chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Dopo il Xinjiang, la lunga strada verso la guarigione

La ripresa di Tursynbek Kabiuly ad Almaty. Foto di Chris Rickleton per Eurasianet.

Questa è una storia [en, come i link seguenti] di Eurasianet e viene ripubblicata da Global Voices grazie a un accordo di partenariato.

Quando a febbraio Tursynbek Kabiuly è giunto in Kazakhstan dopo un'assenza di 17 mesi imposta dalle autorità cinesi, ha potuto vedere la gioia sul viso di sua moglie Oralkhan.

Ma a meno che non parlasse ad alta voce, Tursybek poteva sentirla a stento.

Kabiuly, appartenente al gruppo etnico dei Kazaki e proveniente dalla contea di Emin situata nella regione del Xinjiang, nella Cina nord-occidentale, racconta che deve la perforazione del timpano del suo orecchio destro a una guardia nel centro di detenzione dove l'anno scorso è stato trattenuto arbitrariamente per sei giorni con razioni minime di acqua e cibo.

Quando fu accompagnato al bagno, Kabiuly si trovò costretto a bere dal rubinetto per placare la sua sete. La guardia che lo stava aspettando fuori perse il controllo e colpì Kabiuly intorno alla testa in modo così violento che il suo orecchio sanguinava per il dolore.

“Se avessi denunciato il fatto ai suoi superiori, la mia situazione si sarebbe agravvata, molto velocemente”, ha raccontato Kabiuly a Eurasianet.

Kabiuly è uno degli ex nove detenuti del Xinjiang affetti da problemi di salute che sono stati diagnosticati e curati in una clinica privata situata in una delle città più grandi del Kazakhstan, Almaty, dopo essere stati rilasciati dalla Cina.

Le visite mediche sono il risultato di una campagna collettiva organizzata da un ricercatore russo americano, Gene Bunin, e da un'organizzazione che difende i diritti del popolo Kazako, la International Legal Initiative, o ILI.

L'apparecchio acustico da 500 dollari che la campagna collettiva ha acquistato per Kabiuly è una delle spese più costose sostenute dalla raccolta fondi che ha raggiunto 6000 dollari e che ora ha dato avvio al secondo turno. Almeno un altro ex detenuto che in prigione ha riportato percosse simili alla testa ha subito una perdita dell'udito che non è stato possibile curare.

“È come se fosse un dono di Dio,” ha detto Kabiuly dell'auricolare. “Mi sento come se stessi tornando a essere me stesso di nuovo.”

L'incubo del Xinjiang di Kabiuly è iniziato nel settembre del 2017 dopo un viaggio dal Kazakistan, dove ha presentato istanza di cittadinanza, a Emin per prendere parte al funerale di un parente.

Il viaggio è coinciso con un'inasprirsi dei controlli all'interno della regione che ha portato inizialmente alla confisca di milioni di passaporti appartenenti alle minoranze turche e musulmane.

Alla fine dell'anno, il Xinjiang è stato trasformato in uno stato di polizia futuristico con, al suo interno, la presenza di centri di prigionia programmati per essere dei “centri di rieducazione” destinati ai cittadini appartenenti alle minoranze.

Il ritorno di Kabiuly nel febbraio di quest'anno è avvenuto dopo che il Ministero degli Esteri kazako ha annunciato che la Cina aveva permesso ad oltre 2000 kazaki di entrare in Kazakistan in “segno di gentilezza”.

Aina Shormonbayeva, direttore di ILI, afferma che oltre un centinaio delle 162 persone i cui casi sono stati presi in considerazione dalla sua organizzazione e dal Ministero degli esteri e da altri gruppi di sostegno internazionali, sono ora ritornati nella loro storica terra d'origine.

Molti di loro, come Kabiuly, avevano iniziato la procedura per richiedere la cittadinanza kazaka e avevano parenti stretti che possedevano un passaporto kazako.

Il Ministero degli Esteri, che si è mosso delicatamente intorno alla tesa questione del Xinjiang, non ha fornito alcun dettaglio per confermare il numero dei rimpatri.

Mentre era nel Xinjiang, Kabiuly ha testimoniato un'ampio spaccato degli orrori che lo stato cinese ha inflitto ai cittadini non di etnia Han, con l'obiettivo di trasformare la vità di quella regione.

Anche se non ha mai vissuto all'interno di uno dei famosi campi di prigionia, sua suocera invece sì.

Dal momento che Oralkhan e i suoi figli avevano presentato una mozione per il rilascio di Kabiuly dalla Cina e per la liberazione di sua madre dal campo, Kabiuly e suo cognato venivano sottoposti a sorveglianza costante e a controlli regolari da parte delle autorità.

Sotto una tale pressione, il fratello di Oralkhan si è suicidato, mesi prima che la loro mamma venisse rilasciata dal campo.

Kabiuly mandò un messaggio a Oralkhan, informandola del suo intento di divorziare da lei – un messaggio che lei ha subito ignorato in quanto inviato sotto costrizione.

Ad un certo punto di questa campagna di intimidazione, Kabiuly ha raccontato a Eurasianet che le autorità di Emin lo hanno obbligato a deturpare diverse lapidi di famiglia.

A Kabiuly non è stata data nessuna spiegazione ufficiale per la sua breve ma straziante detenzione lo scorso settembre.

Ma era il suo legame con il Kazakistan (il partner economico nell'Asia Centrale più vicino alla Cina) ad essere l'argomento di interrogatori consecutivi.

“Mi hanno detto che il Kazakistan era sulla lista dei paesi con presenza di terrorismo. Ma credo che sia la Cina ad essere il paese terrorista. Come può un governo che tratta i cittadini come bestie parlare di terrorismo?” ha domandato.

I donatori che hanno preso parte al progetto di assistenza medica sono generalmente le stesse persone che hanno donato al database delle vittime del Xinjiang, un registro online che consiste in più di 5000 testimonianze per coloro che sono caduti vittima delle repressioni nel Xinjiang.

Bunin afferma che il progetto è stato rivolto ai prigionieri rimpatriati i cui problemi di salute richiedono cure specialistiche.

“Un detenuto ha una cisti al cervello che sarebbe necessario rimuovere. Per quanto dipenda dal costo di tale intervento, potrebbe essere qualcosa che non possiamo finanziare,” ha detto ad Eurasianet.

Un'area di cui l'impegno del finanziamento collettivo non si è ancora interessato è la salute mentale, per la quale gli ex detenuti e i loro familiari hanno manifestato bisogni urgenti.

Kabiuly afferma che la sua principale priorità dopo aver ristabilito il suo udito è quella di riacquistare massa muscolare in modo da ottenere un lavoro nel campo dell'edilizia che aveva prima del dannoso e fisicamente estenuante periodo trascorso nel Xinjiang.

Ma Oralkhan ha raccontato ad Eurasianet che suo marito ora è un uomo più introverso rispetto a quando è andato in Xianjiang nel 2017 e, temendo che i cinesi possano origliare, più incline a nascondere i cellulari in angoli lontani della casa nel momento in cui arrivano degli ospiti.

“Abbiamo ricevuto delle strane telefonate a casa e sono spaventato per i miei figli,” ha spiegato Kabiuly.

“Ora sto migliorando con i telefoni,” ha detto sorridendo guardando uno smartphone sul tavolo.

Shormonbayeva loda il lavoro del Ministero degli Esteri per il suo lavoro nel far tornare il gruppo etnico dei kazaki abbandonati in Xinjiang, ma ha una visione critica nei confronti dell’estrema cautela del governo in merito alla situazione nel Xinjiang che ha visto il Kazakistan non prendere parte alla condanna di livello internazionale contro le misure politiche di Pechino adottate in quella regione.

Tale posizione limita l'abilità dello stato nel partecipare ai tentativi di riabilitazione delle vittime. E ciò rappresenta un netto contrasto con il suo lavoro di reintegrazione delle donne e dei bambini ritornati dalla guerra in Siria, i quali, riferisce il Ministero degli Esteri, beneficeranno di cure mediche e psicologiche specialistiche finanziate dallo stato.

“I kazaki provenienti dalla Cina affrontano già delle sfide di natura linguistica poiché non parlano il russo, e delle difficoltà burocratiche nel raggiungimento della cittadinanza e nella ricerca di un lavoro,” ha detto Shormonbayeva.

“Ma molti dei kazaki che sono arrivati qui recentemente sono vittime di tortura e sono affetti da traumi psicologici. Le autorità non li classificano come tali.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.