chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

I siberiani fanno un appello ai leader mondiali tramite YouTube per salvarli dall'inquinamento da fumo di carbone

Fumi nocivi prodotti dal carbone sopra le case di Kiselyovsk, il 4 luglio 2019. Dal video YouTube di Novosti Kiselyovska “Уголь горит под землей.”

Mentre gli incendi infuriano in ampie zone della foresta siberiana [it], in una città gli abitanti stanno combattendo contro un’altra minaccia ecologica: le miniere a cielo aperto.

Kiselyovsk è una città di 90.000 abitanti che si trova nel Kuzbass, un ampio bacino di estrazione del carbone nella regione del Kemerovo [it] della Siberia sudoccidentale. La città è finita sui giornali a causa della sua terribile qualità dell’aria e delle ricorrenti nevicate di “neve nera”, dovute alle circostanti miniere a cielo aperto.

Ma adesso i cittadini di Kiselyovsk [ru, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] ne hanno abbastanza: hanno condiviso dei video su YouTube chiedendo aiuto al Canada, al Segretario Generale dell’ONU e alla Corte penale internazionale. Il loro primo appello è stato registrato nel giugno del 2019 quando, stanchi dell’inerzia del governo locale e delle società minerarie, gli abitanti di Kiselyovsk si sono riuniti in un campo per leggere e filmare il seguente messaggio di 12 minuti:

Дело в том, что наш край богат углем и сейчас основные разработки угля ведутся варварским способом. Открытым способом, не обращая внимание на то, что рядом с огромными разрезами находятся жилые дома. В нашем городе Киселевске в черте города ведут свои работы 9 разрезов. В городе проживает 90 тысяч человек. Большая часть населения живет именно вокруг этих разрезов.’ Этой зимой весь мир увидел наш черный снег. Мы задыхались в городе от угольной пыли, выхлопов карьерного транспорта. Наши дети почти всю зиму (а она у нас такая же длинная, как и в Канаде) не могли выйти на улицу, чтобы погулять. Детям становилось плохо от смога, от висящей в воздухе угольной пыли.

La nostra regione è ricca di carbone e oggi vengono utilizzati metodi barbari per estrarlo, come le miniere a cielo aperto, ignorando che ci sono case abitate vicino alle enormi miniere a cielo aperto. Ci sono 9 miniere a cielo aperto attive all’interno del confine urbano di Kiselyovsk. 90.000 persone vivono in questa città, di cui la maggioranza vicino alle miniere. Questo inverno, il mondo intero ha visto la neve nera caduta qui. Nella città respiravamo a fatica a causa della polvere di carbone e delle emissioni dei camion usati nelle miniere. I nostri bambini non potevano uscire a giocare per quasi tutto l’inverno, che dura tanto quando in Canada. I bambini si ammalavano per lo smog e la polvere di carbone nell’aria.

Si rivolgono poi direttamente al primo ministro canadese Justin Trudeau, chiedendogli di considerare la loro richiesta di asilo per ragioni di discriminazione sociale e di classe. Descrivono la situazione senza via d’uscita in cui si trovano: vorrebbero lasciare la città, dicono, ma le loro case valgono poco a causa delle cattive condizioni ambientali dell’area.

Anche se potessero vendere le loro case, dicono, nessuno verrebbe volontariamente a stare a Kiselyovsk. Anche se potessero spostarsi in un’altra zona della Russia, aggiungono, non c’è alcuna garanzia che lo sfruttamento di risorse naturali non li constringa a spostarsi nuovamente. Quindi i cittadini di Kiselyovsk chiedono asilo al Canada per la ragione che il paese ha un clima e un paesaggio simili alla loro regione natale di Kemerovo (anche se, dobbiamo aggiungere, Trudeau ha adottato politiche contraddittorie [en] sulle questioni ambientali, come dimostrano il suo sostegno per le tasse sulle emissioni e contemporaneamente per lo sviluppo di ulteriori condotte petrolifere).

Trudeau non è l’unico leader mondiale a cui si sono rivolti gli abitanti di Kiselyovsk. Hanno fatto un appello anche al Segretario Generale dell’ONU António Guterres, chiedendogli di sollevare la questione con i rappresentanti russi presso le Nazioni Unite. Inoltre, hanno aggiunto che i loro numerosi appelli a Vladimir Putin sono rimasti senza risposta, chiedendosi anche se il presidente russo avesse un rendiconto completo della situazione a Kiselyovsk da parte dei suoi sottoposti. Quindi questo appello non necessariamente deve essere letto come una forte critica al presidente russo. Anzi, gli abitanti della città hanno aggiunto che sperano che Putin costringa coloro che sono responsabili di aver distrutto l’ambiente circostante a porre rimedio alla situazione.

Ciò nonostante, gli abitanti di Kiselyovsk hanno sottolineato una profonda frattura tra gli obiettivi di politica interna del governo russo e gli obiettivi dichiarati della politica estera:

“Наша страна помогает многим другим странам, таким как Сирия, Донецкая область, Луганская область. Наше правительство прощает другим странам огромные долги, а про своих жителей Кузбасса – как будто забыли. А ведь мы тоже люди. И дети наши тоже живые. Мы не сделали никому ничего плохого, так почему же мы живем в таких невыносимых условиях?…безрассудная добыча полезных ископаемых – это беда всей России, а добыча угля открытым способом привела к ситуации, которую мы, те, кто чувствует на себе последствия этой добычи, считаем настоящим геноцидом…

Il nostro paese assiste molti altri, come la Siria e le regioni del Donetzk e Lugansk [un riferimento alle regioni dell’est dell Ucraina devastate dalla guerra che hanno dichiarato l’indipendenza nel 2014 e che ad oggi continuano a ricevere aiuti militari dalla Russia] Il nostro governo perdona gli enormi debiti degli altri paesi, ma sembra dimenticare i propri cittadini nel Kuzbass. Siamo persone anche noi. Anche i nostri bambini sono vivi. Non abbiamo fatto del male a nessuno, quindi perché dovremmo vivere in queste condizioni intollerabili? Lo sviluppo incosciente delle risorse è un disastro per la Russia intera, le miniere a cielo aperto hanno creato una situazione che noi, le vittime, consideriamo un genocidio vero e proprio…

La risposta dal Canada è arrivata dopo pochi giorni. L’11 giugno, l’ufficio per l’immigrazione del paese ha dichiarato che l’asilo normalmente è concesso solo nel caso in cui il richiedente abbia già lasciato il proprio paese e non abbia alcun desiderio di tornarvi.

Anche le autorità russe hanno risposto: il 10 giugno il governatore del Kemerovo ha ordinato ai suoi rappresentanti e al sindaco di Kiselyovsk di incontrare i cittadini per parlare dei loro problemi. L’ufficio del governatore ha sottolineato che, a causa del passato di Kiselyovsk di località di estrazione mineraria e della sua attuale dipendenza da questa industria, sarà difficile cambiare la situazione in breve tempo. Alcuni funzionari dell’amministrazione locale hanno anche fatto notare che tutte le imprese minierarie locali implementano progetti ecologici, ma hanno ammesso che sono strategie a lungo termine che difficilmente produrranno cambiamenti immediati.

Ma nei mesi seguenti, l’ufficio del sindaco ha anche ostacolato gli sforzi degli abitanti di rendere note le loro lamentele. I primi di settembre, un giornalista locale è stato avvertito che, senza previo permesso delle autorità locali, i residenti potevano essere intervistati solo singolarmente. Le interviste a gruppi numerosi di residenti, ha aggiunto l’ufficio del sindaco, sarebbero state considerate illegali e proibite dalle leggi russe, particolarmente restrittive [en] in merito ai manifestazioni pubblici.

Tuttavia, alcuni cittadini di Kiselyovsk sono andati avanti imperterriti. Alla fine dell'agosto 2019, hanno registrato un altro messaggio video, stavolta rivolto al presidente della Corte penale internazionale [it] (ICC-CPI), Chile Eboe-Osuji, e al procuratore generale, Fatou Bensouda. Adducendo come ragioni i livelli sempre crescenti di sostanze nocive nell’aria della città, l’apertura di discariche illegali e incendi pericolosi, i residenti pregavano l’ICC-CPI di aprire un processo basato sugli Articoli 6 e 7 dello Statuto di Roma, lo statuto fondante della corte. Il governo russo si è ritirato come firmatario [en] dello Statuto di Roma nel 2016 e, come riporta il Guardian, non si è mai completamente assoggettato alla giurisdizione dell’ICC-CPI. Il fatto che questi cittadini preoccupati abbiano ugualmente fatto questo tentativo, dimostra la forza del loro desiderio di giustizia.

Questi appelli video da Kiselyovsk non sono gli unici esempi dei metodi sempre più creativi che gli abitanti delle regioni russe stanno utilizzando per attrarre l’attenzione su problemi locali quando pensano di venire ignorati. Un altro esempio di richiamo creativo dell’attenzione è stato il primo settembre, quando gli abitanti di Olkhon sulle rive del lago Bajkal, uno dei più grandi laghi d’acqua dolce del mondo, hanno eretto una statua a Putin come “Garante della Costituzione”, per attirare l’attenzione dei media sui problemi locali dello stato di diritto e uso della terra. In anni recenti, i problemi ambientali [it] sono diventati importanti fattori di mobilizzazione in Russia: persone comuni da tutto il paese si uniscono per confrontare informazioni ed esprimere la loro indignazione relativa a problemi locali come le discariche illegali e lo sfruttamento illegale di risorse naturali [en].

Questi movimenti sono trasversali rispetto alla divisione politica pro o anti Cremlino, il che mostra che i cittadini russi sono in grado di avere un impatto significativo sulla politica quando si tratta di questioni locali. E dopo i recenti scandali delle elezioni di Mosca, l’esempio di Kiselyovsk è ancora più importante: la prova che molti capiscono che la politica non inizia né finisce alle urne.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.