chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

In Camerun, i genitori temono di rimandare a scuola i loro bambini nel bel mezzo del conflitto armato

Una classe vuota in Camerun, 17 giugno 2007, via Pixabay CC BY 2.0.

Nel corso dell'estate gli ufficiali in Camerun hanno lanciato una campagna di massa [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] per riaprire le scuole nelle regioni a nord-ovest e sud-ovest del Paese, colpite dalla crisi, in mezzo alle crescenti tensioni tra le forze del Governo francofono e i separatisti anglofoni.

Molte scuole, specialmente nelle aree rurali, sono chiuse dal 2016, quando i separatisti anglofoni iniziarono un movimento per creare uno stato di separazione chiamato Ambazonia, un paese per lo più dominato da una maggioranza francofona. Attuarono un boicottaggio nella scuola come parte del loro tentativo di protesta contro le ingiustizie all'interno del sistema educativo francofono, secondo il Guardian.

I camerunesi anglofoni definirono il governo francofono sistematicamente discriminatorio contro le loro regioni, la lingua e la cultura.

I ribelli anglofoni insistettero sul fatto che ci sarebbero state “città fantasma”  a partire dal 2 settembre – la data dell'inizio del nuovo anno accademico, se le scuole avessero cercato di riaprire, implicando che i loro boicottaggi contro i camerunesi francofoni sarebbero continuati. Questo avvenne sulla scia del carcere a vita per il leader separatista, Sisiku Julius Ayuk Tabe, e di altre nove persone, nel penitenziario di Kondengui della capitale del Camerun, Yaoundé.

Nonostante ciò il governatore della regione sud-occidentale del Camerun, Bernard Okalia Bilia, ha garantito alla popolazione la ripresa sicura ed effettiva della scuola.

“Sono state introdotte misure di sicurezza. Noi possiamo prendere esempio dallo scorso anno; siamo riusciti ad organizzare gli esami, e a festeggiare molti candidati con successo. Sapete, la sicurezza può essere mantenuta da ogni individuo in questa regione; se non si collabora con le forze della legge e dell'ordine, la sicurezza non sarà garantita,” disse Bilia a Global Voices in un'intervista svolta nel mese di agosto, durante una campagna di ripresa della scuola a Buea, in Camerun.

Anche la controparte nord-occidentale di Bilia, Adolf Lele L'Afrique, ha minimizzato il conflitto armato in maniera similare. “Sono state prese misure di sicurezza, in modo che i bambini possano andare a scuola lunedì,” disse L'Afrique al media pubblico Cameroon Radio TV (CRTV).

Nonostante la promessa del governo, le regioni in difficoltà hanno visto circa l’80% delle loro scuole chiudere come risultato delle minacce e degli attacchi dei separatisti. Il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia, UNICEF, ha riportato che oltre 4400 scuole sono state chiuse, privando di un'educazione più di 600.000 bambini in Camerun.

 Stando a quanto si dice, i combattenti secessionisti hanno ucciso e rapito i maestri nelle regioni inglesi, come parte del loro movimento per mantenere le scuole chiuse a loro vantaggio.

Una delegata dell'educazione secondaria sud-occidentale, Hannah Etonde Mbua, il 28 agosto ha detto a CRTV:

Many of our teachers were kidnapped and taken to the bushes; they were only released after ransoms were paid. A good number of them were shot in their offices, some died and others were amputated. Students and staff were so frightened because of these. But we succeeded to have some children in classes, thanks to the education ministry.

Molti dei nostri professori sono stati rapiti e portati nelle campagne; saranno liberati solo dopo che saranno stati pagati i riscatti. A un buon numero di essi è stato sparato mentre si trovavano nei loro uffici, alcuni morirono e altri sono stati mutilati. Gli studenti e lo staff erano molto spaventati da tutto ciò. Malgrado questo siamo riusciti ad avere alcuni bambini nelle classi, grazie al Ministro dell'Educazione.

La società civile e gli ufficiali del governo continuano la campagna a livello nazionale per la ripresa della scuola attraverso programmi TV e radio e l'uso dei social media. Il primo ministro anglofono Joseph Dion Ngute ha dato l'esempio a maggio, quando ha visitato le regioni colpite dalla crisi e tenuto un discorso a Buea, che è stato trasmesso alla radio:

I am a prime minister today because my father sent me to school. Is that not so? If my father did not send me to school, I wouldn’t have become prime minister.

Oggi sono primo ministro perché mio padre mi mandò a scuola. Non è così? Se mio padre non mi avesse mandato a scuola, non sarei potuto diventare primo ministro.

Il governatore Bilia ha detto che le persone della sua regione sono pronte a iniziare ad imparare:

The entire population in the southwest region are determined to resume school [this September]. … Three years of sacrificing our children’s generation should stop.

L'intera popolazione della regione sud-occidentale è determinata a ricominciare la scuola [questo settembre]. … I tre anni di sacrificio per la generazione dei nostri bambini devono finire.

Comunque, i separatisti anglofoni, che vedono i boicottaggi alla scuola come una maniera per fare pressione sul governo, hanno messo in guardia i genitori – soprattutto tramite i social media – di non mandare i loro figli a scuola.

In un post, Tapang Ivo Tanku, residente all'estero, ha scritto su Facebook:

More bullets have been ordered to protect our civilians [of Ambazonia] as they boycott schools next week. If you dare their rights to boycott, you will face forces.

Molti proiettili sono stati ordinati per proteggere i nostri civili [di Ambazonia] dal momento che boicotteranno le scuole la prossima settimana. Chi sfida i loro diritti al boicottaggio, affronterà le unità militari.

Netizen allarmati hanno anche innalzato dubbi riguardo la riapertura delle scuole, in quelle che l'utente Twitter Rebecca Enonchong descrive come “zone di guerra”:

Vogliamo tutti che i nostri bambini vadano a scuola. Il culmine dell'ipocrisia è che questo governo sta lanciando una campagna di ‘ritorno a scuola’ in una zona di guerra,  mentre gli omicidi continuano quotidianamente e dove non ci si è occupati della causa alla radice della crisi che, di fatto, si è aggravata.

In risposta, Derick Deci ha scritto su Twitter:

La scorsa settimana, durante la messa in atto della campagna di ritorno a scuola, ho incontrato questa madre che mi ha detto (in pidgin) “Preferisco avere un figlio analfabeta piuttosto che un figlio morto”. Questa affermazione mi ha fatto ripensare a ciò che stavo facendo. Abbiamo bisogno di pace, reciproca comprensione e #DialogoInclusivo prima del #ritornoascuola.

Una delle persone al centro di una situazione di incertezza è Matanga Hans Hilary Hamza, padre di due bambini e tutor, che vuole dialogare per uscire da questo vicolo cieco, così che i suoi figli possano partecipare alle lezioni in sicurezza.

Hamza ha parlato con Global Voices il mese scorso, durante l'Eid al-Adha, quando oltre 100 anglofoni musulmani si sono riuniti a Buea, per richiamare la pace.

Hamza ha detto a Global Voices:

I am begging both parties to understand the importance of education. Our children are not animals, so they have to go to school.

Sto supplicando entrambe le parti di capire l'importanza dell'educazione. I nostri bambini non sono animali, loro devono andare a scuola.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.