chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Giornalista sotto copertura svela le terribili condizioni di lavoro in un deposito di Amazon in Giappone

Amazon fulfillment center odawara

Un lavoratore di un centro di adempimento di Amazon in Giappone. Immagine del video promozionale di Amazon Giappone.

Il nuovo libro di un giornalista investigativo giapponese rivela le mortali condizioni di lavoro in un grande centro di distribuzione di Amazon appena fuori Tokyo. A partire dall'inchiesta svolta sotto copertura e numerose interviste con i lavoratori, il libro descrive una grossa fetta del mercato del lavoro giapponese, dominato da aziende che assumono a tempo determinato e con condizioni di lavoro precarie.

Nel libro di Yokota Masuo “Un reporter sotto copertura nell'impero di Amazon” (潜入ルポ amazon帝国) [jp, come tutti i link seguenti, salvo diversa indicazione]), il giornalista investigativo asserisce che i dipendenti di un “centro di adempimento” di Amazon (un magazzino e centro logistico [en]) – situato nella piccola città regionale di Odawara a 80 km ad ovest di Tokyo – fanno turni di lavoro fisicamente sfiancanti che hanno portato ad almeno cinque morti negli ultimi cinque anni.

In un estratto pubblicato sul notiziario News Post Seven (NEWS ポストセブン), Yokota spiega come si è “infiltrato” nel centro di adempimento di Odawara nel 2017, al fine di denunciare le condizioni di lavoro. Il giornalista economico aveva lavorato sotto copertura anche nel 2004 con l'obiettivo di indagare su Amazon, ai fini sia di un libro precedente sia di un premiato exposé [en] sul gigante della moda Uniqlo. Yokota riferisce spesso come i rapidi cambiamenti in atto nel mondo del lavoro stiano colpendo i lavoratori giapponesi.

In qualità di “picker” part-time che assembla gli ordini dei clienti, Yokota ha intervistato altri dipendenti al centro di adempimento, tra cui il personale retribuito di Amazon, i lavoratori temporanei del reparto spedizioni e i dipendenti delle aziende di spedizione e logistica in subappalto.

Amazon, che rappresenta il 20% delle vendite online su un mercato giapponese di 86 milioni di consumatori [en], ha aperto il centro di adempimento di Odawara nel 2014. L'esteso edificio a più piani, simile a un magazzino, occupa quasi 60.400 metri quadri di spazio – “più o meno quanto quattro Tokyo Dome [it]”, secondo un notiziario - e impiega circa mille persone [en]. La struttura è stata costruita per fornire un servizio di consegna il giorno stesso, o entro 24 ore, nella vicina regione di Tokyo dove risiedono oltre 30 milioni di persone e dove Amazon continua a far crescere la propria attività commerciale.

Nel libro, Yokota afferma che, appena prima di iniziare a lavorare lì, era venuto a conoscenza della morte di “Uchida Rika” (uno pseudonimo per proteggere la privacy della sua famiglia), una donna di 59 anni che è collassata e morta per un aneurisma mentre lavorava per Amazon come picker.

Durante il periodo in cui Yokota lavorava come picker, è morto anche un secondo impiegato di Amazon, “Kitajima Masato”, a cui è sopravvissuta la moglie “Kyoko” (entrambi i nomi sono pseudonimi). I coniugi, prossimi ai quaranta, lavoravano come picker part-time presso il centro di adempimento di Amazon ad Odawara; erano entrati nel mondo del lavoro dopo la scuola media, svolgendo una serie di lavori poco qualificati. Secondo Yokota, lo Shock Lehman [en] del 2008 scatenò una recessione economica in Giappone, lasciandoli entrambi senza lavoro e dipendenti dai sussidi statali ad Odawara.

Dopo essersi sposati, avevano trovato lavoro presso il centro di adempimento, ma invece di essere assunti direttamente da Amazon, la coppia lavorava a tempo determinato per conto dell'azienda appaltatrice World Intec (非正規労働者). Si stima che circa il 37% della forza lavoro giapponese sia attualmente impiegata con contratti a tempo determinato, un'eredita della stagnante crescita economica degli anni '90 e della crisi finanziaria del 2008.

“Masato” e “Kyoko” lavoravano in piedi dalle 9 alle 18 cinque giorni alla settimana, con un reddito combinato di 300.000 yen (3000 dollari) al mese.

Durante il periodo sotto copertura presso il magazzino di Odawara, Yokota ha stimato di camminare fino a 20 km nel corso di un turno di lavoro da 6 ore e mezza, e che un picker potrebbe facilmente arrivare a percorrere 30 km in dieci ore – una durata non inconsueta per i turni dei picker che fanno gli straordinari nei periodi più frenetici.

I picker devono spostarsi da una parte all'altra del centro di adempimento per raccogliere e assemblare gli ordini – e dato che queste attività sono cronometrate e monitorate al secondo, molti rinunciano alle pause per riuscire a stare al passo. Yokota afferma che i lavoratori non avevano tempo per riposare o persino mangiare: secondo le testimonianze, “Kyoko” aveva perso 10 kg in un solo mese.

Un giorno, “Masato” collassò. Il centro chiamò infine un'ambulanza e fu portato in ospedale, dove morì. Il medico curante stabilì la causa del decesso in una dissezione aortica [en], una malattia rara del cuore che in genere colpisce gli uomini dopo i 60 anni.

Le affermazioni fatte da Yokota nel suo libro sono state confermate dai resoconti pubblicati sul giornale del Partito Comunista Giapponese Akahata [en] (Bandiera Rossa).

In un articolo [en] del 2018, Akahata aveva già tenuto traccia di almeno tre morti presso la struttura di Odawara in “condizioni lavorative di sfruttamento”, in base alle interviste con gli ex dipendenti e ai commenti racimolati sui social media.

Un lavoratore ha dichiarato ad Akahata di essere stato “quasi portato al suicidio” per via delle condizioni lavorative ad Odawara. Un altro impiegato di Amazon, identificato come “Okawa”, ha detto [en]:

My co-workers, one after another, resigned after they suffered from heat stroke, fatigue fractures, back pain, and other injuries and illnesses […]

I miei colleghi, uno dopo l'altro, si sono licenziati dopo aver sofferto di colpi di calore, fratture da affaticamento, dolori alla schiena e altri infortuni e malattie […]

Inoltre, “Okawa” ha dichiarato ad Akhata che le pause prestabilite venivano accorciate durante la giornata, senza lasciare abbastanza tempo per raggiungere la mensa in loco, pranzare e tornare al lavoro. I salari erano generalmente di 950 yen (9.50 dollari) all'ora – il minimo sindacale in Giappone – anche se alcuni lavoratori temporanei ricevevano 2000 yen (20 dollari) all'ora durante i periodi di maggiore attività.

In un altro articolo, Akahata ha riportato [en] i commenti scritti sul forum giapponese “2chan” (ora rinominato [it] “5channel”) riguardo alle condizioni di lavoro nel centro [en]:

‘I heard that a worker died at the warehouse.’
‘Recently, workloads have become heavier due to shorter rest periods. Take care, everyone!’
‘The company’s “do nothing unless something happens” attitude has led to this tragedy. Anti-heatstroke measure[s] [are] a case in point. Only after many workers suffered from heatstroke, the company finally implemented countermeasures.’

“Ho sentito che un impiegato del magazzino è morto.”

“Di recente, il carico di lavoro è diventato più pesante a causa dei ridotti periodi di riposo. State attenti, tutti quanti!”

“L'atteggiamento del “non fare niente finché non succede qualcosa” da parte dell'azienda è la causa di questa tragedia. Le misure anti colpo di calore sono un esempio lampante: solo dopo che molti lavoratori hanno sofferto di colpi di calore, l'azienda ha finalmente implementato delle contromisure.”

Secondo Yokota, tali condizioni di lavoro mortali sono il risultato della mancanza di supervisione e di assunzione di responsabilità da parte di Amazon:

アマゾンは、アルバイトの管理をワールドインテックやその下請けの派遣会社に丸投げしており、自らアルバイトとは直接かかわらない。こうした環境では、アルバイトの労働環境にだれが責任を取るのか、という問題の所在が曖昧になってしまう

Amazon ha scaricato la gestione di questi lavori temporanei a World Intec e altre agenzie di subappalto, senza avere alcun coinvolgimento diretto nella supervisione dei lavoratori part-time. In un contesto del genere, l'assunzione di responsabilità per le condizioni lavorative dei dipendenti a tempo determinato e a chiamata diventa una questione ambigua.

Secondo la vedova di “Masato” e altri impiegati del centro, Amazon non ha fatto molti sforzi per comunicare la morte dell'uomo. In un'intervista, un supervisore ha detto a Yokota:

アマゾンの同僚からは、その日のうちに、警察が来て現場検証をしたと聞いています。けれど、北島さんが亡くなったことは、ワーカーさんに朝礼や昼礼で伝えることはありませんでした。ボクは、北島さんが亡くなった数日後に、上司との面談があったんですが、そのときに、北島さんが亡くなった話を持ち出しても、救急車で運ばれたのは聞いていたけれど、亡くなったとは知らなかった、と言っていました。センター内で起こった死亡事故を知らないなんて、信じられない気持ちでした。

“Un collega mi ha detto che la polizia era venuta sul posto quel giorno. Tuttavia, nessuno ha notificato formalmente i dipendenti. Quando ho tirato fuori l'argomento della sua morte durante una riunione con un supervisore diversi giorni dopo, […] sapevano solo che era stato portato via da un'ambulanza, e non sapevano fosse morto. Mi sembra difficile da credere che nessuno [dei dirigenti] sapesse.”

Al tempo della morte di suo marito, “Kyoko” aveva lasciato il centro di adempimento di Odawara per un altro lavoro part-time; aveva solo 40.000 yen (400 dollari) in banca. In seguito, ha ricevuto un pagamento forfettario di 30.000 yen (300 dollari) da World Intec. Senza risparmi, con la magra compensazione ricevuta per la morte del marito e la perdita del reddito di lui, “Kyoko” non riusciva a pagare le spese dell'ospedale e del funerale, né tantomeno l'affitto mensile.

Nonostante alcuni impiegati nei magazzini di Amazon abbiano provato a riunirsi in sindacato, finora non ci sono stati grandi cambiamenti nell'ambiente lavorativo di Odawara. In un'epoca in cui più del 36% dei dipendenti sono assunti a tempo determinato o a chiamata e la crescita dei salari rimane stagnante [en], i lavoratori non qualificati si trovano ancora in condizioni precarie, indipendentemente da dove vivono in Giappone.

“Kyoko” ne è un esempio emblematico. In assenza di molte altre prospettive dopo aver perso di recente il lavoro come cassiera di supermercato, è tornata a lavorare al centro di adempimento:

「小田原付近では仕事が少ないので、困った時のアマゾン頼みって言われているんです。給与は日払いでもらえますし。夫が亡くなったことへのわだかまりが全然ないと言ったらうそになりますけれど、生活のためだと割り切ることにしました。年末もお正月の三が日も働くつもりです」

Dato che c'è così poco lavoro a Odawara, Amazon mi ha detto di informarli qualora dovessi avere bisogno di aiuto [con il lavoro]. E mi possono pagare giorno per giorno. Anche se mentirei se dicessi di non portare rancore [verso Amazon] per la morte di mio marito, ho accettato il lavoro perché ho bisogno di guadagnarmi da vivere.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.