- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Un fumetto online dalla Colombia tratta il tema di genere e sorveglianza in America Latina – al ritmo di salsa

Categorie: America Latina, Colombia, Citizen Media, Cyber-attivismo, Diritti umani, Donne & Genere
Una de las escneas del cómic Tour Delirio: Salsa y Vigilancia. Imagen utilizada bajo una licencia Creative Commons Atribución-NoComercial-CompartirIgual 4.0 Internacional (CC BY-NC-SA 4.0). [1]

“…Beh, le telecamere sono dappertutto.” Una scena da Tour Delirio: Salsa y Vigilancia [2] (Tour Delirio: Salsa e Sorveglianza). Immagine presa da Archive.org [3] e usata con licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-Share Alike 4.0 International license (CC BY-NC-SA 4.0) [4].

Le città sono spazi governati dalla tecnologia. Questo è vero non solo per le smart cities [5] [it] che continuano a creare preoccupazioni rispetto alla privacy delle persone [6] [en], ma anche per molte aree urbane. In tali aree, oggigiorno, le telecamere di sicurezza e le infrastrutture di trasporto ed energia “intelligenti” si stanno rapidamente moltiplicando, mentre la popolazione sta utilizzando un numero sempre crescente di tecnologie che la tengono online ovunque e in ogni momento.

Sfortunatamente, queste tendenze riflettono uno dei problemi principali per chi lotta per i diritti umani: la sorveglianza dei governi e delle imprese. E la questione diventa ancora più urgente se affrontata da una prospettiva latinoamericana e di genere.

Ciò ha portato María Juliana Soto [7] [es, come tutti i link seguenti] a creare un progetto multimediale intitolato Tour Delirio: Salsa y Vigilancia [8] (Tour Delirio: salsa e sorveglianza), un fumetto sul web che incoraggia la discussione sulla sorveglianza in internet – al ritmo di musica della salsa.

Ho parlato con María Juliana Soto della sorveglianza in America Latina e dell'impatto della sorveglianza statale, sociale e delle multinazionali dal punto di vista dei diritti umani. Lei dice:

Promover el tema de la seguridad digital y la privacidad en internet ha sido un reto para mí. […] Las corporaciones nos han ganado, lo tenemos todo muy naturalizado. […] Pues tienen a su favor la facilidad de los servicios que ofrecen, por ejemplo, WhatsApp, la narrativa de lo gratis, de lo necesario, de lo indispensable. Mis amigas me miran raro cuando les digo que hablemos por Signal, por ejemplo. Tenemos que hacerle más preguntas a esas narrativas que naturalizan que entreguemos nuestros datos e información a terceros.

Portare il tema della sicurezza digitale e della privacy su internet è stata una sfida per me. […] Le corporation ci hanno indotto a ritenere normali le loro pratiche. […] Perché i servizi che offrono funzionano a loro favore. Ad esempio, WhatsApp e la sua narrativa del gratuito, del necessario e dell'indispensabile. I miei amici mi guardano in modo strano quando dico loro di usare Signal, per esempio. Dobbiamo porre ulteriori domande a quelle aziende che normalizzano il modo in cui forniamo i nostri dati e informazioni a terzi.

Tour Delirio è uno sforzo per portare l'argomento tra le persone. Come ha detto la creatrice del fumetto, è necessario sensibilizzare sull'impatto dei servizi di esame incrociato come Facebook e Google, che hanno subito critiche per la raccolta di enormi quantità di dati sui propri utenti e per il loro utilizzo in modi non così trasparenti.

Con Tour Delirio lo que quiero es despertar esas preguntas, esa curiosidad de saber adónde van nuestros datos, o si alguien lee nuestras conversaciones. Despertar la curiosidad, y un poco la malicia frente al uso de tecnologías. […] Como ciudadanos nos falta más curiosidad y más perspicacia. […] A la tecnología le hemos creído todo.

Quello che voglio con Tour Delirio è sollevare domande su dove stanno andando i nostri dati o se qualcuno sta leggendo le nostre conversazioni. Suscitare curiosità e un po’ di buon senso verso l'uso di queste tecnologie. […] Come cittadini ci manca la curiosità e la comprensione più profonda. […] Abbiamo accettato passivamente tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Di cosa non si è ancora parlato?

La sorveglianza è uno dei diversi problemi che non sono nuovi in America Latina. Da qui, l'importanza di un discorso che metta in discussione la sorveglianza e la privacy:

No se habla mucho de finalmente a quién se vigila. Hay comunidades que se vigilan para que no les pase nada, y hay otras a las que se les vigila para tenerlos controlados. Es un secreto a voces que a unos se les cuida y a otros se les controla. La vigilancia ha sido equiparada con seguridad. En estos días cualquier candidato político habla de cámaras de vigilancia y de aumentar el uso de dispositivos tecnológicos para mejorar la seguridad en las ciudades. A pesar de que existen estudios y posturas críticas que demuestran la ineficacia de estas estrategias y el riesgo en el que ponen el derecho a la privacidad. Sin embargo, no hay una exploración crítica ni se cuestionan estas propuestas.

Non si parla molto di chi viene controllato. Ci sono comunità che vengono attivamente monitorate per motivi di sicurezza e altre che vengono monitorate per la repressione. È un segreto di Pulcinella che di  alcune persone ci si prende cura e altre le si controlla. La sorveglianza è stata equiparata alla sicurezza. In questi giorni qualsiasi candidato politico parla di telecamere di sicurezza e di aumentare l'uso dei dispositivi per migliorare la sicurezza nelle città. Questo, nonostante esistano studi e posizioni critiche che dimostrano l'inefficienza di queste strategie e il rischio che comportano per i diritti alla privacy. Indipendentemente da ciò, non esiste una seria analisi critica diffusa e queste proposte continuano a non essere discusse.

La conversazione è quindi volta su ciò che la privacy potrebbe significare in un contesto latinoamericano:

¿Qué es la privacidad en un barrio popular de una ciudad como Cali, en Colombia? Donde las casas son de puertas abiertas, donde familias numerosas comparten una misma casa, donde la gente está afuera, en el barrio, contándose todo. Hay una idea de privacidad que se rompe todo el tiempo. Otras culturas son mucho más distanciadas. Así se arman las comunidades en estos territorios. Muy de puertas pa’ fuera. Lo que queda adentro es mucho menos en comparación a otras sociedades. En este contexto, hablar de la importancia de la privacidad supone un esfuerzo distinto, una estrategia distinta.

Cos'è la privacy in un quartiere popolare di una città come Cali, in Colombia? Cali è un luogo in cui le persone tengono le porte aperte e le famiglie numerose vivono insieme, in cui la gente trascorre molto tempo fuori nel quartiere, conversando. Esiste un'idea di privacy?? La privacy è continuamente infranta. Le persone sono molto più distanti tra loro in altre culture. È così che le nostre comunità si riuniscono in questi luoghi, c'è una politica della “porta aperta”. Restiamo al chiuso in casa molto meno di altre società. In questo contesto, parlare dell'importanza della privacy richiede uno sforzo particolare, una strategia diretta.

L'intersezione tra genere e sorveglianza

Tutti i personaggi del Tour Delirio sono donne. L'intersezione tra spionaggio e donne – o meglio, tra spionaggio e  questioni di genere – insieme alle differenze tra le classi sociali e alla discriminazione etnica sono temi centrali in una più ampia conversazione sulla sorveglianza e la privacy:

El tema de género apareció con la música. Yo empecé jugando a hacer una playlist con una amiga, con canciones que podrían habernos dedicado Google o las oficinas de vigilancia de Estados Unidos. Era un juego. Pero escuchando las letras caímos en cuenta de que había algo más. Estas canciones hablaban de mujeres. Más allá del chiste de que “every breath you take” parece escrita por la NSA [National Security Agency, por sus siglas en inglés], nos dimos cuenta de que esto es sobre un hombre que vigila a una mujer. Y de ahí pasamos a la salsa, que es la música que nos conecta más fuertemente con nuestra ciudad, con Cali. En la salsa encontramos una representación del amor como una relación de propiedad. Por generaciones hemos cantado y bailado canciones que dicen que somos propiedad de alguien y en esa medida, somos susceptibles a ser vigiladas.

Estas relaciones culturales entre violencia y género han sido un tema abordado por las feministas desde hace rato. En cuanto a la música, las críticas y los análisis se han enfocado, especialmente, a revisar el reggeatón. ¿Pero y la salsa? Ahí le pusimos más cuidado a las mezclas y a la playlist. Hemos usado un montón de metáforas para hablar de privacidad y vigilancia: el gran hermano, por ejemplo o el panóptico… Pero estos son imaginarios heredados, de activismos que han surgido en Europa o en Estados Unidos y en consecuencia, no tenemos la misma conexión con ellos. Tour Delirio propone utilizar metáforas que salen de acá, de nuestro contexto cultural. Un contexto en el que además de ser sujetos de vigilancia, si se es mujer esto puede ser muchísimo más peligroso y constante. Las historias de vigilancia que cuenta Tour Delirio son historias cotidianas que nos invitan a reflexionar sobre la relación que tenemos con nuestros teléfonos, con las cámaras de seguridad en las ciudades o con las redes sociales que usamos a diario. Además, nos invitan a cuestionar las prácticas de vigilancia social que existen en nuestro contexto latinoamericano y que se reflejan en expresiones culturales como la salsa.

La questione di genere è emersa con la musica. Ho creato una playlist con un’ amica con brani che Google o gli uffici di sorveglianza statunitensi avrebbero potuto dedicarci. Era un gioco. Ma quando abbiamo ascoltato i testi, ci siamo resi conto che c'era qualcos'altro. Queste canzoni parlavano di donne. Oltre alla battuta che “Every Breath you Take” sembra essere scritto dalla NSA [la National Security Agency degli Stati Uniti], ci siamo resi conto che si tratta di un uomo che spia una donna. E da lì siamo passate alla salsa, che è la musica che ci ha collegato più fortemente con la nostra città, con Cali. Nella salsa troviamo una rappresentazione dell'amore come possesso. Per generazioni abbiamo cantato e ballato canzoni che ci dicono che siamo di proprietà di qualcuno e attraverso questo diventiamo più suscettibili al controllo.

Queste relazioni culturali tra violenza e genere sono state a lungo trattate dalle femministe. Per quanto riguarda la musica, le critiche e le analisi si sono concentrate soprattutto sul reggaetón. E la salsa? Qui mettiamo più attenzione nel mix e nella playlist. Abbiamo usato molte metafore per parlare di privacy e sorveglianza: il Grande Fratello, per esempio, o il panopticon… Ma queste sono immagini ereditate, tramandate dall'attivismo che è nato in Europa o negli Stati Uniti, e di conseguenza non hanno la stessa connessione con il nostro attivismo. Tour Delirio propone di usare metafore che scaturiscano da qui, dal nostro contesto culturale. Un contesto nel quale, oltre ad essere soggetto di sorveglianza, se il soggetto è una donna, può essere sottoposto a pericoli molto più profondi. Le storie di spionaggio raccontata da Tour Delirio sono storie quotidiane che ci invitano a riflettere sul rapporto che abbiamo con i nostri telefoni, con le telecamere di sicurezza in tutta la città o con i social media che usiamo quotidianamente. Inoltre, ci invitano a mettere in discussione le pratiche di sorveglianza sociale che esistono nel nostro contesto latinoamericano e che si riflettono in espressioni culturali come la musica salsa.

Ángel Carrión [9] ha collaborato alla creazione di questo articolo.