chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La mancanza di proprietà diversificate dei media porta alla censura in Pakistan, afferma un nuovo rapporto

Ventaglio delle scoperte dello studio di ricerca congiunta, Media Ownership Monitor (MOM) Pakistan. Foto dal sito del MOM.

Favorito da restrizioni legali permissive, il Pakistan è un “paese ad alto rischio” [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] in termini di pluralismo mediatico, dal momento che più di metà della proprietà dei mezzi di comunicazione di massa è concentrata nelle mani di pochi – un modello che è risultato in chiusura di imprese, caduta negli standard di giornalismo e ascesa della censura, afferma un nuovo studio di ricerca.

Queste scoperte, accompagnate dalla crescente attitudine ostile del partito al potere verso i giornalisti critici delle istituzioni governative, hanno portato al deterioramento dell'ambiente mediatico, una volta dinamico, del paese e spianato la strada per le continue minacce alla libertà di stampa.

La ricerca di Reporter senza Frontiere (RSF) e Freedom Network hanno esaminato un certo numero di fattori al momento della valutazione dei rischi del pluralismo dei media del Pakistan, inclusi la concentrazione degli ascolti, la concentrazione della proprietà crossmediale, le salvaguardie regolamentarie, il controllo politico sugli organi di stampa e la neutralità della rete.

Proprietà dei media concentrata in poche mani, favorita da restrizioni legali negligenti sulla proprietà crossmediale. I principali 4 canali in Pakistan (Geo News 24%, ARY News 12%, PTV 11% e Samaa TV 7%) alla fine del 2018 erano il 68,3%.

L'articolo rivela che i principali quattro canali televisivi, stazioni radio, giornali e siti di notizie avevano oltre il 50% degli ascolti dell'intero paese.

In aggiunta, la sfrenata “concentrazione di proprietà crossmediale“, che misura la concentrazione attraverso i vari settori mediatici, ha permesso che più del 68% del controllo di mercato rimanesse nelle mani di otto organizzazioni. Queste organizzazioni (Jang, Express, Dunya, Nawa-i-Waqat, Samaa, Dawn, Dunya, ARY) – e il governo – hanno una presenza importante in più di un settore mediatico.

Dati d'ascolto dei principali 10 giornali cartacei in Pakistan. Foto dal sito MOM. CC BY-SA

Stando all'articolo, l'attuale quadro giuridico non previene la proprietà crossmediale e gli enti regolatori dello Stato sono accusati di fallimento nell'assicurare “parità di condizioni” e “giusta competizione” nel mercato.

L'Autorità Regolatrice dei Media Elettronici del Pakistan (PEMRA), che è responsabile per disciplinare radio, televisione, e servizi di distribuzione dei media elettronici nello stato, è spesso accusata di essere un moderatore più dei contenuti che dell'industria mediatica. A quanto dice il rapporto:

…instead of regulating the industry, the regulators have traditionally concentrated on content monitoring and censoring media on the behest of state institutions and governments”.

“… invece di regolamentare l'industria, i regolatori si sono tradizionalmente concentrati sul monitorare i contenuti e censurare i media su volere di istituzioni statali e governi”.

In aggiunta, la PEMRA ha controllo disciplinare solo sui media del settore privato, e la sua normativa esclude operazioni esistenti e future di qualsiasi mezzo di comunicazione controllato dal governo. Questa infrastruttura ha aiutato a creare un ambiente dove il governo ha il potere di esercitare controllo sui media senza molte verifiche.

Stando all'articolo, lo Stato influenza il funzionamento del mercato dei media attraverso la “discriminazione” nella distribuzione degli annunci governativi. Lo stato è rimasto a lungo una delle più importanti fonti di finanziamento per i mezzi di comunicazione privati sia radiotelevisivi che su carta stampata. Generalmente distribuisce pubblicità sulla base dei dati d'ascolto (share); tuttavia sono state riferite violazioni con quantitativi pubblicitari ridotti per certe emittenti come “strumento di punizione”.

Il governo del PTI (Pakistan Teheek-e-Insaaf) ha dimostrato “ostilità nei suoi rapporti con tutti i media” e ha tagliato la sua spesa pubblicitaria, costringendo i media a licenziare quasi 2000 dipendenti; alcuni giornali e canali TV sono stati anche chiusi.

Stando ad un rapporto del Global Investigative Journalism Network (GIJN) il governo ha revocato le inserzioni al giornale Dawn, così come al suo canale TV Dawn News. L'indipendente Dawn Media Group sta affrontando un'immensa pressione a causa dei suoi editoriali e articoli critici nei confronti del governo.

Questo modello economico – dove la proprietà è concentrata nella mani di un singolo investitore o di una singola famiglia – non ha solo portato alla chiusura di attività e un calo nella qualità del giornalismo, ma ha anche dato origine alla censura. L'organismo di stampa di Dawn ha commentato sulla crisi mediatica in Pakistan:

Failing financials have forced the media owners and managements to cave into rising pressure from the state machinery, including not just the political government but also the security establishment, both of which are losing their appetites for criticism of their policies by a freewheeling media.

Le situazioni finanziarie fallimentari hanno costretto proprietari e direzioni aziendali dei media a cedere alla pressione crescente proveniente dalla macchina statale, includendo non solo il governo politico ma anche l'apparato di sicurezza, entrambi i quali stanno perdendo il loro appetito per il criticismo alle loro politiche da parte di media a ruota libera.

Di recente, le autorità governative sono state accusate di soffocare più attivamente le voci di opposizione – dal disturbare la trasmissione e distribuzione di nuovi canali e giornali indipendenti fino ad un divieto non ufficiale di parlare di cosiddetti argomenti “sensibili” come il Pashtun Tahaffuz Movement. Interviste con i principali leader come l’ex Presidente Asif Zardari e il vice presidente della Lega Musulmana del Pakistan (PML-N), Maryam Nawaz, sono state tolte dalla messa in onda e le reti stanno venendo penalizzate per aver fornito loro copertura “senza censure”.

Il Primo Ministro Imran Khan, che è in visita negli USA, si era rivolto alla comunità pakistana dalla Capital One Arena di Washington lo stesso giorno in cui la leader dell'opposizione del PML-N [it] teneva un comizio a Faisalabad, nel Punjab. L’evento dell'opposizione, il quale vide la presenza di migliaia di sostenitori del partito, non aveva ottenuto la stessa copertura.

I media del Pakistan hanno coperto il #PMIKJalsainUSA da migliaia di chilometri di distanza ma hanno ignorato #MaryamNawazinFaisalabad a casa! La sua copertura è scomparsa dalle linee così come quella del PTM. Benvenuti nel Pakistan di Naya dove l'opposizione non ha il diritto di parlare!

Di recente, gli esperti giornalisti Umar Cheema e Azaz Syed sono stati “costretti” a disattivare i loro profili Twitter per tre giorni poiché i loro “tweet incisivi non sono andati a genio alle autorità”.

Geo News, che è stato ripetutamente bloccato dal trasmettere negli ultimi anni, è stato fermato dalla messa in onda o, in molte aree del paese, il suo numero di canale è stato improvvisamente cambiato.

Nel mezzo della copertura delle elezioni provinciali nell'ex Fata, Geo News è improvvisamente scomparso dal mio cavo ed è stato rimpiazzato da SuchTV. Qualcun altro sta sperimentando lo stesso black out?

All'inizio di questo mese, anche i canali privati Capital TV, 24 News e Abtak News sono stati bloccati. Questa manovra è avvenuta il giorno dopo la messa in onda della conferenza stampa di Maryam Nawaz, in cui ha rivolto accuse alle istituzioni militari di aver ricattato un giudice al fine di condannare il padre di lei, l'ex Primo Ministro Nawaz Sharif, ora incarcerato.

Fin'ora, il Primo Ministro Khan ha respinto le costanti accuse di censura come uno “scherzo“.

Accedi all'articolo completo qui.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.