chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Uno studio sulle proto-milizie di estrema destra bulgare smantella la teoria dell'estremista lupo solitario

Una foto ampiamente condivisa dei membri del BNO Shipka e del loro ospite politico tedesco di estrema destra, Tatjana Festerling, che mostra uno striscione “Fortress Europe” (Fortezza Europa). Foto dalla loro pagina Facebook, fair use.

Negli ultimi quattro anni, il giornalista e analista bulgaro Ruslan Trad (anche lui collaboratore di Global Voices) e il suo collega Kiril Aramov, membro dell'Intelligence Studies Project dell'Università del Texas, Austin, hanno studiato i gruppi estremisti di destra in Bulgaria nell'ambito del Borderline Watch Project.

Nel maggio 2019, Trad e Aramazov hanno pubblicato uno studio di ricerca [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] intitolato “Difensori auto-nominati di ‘Fortress Europe': analisi delle pattuglie di frontiera bulgare” sul noto sito di giornalismo investigativo open source Bellingcat. La coppia sta anche scrivendo un libro.

Global Voices ha parlato con Ruslan del loro lavoro.

Global Voices: Chi sono esattamente i gruppi che avete studiato?

Ruslan Trad: Our research has been on the proto-militias that patrol the Bulgarian-Turkish border—the so-called Shipka Bulgarian National Movement (BNO). In 2016, I published an article on these militias on Global Voices that formed the basis for the Bellingcat study.

Since 2016, these patrols have turned from “migrant hunters” into proto-militias with links in far-right circles across Europe. Today, the organization conducts training camps, trainings, and attracts young people to their cause. Our investigations of their paramilitary training camps revealed that the Bulgarian groups serve mainly as hosts. Participants in the camps include citizens of Denmark, Romania, the UK and other countries, who receive training from Russian military instructors. So the goals of these groups are also global in scope.

Ruslan Trad: La nostra ricerca è stata sulle proto-milizie che pattugliano il confine bulgaro-turco, il cosiddetto movimento nazionale bulgaro Shipka (BNO). Nel 2016 ho pubblicato un articolo su queste milizie su Global Voices che hanno costituito la base per lo studio su Bellingcat.

Dal 2016 queste pattuglie si sono trasformate da “cacciatori di migranti” in proto-milizie con collegamenti nei circoli di estrema destra in tutta Europa. Oggi l'organizzazione coordina i campi di addestramento, i corsi di formazione e attira i giovani alla loro causa. Le nostre indagini sui loro campi di addestramento paramilitare hanno rivelato che i gruppi bulgari servono principalmente come ospiti. I partecipanti ai campi includono cittadini della Danimarca, Romania, Regno Unito e altri paesi, che ricevono addestramento da istruttori militari russi. Quindi anche gli obiettivi di questi gruppi hanno portata globale.

Ruslan Trad. Foto di cortesia, usata con permesso.

GV: Come definiresti l'ideologia del BNO?

RT: Our research shows that the members of such groups don’t necessarily believe the narratives promoted by their networks about “migrant invasion”, “islamization” and similar ideas. Besides, at present there are only about 600 refugees in the country; even at the peak of the refugee crisis all the migrants who entered Bulgaria could have been housed in a few apartment blocks.

Political and media rhetoric created an image of fear which was exploited effectively by these movements. A member of one such group laughed in my face when I asked him about what they describe as a “migrant invasion.” He said: “[Europe has] 500 million people and hundreds of years of history. A mere one million refugees can’t change that. All the migrants in the world can’t change that. But some of us really believe there’s a danger—that’s a good stimulus for building partnerships. People who are confused are easily guided.”

Their members believe that the state is not doing its job, that we are facing the Apocalypse, as represented by the refugee crisis. They justify their existence by talking about the “inadequacy” of the government. The BNO organization itself openly calls for a change of political order and does not approve of the Constitution.

BNO is also sympathetic to the Syrian government and has participated in joint demonstrations with members of pro-Assad Syrians in Varna.

RT: La nostra ricerca mostra che i membri di tali gruppi non credono necessariamente alle narrazioni promosse dalle loro reti su “invasione di migranti”, “islamizzazione” e idee simili. Inoltre, attualmente ci sono solo circa 600 rifugiati nel paese; anche al culmine della crisi dei rifugiati, tutti i migranti che sono entrati in Bulgaria avrebbero potuto essere ospitati in alcuni condomini.

La retorica politica e dei media ha creato un'immagine di paura che è stata sfruttata efficacemente da questi movimenti. Un membro di uno di questi gruppi mi ha riso in faccia quando gli ho chiesto cosa intendono con “un'invasione di migranti”. Ha detto: “[L'Europa ha] 500 milioni di persone e centinaia di anni di storia. Solo un milione di rifugiati non può cambiarlo. Tutti i migranti nel mondo non possono cambiarlo. Ma alcuni di noi credono davvero che ci sia un pericolo: questo è un buon stimolo per costruire partenariati. Le persone che sono confuse possono essere facilmente guidate.”

I loro membri credono che lo stato non stia facendo il suo lavoro, che stiamo affrontando l'Apocalisse, come rappresentato dalla crisi dei rifugiati. Giustificano la loro esistenza parlando della “inadeguatezza” del governo. L'organizzazione stessa, BNO, chiede apertamente un cambio di ordine politico e non approva la Costituzione.

Il BNO è anche solidale con il governo siriano e ha partecipato a manifestazioni congiunte con membri siriani pro-Assad a Varna.

GV: Cosa pensano i bulgari del BNO?

RT: Many Bulgarians consider BNO a group of unbalanced people who imagine themselves to be defending Bulgaria against the “invaders” coming across the Turkish border. Although a considerable part of Bulgarian society is looks at events at the border with concern, few would engage in extreme and violent actions personally.

For four years now, however, the BNO has been able to conduct its border patrols and run its traning camps without serious action being taken against it, even though its members have been involved in a clash with Ukrainians in Burgas, and have harassed and threatened journalists and public figures.

RT: Molti bulgari considerano il BNO un gruppo di persone squilibrate che immaginano di difendere la Bulgaria dagli “invasori” che attraversano il confine turco. Sebbene una parte considerevole della società bulgara guardi con preoccupazione agli eventi al confine, pochi intraprendono personalmente azioni estreme e violente.

Tuttavia, ormai da quattro anni, il BNO è stato in grado di condurre le sue pattuglie di frontiera e di gestire i suoi campi di addestramento senza che siano stati intrapresi seri provvedimenti contro di essa, anche se i suoi membri sono stati coinvolti in uno scontro [bg] con ucraini a Burgas e hanno molestato e minacciato giornalisti e personaggi pubblici.

GV: Cosa succede nei campi di addestramento?

RT: The camps train participants in military and political skills. In the regions where the BNO operates in Burgas and Strandzha, military instructors, members of far-right groups from European countries and other personalities arrive, who in any other situation would elicit a response from the security forces. This includes a prominent Russian military instructor. In a video published in May, the BNO defends the presence of this instructor, claiming he was “on holiday in Bulgaria.”

Although it is unclear how many far-right extremists have been trained in Bulgaria, the intelligence services are aware that these things are happening. Some members of these groups post pictures of their visit to Bulgaria. One of these pictures shows the AR-15, a weapon produced in Bulgaria by Arsenal. Brenton Tarrant, who killed 50 people in two New Zealand mosques in New Zealand, used an AR-51.

There are intelligence reports stating that Tarrant visited the Balkans region months before the massacre in Christchurch, and had ties with the local nationalist groups and was inspired by the BNO and Serbian nationalist groups.

Trainees in these camps include people with ideological leanings similar to Tarrant, who is said to have inspired the shooter who recently killed 20 people in El Paso, Texas. The perpetrator of the August mass shooting in Dayton, Ohio also seems to have been inspired by such groups. Far from being “lone wolves”, these individuals are often connected to right-wing groups in other countries in a kind of extremist international.

Both the El Paso and Ohio attackers, for instance, were fans of Anders Breivik, the Norwegian far-right terrorist who killed 77 people in 2011. Brevik was linked to the Knights Templar International (KTI), which has been collecting bulletproof vests and other gear to help the Shipka Bulgarian National Movement (BNO Shipka) in the Strandzha Mountain region, on the border between Bulgaria and Turkey. (The Knights Templar, the Catholic military organization, has denied any connection with the KTI, saying that there were other smaller groups with the same name).

The KTI has strong ties in Eastern Europe, the United Kingdom and the United States. They are highly anti-democratic, anti-Semitic and Islamophobic, and maintain close contacts with Russian groups via far-right forums such as the International Russian Conservative Forum. Hungarian media revealed the organization's intentions to ally itself with radical factions in and in the Republika Srpska and Kosovo they have had clashes with the authorities.

RT: I campi addestrano i partecipanti alle abilità militari e politiche. Nelle regioni in cui il BNO opera a Burgas e Strandzha, arrivano istruttori militari, membri di gruppi di estrema destra provenienti da paesi europei e altri personaggi, che in qualsiasi altra situazione avrebbero suscitato una risposta da parte delle forze di sicurezza. Ciò include un importante istruttore militare russo. In un video pubblicato a maggio, il BNO difende la presenza di questo istruttore, sostenendo che era “in vacanza in Bulgaria”.

Sebbene non sia chiaro quanti estremisti di estrema destra siano stati addestrati in Bulgaria, i servizi di intelligence sono consapevoli che queste cose stanno accadendo. Alcuni membri di questi gruppi pubblicano foto della loro visita in Bulgaria. Una di queste immagini mostra l’AR-15, un'arma prodotta in Bulgaria dall'arsenale. Brenton Tarrant, che ha ucciso 50 persone in due moschee neozelandesi [it] in Nuova Zelanda, ha usato un AR-51.

Ci sono rapporti di intelligence che affermano che Tarrant ha visitato la regione dei Balcani mesi prima del massacro di Christchurch, ha avuto legami con i gruppi nazionalisti locali ed è stato ispirato dai gruppi nazionalisti serbi e dal BNO.

Gli apprendisti in questi campi includono persone con tendenze ideologiche simili a Tarrant, che si dice abbia ispirato il tiratore che ha recentemente ucciso 20 persone a El Paso [it], in Texas. L'autore della strage di agosto a Dayton, anche l'Ohio, sembra essere stato ispirato da questi gruppi. Lungi dall'essere “lupi solitari”, questi individui sono spesso collegati a gruppi di destra in altri paesi in una specie di internazionale estremista.

Sia gli attaccanti di El Paso che quelli dell'Ohio, ad esempio, erano fan di Anders Breivik, il terrorista di estrema destra norvegese che ha ucciso 77 persone nel 2011. Brevik era collegato al Knights Templar International (KTI), che ha raccolto giubbotti antiproiettile e altri attrezzi per aiutare il movimento nazionale bulgaro Shipka (BNO Shipka) nella regione montana di Strandzha, al confine tra Bulgaria e Turchia. (I Cavalieri Templari, l'organizzazione militare cattolica, hanno negato qualsiasi collegamento con la KTI, affermando che c'erano altri gruppi più piccoli con lo stesso nome).

La KTI ha forti legami nell'Europa orientale, nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Sono altamente antidemocratici, antisemiti e islamofobi e mantengono stretti contatti con gruppi russi attraverso forum di estrema destra come il forum internazionale dei conservatori russi. I media ungheresi hanno rivelato le intenzioni dell'organizzazione di allearsi con fazioni radicali e nella Republika Srpska e in Kosovo hanno avuto scontri con le autorità.

GV: Come è stata accolta la tua ricerca in Bulgaria?

RT: Our research was and still is largely ignored in Bulgaria, but it gained high visibility abroad. But both of my colleague and I have received threats from far-right extremists because of our work.

RT: La nostra ricerca è stata ed è ancora ampiamente ignorata in Bulgaria, ma ha guadagnato un'alta visibilità all'estero. Ma sia io che il mio collega abbiamo ricevuto minacce da estremisti di estrema destra a causa del nostro lavoro.

GV: Che conclusioni trai da tutto ciò?

RT: The conclusions are not pleasant. Far-right extremists are coming to Bulgaria, receiving military training from a man linked to Russian military intelligence right under the nose of the Bulgarian government. These people are stockpiling weapons—for what reason, it's unclear. They conduct military tactics meetings and trainings in secret. Research studies have also shown that far-right groups have a unified ideology and have strong transnational communications networks. This goes against the widely-shared theory of the self-radicalized extremist. The recent attacks by far-right extremists in the US show us the extent of the problem, and how dangerous it is for the authorities to keep ignoring it.

RT: Le conclusioni non sono piacevoli. Gli estremisti di estrema destra stanno arrivando in Bulgaria, ricevendo l'addestramento militare da un uomo legato all'intelligence militare russa proprio sotto il naso del governo bulgaro. Queste persone stanno accumulando armi: per quale motivo, non è chiaro. Conducono in segreto riunioni e addestramenti di tattiche militari. Studi di ricerca hanno anche dimostrato che i gruppi di estrema destra hanno un'ideologia unificata e hanno forti reti di comunicazioni transnazionali. Questo va contro la teoria ampiamente condivisa dell'estremista auto-radicalizzato. I recenti attacchi da parte degli estremisti di estrema destra negli Stati Uniti ci mostrano l'entità del problema e quanto sia pericoloso per le autorità continuare a ignorarlo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.