chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

I cuccioli di elefante rimasti orfani sono accuditi con amore in Myanmar

Un membro del personale del campo allatta con una bottiglia biberon Ayeyar Maung. / Aung Kyaw Htet / The Irrawaddy

Questo articolo [en] di Aung Kyaw Htet proviene da The Irrawaddy, un sito web di informazione indipendente in Myanmar, ed è ripubblicato su Global Voices come parte di un accordo di condivisione dei contenuti.

Quando gli operatori forestali l'hanno trovata nella profondità della giungla del Delta dell'Irrawaddy, Ayeyar Sein aveva tre mesi. Una delle sue zampe era imprigionata in una trappola di acciaio, collocata dai bracconieri. I lavoratori dell'azienda governativa di prelievo del legname l'hanno salvata e mandata in un campo di elefanti nella regione di Bago per il trattamento. Adesso è uno di otto cuccioli di elefanti accuditi a Wingabaw, l'unico orfanotrofio per elefanti del Myanmar’.

Un altro giovane elefante, Ayeyar Maung, ha subito una simile odissea. Prima del suo arrivo al campo, questo elefantino di sei mesi era intrappolato in una trappola di fil di ferro. Essendo rimasto incastrato fra un gruppo di macigni, nella stessa foresta dove è stata trovata Ayeyar Sein, la sua mandria è stata costretta ad abbandonarlo. Gli operatori forestali sono però riusciti a liberarlo, poi è arrivato al campo l'anno scorso.

Sono gli elefantini più giovani tra gli orfani del campo; il più grande è maggiore di quasi quattro anni. Tutti hanno un passato tragico. Alcuni sono stati abbandonati dalle loro mandrie, mentre altri sono rimasti orfani, quando i loro genitori sono stati uccisi dai bracconieri. Nel Campo di Wingabaw, i cuccioli orfani di madre sono alimentati con latte in polvere, somministrato ogni giorno dal personale. Possono muoversi nella foresta al mattino e lavarsi in un vicino ruscello, prima di tornare al campo.

Si stima che attualmente vivano circa 1500 elefanti selvatici in Myanmar. Sono però seriamente minacciati dal bracconaggio, con gli elefanti uccisi al ritmo allarmante di uno alla settimana.

Tempo di fare un bagno / Aung Kyaw Htet / The Irrawaddy

I cuccioli di elefante arrancano per risalire la sponda di un fiume vicino al Campo di Wingabaw, dopo il bagno. / Aung Kyaw Htet / The Irrawaddy

Un membro del personale del campo controlla la temperatura corporea di Ayeyar Sein su un termometro. / Aung Kyaw Htet / The Irrawaddy

Un membro del personale del Campo nella Regione di Bago allatta Ayeyar Sein, un cucciolo di elefante rimasto orfano, con una bottiglia biberon. / Aung Kyaw Htet / The Irrawaddy

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.