chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Produzione teatrale di adolescenti vietata dalle autorità russe perché promuove “relazioni familiari non tradizionali”

Di fronte all'ambasciata russa ad Helsinki, in Finlandia. Il 7 settembre 2013 un gruppo di attivisti ha pitturato le strisce pedonali con i colori dell'arcobaleno per protestare la legislazione e il sentimentalismo anti LGBT della Russia, in particolare I divieti sulla “propaganda omosessuale” // Flickr, Murmur, under CC3.0

“I Rosa e i Blu”, una produzione teatrale di giovani sugli stereotipi di genere, è stata vietata dalle autorità locali a Komsomolsk-on-Amur, nella parte Russia orientale. 

I media russi riportano [ru, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] che la direttrice della compagnia Yulia Tsetkova è stata interrogata da un'unità anti estremismo della polizia, e che anche gli attori del suo gruppo amatoriale, adolescenti tra i 13 e 15 anni, sono stati interrogati.

L'opera era previsto che venisse rappresentata come parte di un festival teatrale attivista chiamato Tsvet Shafrana (Il colore dello zafferano), riguardante diversi argomenti come il bullismo scolastico, la Primavera di Praga [it] e temi contro la guerra. Il festival è stato annullato, a causa del divieto e la perdita di una sala per la rappresentazione.

“I Rosa e i Blu”, sviluppato dalla troupe attivista Merak, ha scatenato uno scrutinio intenso da parte delle autorità locali che lo hanno visto come un'attività pericolosa e sovversiva che promuove “odio contro gli uomini e le relazioni familiari non tradizionali,” ha detto Tsvetkova a Takie Dela, un sito indipendente di notizie di beneficienza. In parallelo, il festival prima ha perso una delle sale che aveva accettato di ospitarli, e poi un'altra due settimane più tardi. Queste cancellazioni ha inviato un chiaro segnale a Tsvetkova che le autorità non avrebbero permesso al festival di continuare. 

“Relazioni familiari non tradizionali” richiama le formulazioni di una legge recente contro la “propaganda dell'omosessualità ai minori”. Negli ultimi anni, è stata utilizzata quasi esclusivamente contro gruppi di difesa [it] dei diritti gay, della parità di genere e dell'educazione sessuale. Le accuse di “propaganda gay” possono attrarre grande attenzione e pressione da parte dei legislatori locali, autorità per l'assistenza ai minori e quelle scolastiche, così come dell'unità anti estremismo della polizia – com'è accaduto nel caso di Tsvetkova.

Yulia Tsvetkova, un'insegnante e attivista femminista, dice che durante l'interrogatorio, gli agenti di polizia la affrontarono con stampe dei suoi post sui social media riguardo l'educazione sessuale nelle scuole, il femminismo e l'omosessualità.

Lei nega di aver mai mostrato ai suoi ragazzi attori alcun contenuto legato alla comunità LGBT, dicendo:

«Розовый и голубой — типичные “женский” и “мужской” цвета, вот и все, — объяснила Юлия.​ — Постановка именно об этом, и название для нее придумал один из актеров, ребенок 11 лет».

Rosa e blu sono visti tipicamente come “colori maschili” e “femminili”, tutto qui. Questo era l'argomento della commedia, il nome è stato suggerito da uno degli attori, un bambino di 11 anni.

Tsvetkova inoltre ha detto che la polizia stava agendo a causa di tre lettere anonime di lamentela contro di lei, tutte scritte nello stesso linguaggio stereotipato riecheggiando le parole della legge che proibiva la “propaganda delle relazioni familiari non tradizionali”.

La Russia ha di recente approvato una serie di leggi socialmente conservative e i “valori tradizionali” sono regolarmente menzionati in discorsi e dichiarazioni politici. Queste leggi sono state usate per perseguire gli attivisti, siti di sensibilizzazione sanitaria [en] e media di notizie online, risultando in multe e blocchi di siti – per non parlare delle intense campagne di odio sui social media e altre forme di ripercussione pubblica.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.