di scienze informatiche, la rete ora include siti di social media, blog, spazi per l'acquisto e la vendita di beni e una versione statica di Wikipedia.

La SNET è da tempo facilmente accessibile per chiunque abbia un computer con possibilità di connessione con cavi esterni, visibili dalla strada che connettono i palazzi uno con l'altro. Ma con le nuove normative, questa peculiare soluzione gestita dalla comunità per far fronte alla mancanza di accesso internet di Cuba potrebbe non durare.

La Russia fa pressione su Google affinché blocchi la diffusione di video di protesta ‘illegali’

Il regolatore dei media russo sta facendo pressione su Google affinché blocchi le notifiche push e altre forme di promozione di video o livestream di proteste definite illegali. Il 10 agosto, si sono svolte in tutta Mosca manifestazioni con le quali i cittadini chiedevano elezioni libere e democratiche, dopo l'estromissione di diversi candidati dalle imminenti elezioni.

Google apre in Egitto, nonostante le preoccupazioni sul controllo dell'informazione

Google sta riaprendo il suo ufficio in Egitto anni dopo il trasferimento a Dubai nel 2014, in seguito al colpo di stato [it] che ha portato al potere il generale Abdel Fattah Al Sisi. L'ufficio riaprirà le proprie porte ritenendo che il Paese abbia riacquistato sufficiente stabilità politica, nonostante gli attivisti abbiano espresso le proprie preoccupazioni riguardo al fatto che le pratiche della compagnia e i dipendenti saranno vulnerabili a pressione da parte del governo, come già successo alla compagnia in Cina.

Come le autorità turche stanno sfruttando la politica di Twitter sui ‘Contenuti oscurati’

Una corte di Ankara ha ordinato a Twitter di sospendere gli account di quattro utenti per motivi di protezione della sicurezza nazionale e di ordine pubblico. Gli account appartengono ad un esponente politico dell'opposizione, un gruppo musicale e due entità collegate al movimento di protesta di Gezi Park.

Twitter non ha ancora assecondato le richieste, ma se non lo facesse rischierebbe il blocco della piattaforma in Turchia. Nel 2014, il governo turco ha bloccato Twitter dopo che gli utenti hanno condiviso registrazioni audio che sembrerebbero coinvolgere persone vicine all'allora Primo Ministro Recep Tayyip Erdoğan in un caso di corruzione. Al momento, il governo ha detto che Twitter non ancora ha dato risposta alla sentenza della corte che chiedeva la rimozione di alcuni link che avrebbero violato le leggi locali.

Twitter elimina account in Cina per aver cercato di ‘seminare discordia’ a Hong Kong

Il 19 agosto 2019, Twitter ha sospeso 936 account con origine nella Cina continentale [it] che stavano “cercando di seminare discordia politica” a Hong Kong in relazione alle proteste anti-estradizione in corso. Dopo aver investigato sulle attività degli account, Twitter ha concluso che l'operazione di informazione era sostenuta dallo Stato e aveva violato numerose politiche della piattaforma. La compagnia ha offerto la completa documentazione degli account e la cronologia dei messaggi come parte delle sue dichiarazioni.

Sebbene Twitter sia bloccato in Cina dal 2009, alcuni degli account hanno avuto accesso alla piattaforma attraverso specifici indirizzi IP sbloccati con origine in Cina, ha spiegato la compagnia. Inoltre, i 936 account erano solo i più attivi all'interno della più larga rete di approssimativamente 200.000 account creati come parte di questa operazione.

Twitter bloccherà *alcuni* dei media statali dal comprare inserzioni pubblicitarie

Non molto dopo aver sospeso centinaia di account Pro-Pechino per la loro attività relativa a Hong Kong, Twitter ha annunciato piani che prevedono di frenare certi tipi di agenzie di stampa sponsorizzate dallo stato dal comprare pubblicità sulla sua piattaforma. La compagnia ha detto che la nuova politica non previene che questo tipo di media possa postare sulla piattaforma — vieta solo che possano comprare inserzioni pubblicitarie.

Che tipi di agenzie di stampa verranno interessati dalla regolamentazione? Una dichiarazione ufficiale ha affermato che la politica “non verrà applicata alle entità finanziate dai contribuenti, incluse le emittenti pubbliche indipendenti,” ma che potrebbe essere applicata a “organi di stampa che sono finanziati o editorialmente controllati dallo stato.” Questo potrebbe lasciare alcune agenzie in un'area legale grigia, ed è probabile che sorgeranno molti interrogativi circa il ruolo che le compagnie di internet private hanno nel giudicare gli argomenti di entità finanziate da fondi pubblici.

 

Iscriviti a Netizen Report

 

 

Afef Abrougui, Nwachukwu Egbunike, L. Finch, Rezwan Islam e Oiwan Lam hanno contribuito a questo articolo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.