chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Disinformazione e propaganda etnocentriche invadono i social media durante le elezioni in Nigeria

Voto in corso durante le elezioni presidenziali 28 marzo 2015, Abuja, Nigeria. Foto di US Embassy / Idika Onyukwu (CC BY-SA 2.0)

Questa storia è la prima di una serie di due articoli incentrati sui discorsi d'odio online verso le etnie, la disinformazione e la propaganda durante le elezioni in Nigeria del 2019. Puoi leggere qui [en, come tutti i link a seguire, salvo diversa indicazione] la seconda parte. 

Il 23 febbraio 2019, la Nigeria è stata chiamata alle urne per eleggere il nuovo presidente e il parlamento nazionale. Tra i due contendenti alla presidenza, il presidente in carica Muhammadu Buhari ha ottenuto 15 milioni di voti e ha trionfato contro il suo più grande rivale , Atiku Abubakar, con “uno margine del 56 percento contro il 41 percento.” Il 29 maggio 2019, Buhari Buhari è stato eletto per un secondo mandato di quattro anni.

Leggi di più: #NigeriaDecides2019: Everything you need to know for this year's general elections

Tuttavia, la campagna elettorale è stata combattutta su diversi fronti, inclusi i social media. C'è stata una diffusione di discorsi che incitano all'odio verso le etnie con lo scopo di creare disinformazione e propaganda online, in particolare su twitter.

L'odio etnico in Nigeria

La multi etnicità della Nigeria – più di 250 gruppi etnici e 500 lingue – è stata spesso fonte di conflitti piuttosto che di forza. Questo diviene particolarmente evidente durante le elezioni, il momento in cui i politici usano queste divisioni per accaparrarsi voti. Ovviamente, gli scambi avvenuti online in Nigeria non sono stati privi di odio indotto verso altre etnie.

Durante le elezioni del 2015, ad esempio, il popolo di Twitter nigeriano è stato coinvolto in un'aspro duello a due parti tra i sostenitori degli all'ora, due avversari più forti, Goodluck Jonathan (PDP, an Ijaw cristiano) e Muhammadu Buhari (APC, un Hausa, musulmano fulani). Twitter è diventato uno strumento per propagare odio verso altre etnie e partiti politici.

Qualcuno avrebbe potuto pensare che nel 2019 sarebbe stato diverso dato che Buhari del partito Congresso di Tutti i Progressisti (APC) e Abukar del Partito Democratico dei Popoli (PDP) sono entrambi Hausa, musulmani fulani, ma non è stato così. I loro candidati alla vice presidenza – Yemi Osinbajo (APC), yoruba, e Peter Obi (PDP), Igbo, sono entrambi cristiani – ma provenienti da diversi gruppi etnici.  É sembrata una replica del 2015 ma con diversi protagonisti.

Il clima politico si è caricato di odio etnico nel 2017, due anni prima delle elezioni, gettando le basi per un'atmosfera di sfiducia.  The political atmosphere became ethnically-charged in 2017, two years before the elections, creating the conditions for an atmosphere of distrust. L’Indigenous People of Biafra (IPOB), un'organizzazione secessionista dell'area sud est del paese capitanata da Nnamdi Kanu, ha contribuito a fomentare le tensioni tra le varie etnie.

La desertificazione nella principalmente musulmana Nigeria del nord ha portato ad una migrazione verso sud dei pastori nigeriani che ha scatenato violenti conflitti tra i contadini. Il risentimento delle comunità cristiane del sud  verso l'afflusso di pastori musulmani fulani è “stato dipinto dalla narrativa come  una forza di ‘islamizzazione’.” Il fallimento del governo nigeriano nell'indagare su questi conflitti e “assicurare i colpevoli alla giustizia” ha portato alla morte di circa 4.000 persone tra il 2015 e il 2018, secondo quanto riportato da Amnesty International.

Così, l'etnocentrismo era già all'apisce prima ancora delle elezioni presidenziali del 2019. Il generale clima di diffidenza è stato un terreno fertile per le false informazioni – online e non – durante le elezioni. Hence, ethnocentrism was already at an all-time high before the presidential elections in 2019. The prevailing distrust was a fertile ground for false information – online and offline – during the elections.

Elezioni e credibilità delle informazioni online in Nigeria 

Il numero degli utenti internet in Nigeria è passato da 98,3 milioni nel 2017 a 100,5 milioni nel 2018. Facebook mantiene il primato come piattaforma social più utilizzata con 22 milioni di utenti, seguito da You Tube (+ 7 milioni), Twitter (6 milioni) e Instagram (5,7 milioni).

La maggiorparte dei votanti nigeriani sono giovani. Tra gli 84 milioni di votanti registrati durante le Elezioni Generali del 2019, più della metà – 51 percento – sono giovani votanti di età compresa tra i 18 e i 35 anni, mentre quasi il 30 percento sono di età compresa tra i 36 e 50 anni. Questi due gruppi di votanti, che includono sia nativi digitali che immigrati digitali, costituiscono la maggiorparte degli aventi diritti al voto in Nigeria e che quindi sono digitalmente preparati.

Di conseguenza, non è stato affatto srprendente che il web è stato uno dei più utilizzati campi di battaglia durante la campagna elettorale nel 2019.

Come risultato, la credibilità dell'informazione online durante le elezioni del 2019 ha subito una grande perdita. Le informazioni false e forvianti, presentate come verità assoluta, non sono state altro che amplificate dai sostenitori dei due partiti più importanti della Nigeria: il Congresso di Tutti i Progressisti  (All Progressive Congress, APC) e il Partito Democratico dei Popoli (People's Democratic Party, PDP).

Basandosi su un'osservazione etnografica dei partecipanti condotta tra il 28 ottobre 2018 e il 29 maggio 2019, l'odio etnico è stato usato come mezzo di disinformazione e propaganda da entrambe le parti dello scenario politico su Twitter Nigeria durante le elezioni presidenziali del 2019. Queste osservazioni sono state catturate in alcuni screenshot di Twitter e in URL salvati e raccolti durante questo periodo.

Per quanto rigurda la disinformazione basata sull'etnia, alcuni sostenitori dell'APC hanno accusato Obi di essere un bigotto per aver presumibilmente deportato i nordici mentre era governatore dello stato di Anambra, nel sud della Nigeria. Tweet che affermavano che la popolazione degli Yoruba incendiava i negozi dei commercianti Igbo di Lagos sono diventati virali. Entrambe le storie erano false e saranno analizzate nella seconda parte di questo articolo.

Figura 1: Tweet con propaganda di disinformazione di Festus Keyamo

Figura 2: Il vero luogo in cui è stata scattata la foto diffusa da Keyamo.

In un altro esempio, una fotografia è stata usata per capovolgere i fatti. Il 28 ottobre 2018, Festus Keyamo, l'allora direttore dei media dell'organizzazione della campagna di Buhari, ha twittato un’ immagine (Figura 1) di un albero cresciuto in mezzo alle rotaie di una stazione abbandonata della Nigeria: ” Ecco un albero cresciuto, tra il 1999 e il 2015, in mezzo alle rotaie…Ora, questa è “l'era del portare a termine” le rotaie stanno per ritornare in vita.” Il PDP era al governo tra il 1999 e il 2015.

Tuttavia, un utente di Twitter nigeriano è riuscito a far risalire l'imagine ad un tweet in Arabo (figura 2) postato precedentemente nello stesso mese. Secondo il tweet, la foto è stata scattata in Libano.

L'intenzione di Keyamo potrebbe essere stata quella di mostrare che il governo di Buhari al contrario delle amministrazioni precedenti, ha ripristinato le malconce linee ferroviarie del paese. Tuttavia, l'uso dell'immagine scattata in un altro paese ha reso la “conquista” questionabile.

Figura 3: Affermazioni d'odio etnico

Figura 4: El-Rufai si è scusato per il tweet “insensibile” mostrato nella Figura 3.

Affermazioni online cariche di odio verso altre etnie sono state pronunciate prima, durante e dopo le eleziooni. In un tweet offensivo verso altre etnie (figura 3) Bashir El-Rufai, figlio del governatore dello stato del Kaduna, ha insinuato che la Guerra Civile Nigeriana [ita] venne scatenata dalla vendetta degli Igbo.

Tra il 1967 e il 1970, la Nigeria ha combattuto un'aspra guerra civile contro il secessionista stato del Biafra abitato per la maggiorparte dagli Igbo nell'area sud est del paese.

Di conseguenza, secondo Bashir El-Rufai, il risultato delle elezioni del 2019, vinte dal suo partito, l'APC, deve essere interpretato come una dolce “vendetta” da parte degli Hausa, Fulani. Poi si è più tardi scusato, dopo il clamore, per il suo precedente “insensibile” tweet come mostrato nella figura 4. Lui ha poi eliminato il precedente tweet (figura 3).

La falsa informazione motivata dall'odio etnico sui social media durante le elezioni ricade nelle due categorie: disinformazione e propaganda.

Miroslav Tudjman e Nives Mikelic, studiosi di comunicazione della University of Zagreb, in Croazia, definisce la disinformazione come “un'informazione volutamente errata con il proposito per sviare gli utenti.” Di conseguenza l'intenzione di far passare informazioni inaccurate, distorte e false come verità, distingue la disinformazione dalla cattiva informazione.

Tudjman e Mikelic affermano che la propaganda è molto di più della disinformazione o della cattiva informazione. Questo perché la propaganda “è volta a manipolare l'attitudine degli utenti” attraverso  un “accidentale o intenzionale gestione dell'informazione nel processo della comunicazione.” Perciò, la propaganda trasforma in arma informazioni faziose o inaccurate per scopi politici e di conseguenza manipola la percezione.

Sono emerse delle paure giustificabili circa le elezioni del 2019 perché la disinformazione online e la propaganda incitano la violenza elettorale e inoltre costituisce “un pericolo per la rinconciliazione dopo le elezioni.”

La parte due di questo articolo esaminerà come tutto questo si è verificato online , specialmente su Twitter, tramite esempi specifici.


Questo articolo è parte di una serie di post che esaminano l'interferenza con i diritti digitali attraverso metodi come l'oscuramento di internet e la disinformazione durante eventi politici chiave nei sette paesi africani: Algeria, Etiopia, Mozambico, Nigeria, Tunisia, Uganda e Zimbabwe. Il progetto è stato fondato dall’Africa Digital Rights Fund of The Collaboration on International ICT Policy for East and Southern Africa (CIPESA).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.