chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

I residenti di una regione del Giappone distrutta dal tifone temono di essere dimenticati

Didascalia: Tateyama City, prefettura di Chiba; 900.000 abitazioni lasciate senza energia in seguito a un violento tifone. Strutture rovesciate, pali del telefono sradicati; i paramedici sono stati chiamati in più di 100 case, almeno 10 persone sono in ospedale a Tateyama. Fonte immagine: canale Youtube di ANN News (screenshot).

I media nazionali hanno largamente trascurato la devastazione causata da un forte tifone e subita dai residenti delle comunità appena fuori Tokyo.

Dopo aver colpito le comunità insulari a sud di Tokyo, il tifone Faxai si è abbattuto [en], su Chiba City alle 5 del mattino ora locale, il 9 settembre scorso. Il tifone ha portato pesanti piogge torrenziali e venti tra i 180 e i 200 km/h [en], l'equivalente di un uragano atlantico di categoria 4.

Prima di atterrare a nella città di Chiba, mentre si muoveva verso nord in direzione della baia di Tokyo, il tifone ha portato pesanti venti e piogge torrenziali a Minami Boso, le comunità relativamente isolate nell'estremità meridionale della penisola montuosa di Boso nella prefettura di Chiba, inclusi Tateyama e Minami Boso.

Molta della copertura mediatica sul tifone Faxai si è concentrata su come le persone a Tokyo – i gruppi commerciali, governativi e mediatici – fossero colpite.

La tempesta ha ucciso almeno tre persone [en] nel Kanto, una regione popolata da 36 milioni di persone che include Tokyo e altre prefetture. Molta della copertura mediatica della tempesta si è focalizzata sugli almeno 10.000 turisti bloccati [en] per circa 24 ore al Narita International Airport dopo che le strade e i collegamenti ferroviari per il centro di Tokyo erano stati tagliati.

Quasi 400.000 abitazioni nella regione di Kanto sono state lasciate senza energia [jp, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] e, secondo la Tepco, l'azienda di distribuzione dell'energia, ci potrebbe volere fino al 13 settembre – quasi una settimana dopo la tempesta – per riavviare il servizio. I diffusi e prolungati blackout pongono una seria minaccia alla salute umana, non solo per via della mancata refrigerazione nei supermercati, ma anche perché, senza aria condizionata, non c'è tregua dalle temperature torride. La scorsa settimana le temperature hanno raggiunto quasi i 40° in alcune zone.

Alcuni residenti della penisola meridionale di Boso, nella prefettura di Chiba, hanno avuto la sensazione che la loro regione sia stata ampiamente ignorata e dimenticata in seguito al disastro del tifone.

L'11 settembre scorso, Finders, un sito di informazione indipendente basato a Tokyo, ha fatto notare:

気象庁をして「関東上陸では最強クラス」と言わしめた台風15号。千葉県南部を中心に甚大な被害が生じており、今も停電や断水などで多くの人が苦しんでいる。現在何が起こっているのか、何か自分にできることはないかと思いネットやSNSで検索をかけても、断片的な情報しか見当たらず全体像が掴めないため、不安でもどかしい気持ちになる。

Ci sono stati ingenti danni nella parte meridionale della prefettura di Chiba, e molte persone ancora soffrono delle interruzioni di energia e acqua. Cercando su internet o sui siti di social network per scoprire che cosa sta succedendo o come poter aiutare, riesco a trovare solo informazioni frammentarie invece di un quadro completo (di come la tempesta ha colpito la Chiba meridionale), il che mi rende ansioso e frustrato.

Il post include immagini dell'estesa distruzione lasciata dalla tempesta a Tateyama, nel sud di Chiba.

Un altro articolo pubblicato sul blog Naver Matome e ampiamente condiviso sui social media, raccoglieva foto della distruzione nella parte meridionale della prefettura di Chiba, dando una visione più completa della grave situazione dei residenti del luogo.

Alcuni dei tweet raccolti nel post esprimono lamentele per la scarsa attenzione prestata alla devastazione del tifone a Minami Boso e altre comunità locali. Tobigeri, un sito a contenuto calcistico con sede a Minami Boso, nell'estremità meridionale di Chiba, ha scritto:

Minami Boso, madre patria di Tobigeri, è stata gravemente danneggiata dal tifone Faxai. Tuttavia, ci chiediamo perché non ci sia stata quasi nessuna copertura mediatica sulla distruzione. Si tratta di un disastro gravissimo. Voglio che tutti sappiano qual è lo stato attuale di Minami Boso.

Anche Kamogawa, un'altra città nel sud della prefettura di Chiba, è stata colpita dal tifone. Un utente di Twitter ha condiviso scene della devastazione un giorno dopo la tempesta, e il tweet è stato condiviso decine di migliaia di volte:

Ecco come stanno le cose a Kamogawa… A poco a poco l'elettricità sta venendo ripristinata. Per favore condividete e fate girare la voce.

Mercoledì 11 settembre, due giorni dopo la tempesta, i negozi nel sud di Chiba erano ancora lasciati senza rifornimenti e in alcuni casi anche senza energia:

Ecco la situazione nei supermercati di Tateyama. Gli scaffali sono vuoti!

Adesso, i residenti del luogo stanno cercando di ottenere aiuti per le loro comunità colpite. La pagina Facebook di Minami Boso riporta una richiesta di donazioni:

千葉県 館山・南房総地域を助けてください。

台風で壊滅的な被害を受けました。
写真に写っているのはほんの一部です。もっと酷い地域もあります。

停電、断水、通信障害、まだ続いている地域も多くあります。

電気がなく真っ暗、コンビニには何もない、ガソリンも入れられない、エアコンも冷蔵庫も使えない。

こんな状態が丸3日になります。

道路閉鎖、建物倒壊、猛暑、食糧不足、人手不足、ガソリン不足。

どうか助けていただきたいです。

Per favore, aiutate le aree di Tateyama e Minami Boso nella prefettura di Chiba. Siamo stati devastati da un tifone, e qui si vede solo una piccola parte della distruzione – alcune aree stanno anche peggio. Ci sono molte zone dove si verificano interruzioni di energia, dove manca l'acqua e non ci sono telefoni né internet. Non c'è elettricità, è buio, non c'è niente nei negozi, le pompe della stazione di servizio non funzionano e non si può usare né l'aria condizionata né il frigorifero. Oggi saranno 3 giorni interi dopo il tifone. Le strade sono chiuse, gli edifici crollati, ci sono ondate di caldo, mancano il cibo, la manodopera e la benzina. Vi prego, aiutateci.

Il post di Facebook riporta un link ad una pagina web per la “hometown tax donation” (furusato nozei) che, oltre a documentare alcuni dei danni del tifone nell'area, sta raccogliendo e distribuendo donazioni deducibili dalle tasse alle comunità nel sud della prefettura di Chiba. Il sistema delle hometown tax donation ha generato controversie [en] negli ultimi anni, ma ha portato importanti [en] finanziamenti per altre regioni in Giappone colpite da disastri.

Altre foto dei danni del tifone si possono trovare su Naver Matome. I progressi degli sforzi per la ripresa si possono seguire usando l'hashtag #南房総 (Minami Boso City).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.