chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il governo del Pakistan sospende i rapporti con l'India in segno di solidarità con il popolo del Kashmir

Ragpicker rides his bicycle trailer as an Indian army convoy moves near a gun-battle site in Pantha Chowk area, on the outskirts of Srinagar. Image via Instagram by Ieshan Wani. Used with permission.

Spazzino guida la sua bicicletta con dietro il rimorchio, mentre un convoglio dell'esercito indiano si avvicina ad una zona di combattimenti con armi da fuoco nella zona di Pantha Chowk, alla periferia di Srinagar. Giugno 2017. Immagine via Instagram di Ieshan Wani. Usata con permesso.

Migliaia di pachistani hanno reagito alla demolizione dell’Articolo 370 del Kashmir amministrato dall'India [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] e alla biforcazione della regione il 5 agosto 2019 con sporadiche proteste attraverso il paese. Il governo pachistano ha presto risposto con una serie di azioni per dar voce alla disapprovazione delle azioni condotte dall'India e per mostrare supporto agli abitanti del Kashmir.

Quando l'India ha annunciato la sua decisione di revocare l'Articolo 370 che dava speciali privilegi governativi sul territorio del Jammu e Kashmir, il Pakistan ha deciso di espellere l'alto commissario indiano in Pakistan Ajay Bisaria, sospendere gli scambi e l'accesso allo spazio aereo, e declassare i legami con il suo vicino. Il Pakistan ha anche stabilito che non invierà il suo alto commissario al suo posto a Nuova Delhi. Secondo il Ministro degli Esteri pachistano Shah Mehmood Qureshi:

Our (Pakistani) ambassadors will no longer be in New Delhi and their counterparts here will also be sent back.

I nostri ambasciatori (pakistani) non saranno più a Nuova Delhi e anche le loro controparti qui verranno rimandate indietro.

La risposta è arrivata dopo che il primo ministro Imran Khan ha presieduto un comitato di sicurezza nazionale di alto livello (NSC) per discutere su come reagire all'azione dell'India nel Kashmir amministrato dall'India. Il governo di Khan ha anche affermato che il Paese sfiderà la decisione dell'India di abolire l'Articolo 370 alle Nazioni Unite, incluso il Consiglio di sicurezza.

I vicini dotati di armi nucleari, India e Pakistan, hanno combattuto due guerre contro il Kashmir. Lo scontro più recente si è verificato a febbraio 2019 dopo un attacco terroristico nel Kashmir amministrato dall'India, che ha ucciso più di 46 soldati indiani. Lo scontro tra i territori del Jammu e del Kashmir risale a sette decenni fa, e entrambi i paesi affermano che il territorio del Kashmir appartiene a loro.

Reazioni della società civile in Pakistan:

Dopo che il governo di Narendra Modi in India ha demolito l'Articolo 370, molti pachistani hanno chiesto al partito al poter reagire. L'esperto militare Dr. Ayesha Siddiqa ha scritto su Twitter:

Perchè @ImranKhanPTI adesso non chiede a quei 9000 o 30.000 (secondo il PTI) sostenitori riuniti a Washington DC per fare pressioni per i diritti umani del Kashmir? Lo stesso per il Regno Unito.

Il presidente del Pakistan Peoples Party o PPP Bilawal Bhutto Zardari ha scritto:

Atrocità in IOK senza sosta. Le intenzioni degli estremisti indiani sono chiare. Il presidente deve convocare immediatamente la sessione congiunta del Parlamento a seguito dell'aggressione indiana nell'IOK. #KashmirSanguina

Bilawal Bhutto Zardari ha aggiunto [ar]:

La storia ci chiederà dove eravamo quando i bambini del Kashmir erano accecati; quando le figlie del Kashmir furono disonorate per scopi politici, furono lanciate bombe a grappolo e l'integrità del Kashmir venne attaccata. Tuttavia, dobbiamo rimanere saldamente in quel lato della storia in cui possiamo mantenere la testa alta con orgoglio.

Il giornalista veterano Muhammad Ziauddin ha detto:

L'India ha creato una nuova “realtà” nel Kashmir proprio come tanti israeliani l'hanno creata nei territori occupati. I palestinesi sfollati da 2 giorni sono stati puniti per aver combattuto contro le nuove realtà poiché il mondo D ha già accettato la nuova realtà D dell'occupazione forzata.

I capi dei partiti di sinistra, la società civile, e gli attivisti per la pace hanno condannato l'annessione del Kashmir da parte del governo Modi e hanno avvertito che una crisi umanitaria nel Jammu e nel Kashmir amministrati dall'India potrebbe provocare un pericoloso conflitto tra India e Pakistan.

Conferenza SAFMA sul Kashmir tenutasi a Lahore. Foto per gentile concessione di Farooq Tariq. Usata con permesso.

I leader hanno richiesto una risposta congiunta da parte delle persone del Pakistan e dell'India per i diritti del Kashmir e la pace nella regione. Secondo Imtiaz Alam:

Kashmir has become a jail for the seven million people living under curfew for the last 12 days. It is important to focus on the Kashmiris’ rights.

Il Kashmir è diventato una prigione per le sette milioni di persone che negli ultimi 12 giorni vivono sotto il coprifuoco. È importante focalizzarsi sui diritti del Kashmir.

Vietati annunci pubblicitari con attori indiani:

La PEMRA (Pakistan Electronic Media Regulatory Authority) ha emesso una lettera in data 14 agosto 2019 annunciando un divieto sulle pubblicità di artisti indiani o prodotte in India come parte della protesta del paese.

Divieto di TVC (TV Commerciale) prodotta in India / con ragazzi/e indiani

La PEMRA ha invocato la Sezione 27 (a) dell'ordinanza del Pemra del 2002. I prodotti internazionali citati dalla PEMRA per trasmettere ragazzi/e indiani nelle loro pubblicità includono:

  • Il sapone Dettol,
  • La cipria Surf Excel,
  • Lo shampoo Pantene,
  • Lo shampoo Head & Shoulders,
  • Lo shampoo Lifebuoy,
  • Lo spray per il corpo Fogg,
  • Lo shampoo Sunsilk,
  • I noodles Knorr,
  • Sufi,
  • Il sapone per il viso Fair & Lovely,
  • Il sapone Safeguard.

Il Pakistan ha osservato la “Giornata nera” il 15 agosto (giorno dell'Indipendenza dell'India) per protestare contro le azioni dell'India in Kashmir. Il Pakistan ha anche osservato il suo Giorno dell'Indipendenza come “Giorno della Solidarietà del Kashmir”.

Solidarietà con il raduno del Kashmir organizzato a D-Chowk #Islamabad dall'ICTA (@dcislamabad) oggi per sostenere il Kashmir nel loro diritto all'autodeterminazione. Il Pakistan ha dedicato il suo #Giornodell'Indipendenza al Kashmir.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.