chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Una battaglia in salita per le donne che denunciano molestie sessuali in Pakistan

Immagine di Nick Youngson CC BY-SA 3.0 Alpha Stock Images

Immagine di Nick Youngson CC BY-SA 3.0 Alpha Stock Images.

Sulla carta, la legge pakistana [en, come tutti i link successivi, salvo diversa segnalazione] che criminalizza la molestia sessuale è un passo verso la protezione dei diritti delle donne; tuttavia, la misura in cui la legge viene applicata può essere una storia completamente diversa. Se una donna decide di fare una denuncia formale, può trovarsi ad affrontare una battaglia in salita in termini di processi legali tirati per le lunghe, stigma sociale e indifferenza dal momento che alcuni di quei comportamenti sono considerati normali.

Malgrado questi ostacoli, una recente ondata di casi di atti di esibizionismo a portato a una serie di arresti grazie a prove caricate sui social media che ha condotto la polizia ai responsabili.

In agosto, Tasina Parwaiz di Lahore registrò e postò un video su Twitter di un uomo seduto sulla sua motocicletta che si masturbava al lato della strada. Le forze di polizia del Punjab furono taggate nel post e nel giro di poche ore l'accusato fu arrestato su ordine del Commissario di Polizia Ahsan Saifullah. Lui stesso, inoltre, scrisse su Twitter riguardo l'arresto:

Siamo riusciti ad arrestare il colpevole. Si chiama M. Tayyab Ahmad r/o Westwood Colony Raiwind Lahore

Alcune settimane prima un caso simile era stato riportato su Twitter con allegate foto del colpevole:

#MeToo
Area: Etihaad Town, Raiwand direzione Lahore.
Ora: 5 del pomeriggio
Motociclo # LEP 9992
(Foto) @mahwashajaz_ @NJLahori @tazeen @Shanzaf #MeToo Questa è la storia di una ragazza come tante che per qualsiasi ragione decida di uscire.

E si avvicinò a noi il più possibile e cominciò a mostrare il suo uccello. Tutte le ragazze stavano tremando di paura inclusa me. Tuttavia, non potevo più tenere basso lo sguardo e ho preso il mio cellulare e fatto foto di lui e il suo uccello e il numero di targa.

Anche questa persona è poi stata arrestata dal Commissario Ahsan Saifullah:

Siamo riusciti ad arrestare l'accusato e abbiamo sequestrato la sua motocicletta. Ora chiedo a Alitaskywalker di contattarmi per fornire dettagli importanti per registrare la FIR (prima relazione informativa) contro il colpevole

In un altro incidente a Dera Ghazi Khan una telecamera a circuito chiuso catturò la scena di un uomo palpeggiare una donna che camminava in strada; la polizia arrestò anche questo colpevole.

Bel lavoro fatto dalla polizia di DG Khan nell'identificare e arrestare questo pervertito di nome Munir Ahmed Kharal. Che personaggio vergognoso.

Le vittime affrontano pressione sociale e ripercussioni pubbliche

In Pakistan, comportamenti di questo genere sono spesso normalizzati e le persone non hanno paura di venire denunciate a causa delle lunghe problematiche legali coinvolte. Non sono neanche preoccupati del disonore che ne deriva. Nonostante Tasina Parwaiz ottenne molto supporto su Twitter, dovette cancellare il suo account dopo aver ricevuto parole di odio da troll online per aver girato il video.

Alcuni addirittura usarono la frase “Mera Jism Meri Merzi” (Il mio corpo il mio desiderio), uno slogan visto nell'Aurat March (Marcia delle donne) del 2018, per giustificare il comportamento del molestatore.

È tutta questione di “Mera Jism Meri Marzi”

Se il ragazzo si stava masturbando in pubblico allora perché la ragazza lo guardava?

Non solo guardava ogni attimo ma l'ha pure registrato.

Le è piaciuto?

Ragazze senza vergogna come te provocano sessualmente i ragazzi e poi li infastidiscono per questo…

Nonostante la legge, le molestie sono un'epidemia silenziosa

Stando alla legge, alla Sezione 509 del Codice Penale pakistano (PPC), “Insultare la modestia delle donne o molestarle sessualmente”, è un crimine. I responsabili di questo crimine possono essere puniti con il carcere fino a tre anni o una multa fino a 500,000 Rs (3,120 dollari), o entrambi”

In un'intervista con Global Voices, il Commissario di Polizia Ahsan Saifullah, che arrestò il colpevole nel caso Parwaiz, ha affermato:

This is the first time arrests have been made (in such a case) but that does not mean such incidents have not been happening, unfortunately, street harassment and sexual harassment is part of our society. The only difference is, (this time) it was recorded and reported.

Questa è la prima volta che sono stati fatti arresti (in un caso del genere) ma non significa che questi incidenti non siano già successi, sfortunatamente, le molestie sessuali e per strada sono parte della nostra società. L'unica differenza è, (questa volta), che è stato registrato e denunciato.

Inoltre ha aggiunto:

The ‘Me Too’ campaign has played a huge role in creating awareness in ladies. Earlier women stayed silent when they were harassed or sexually violated, but today things are changing as there is proof due to cell phone cameras.

La campagna “Me Too” ha giocato un ruolo importante nel creare consapevolezza nelle donne. Prima le donne stavano in silenzio quando venivano molestate o violentate sessualmente, ma oggi le cose stanno cambiando dal momento che c'è la prova grazie alle fotocamere dei cellulari.

Dopo che Parwaiz si affidò a Twitter per denunciare pubblicamente l'atto di esibizionismo, molte altre donne condivisero storie simili su come le molestie sessuali avessero influenzato le loro vite:

Nell'immagine: Oggi alle 18 questo ragazzo era vicino a Thokar Niaz Baig. Si stava masturbando e mi guardava. Ero vestita in modo decente e nessuno può dire che lo abbia provocato. Questo succede a molte ragazze. Per favore condividete affinché questo arrivi alla sua famiglia e forse le autorità prenderanno provvedimenti contro tali individui. Testo del tweet. Questo è diventato comune nelle strade e persine nei parchi a DHA phaze 5 di Lahore. Per evitare queste cose è un anno che ho smesso di fare jogging per strada… Sono stanca di vedere cose del genere…

Questo è successo a me… quando ero fuori dalla mia università 😭 Ye bht comune hota ja raha ha specialmente nei pressi delle istituzioni scolastiche

Sana, un'insegnante a Lahore, ha parlato con Global Voices e condiviso la sua esperienza:

A rickshaw driver used to stand at the bus stop where she took her bus and would take out his private part as she went by. This kept happening for weeks and when I complained to my family I was asked to quit the job, as this is the norm in most families.

Un conducente di risciò era solito sostare alla fermata del pullman dove lei aspettava e tirare fuori le sue parti private mentre lei passava. Questo è continuato a succedere per settimane finchè mi sono lamentata con la mia famiglia e mi è stato chiesto di lasciare il lavoro, dal momento che questo è normale in molte famiglie

Jannat Fazal, direttore del programma e psicologo alla Digital Rights Foundation ha raccontato a Global Voices:

These incidents have a lasting effect on victims, as their personal space is violated, they feel vulnerable and helpless, and they usually find no support or redressal against these perverse acts because of how our system is rigged against the victims.

Exhibitionism is a type of mental health disorder where a person feels the urge to expose their genitals to nonconsenting adults, but we cannot attribute this behavior to this mental health condition altogether, many times people indulge in such acts because they derive pleasure from making others uncomfortable and also because of the lack of adequate reporting mechanisms to curb it. Even if anyone is suffering from this condition this act still needs to be reported and individuals need to be taught ways to better cope with their sexual urges instead.

Questi incidenti hanno un effetto duraturo sulle vittime, dal momento che viene violato il loro spazio personale, si sentono vulnerabili e senza aiuto, e spesso non trovano supporto o risarcimento contro questi atti perversi a causa di come il nostro sistema è corrotto nei confronti delle vittime.

L'esibizionismo è un tipo di disordine mentale dove una persona sente il bisogno di esporre i loro genitali ad adulti non consenzienti, ma non possiamo attribuire questo comportamento completamente a questa condizione di salute mentale, molte volte le persone si lasciano andare a questi atti perché traggono piacere dal mettere a disagio gli altri e per la mancanza di adeguati meccanismi di denuncia per metterli a freno. Anche se qualcuno sta soffrendo per questa condizione, questo atto deve comunque venire denunciato e gli individui necessitano invece di imparare altri modi per gestire meglio i loro bisogni sessuali

Mentre molte donne in Pakistan continuano a non denunciare e far seguito agli incidenti di molestie, questi casi sono l'inizio di una nuova tendenza.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.