chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Gli unici due allenatori di colore del campionato di calcio in Brasile hanno preso posizione contro il razzismo

Roger Machado e Marcão, gli unici due allenatori di colore del campionato brasiliano di calcio ad alto livello. Foto: Observatório Racial do Futebol/Usato con il permesso.

Quando lo stadio Maracanã [it] di Rio de Janeiro fu costruito per i Mondiali FIFA del 1950 in Brasile, aspirava ad essere un tempio del calcio. Queste speranze sono state in qualche modo deluse dopo che l'Uruguay ha battuto il Brasile nella finale di quel torneo. I brasiliani erano pronti ad incolpare il portiere Moacir Barbosa [it] per la sconfitta. Un uomo di colore, che è stato trasformato in un capro espiatorio, ovviamente, non mancavano gli esperti che sostenevano [pt, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] che solo i giocatori bianchi erano adatti per il portiere.

Circa 60 anni dopo quel fatidico giorno, lo stadio è stato nuovamente teatro di un altro momento memorabile per il calcio brasiliano. Il 12 ottobre, prima della partita tra il Fluminense FC e l'EC Bahia, gli allenatori Marcão e Roger Mochado, si sono stretti la mano ed hanno posato per una foto indossando delle magliette dell'Osservatorio raziale del calcio brasiliano, un'organizzazione che supervisiona la discriminazione in questo sport. I due uomini sono gli unici due allenatori di colore nella serie maggiore di calcio, chiamata la “Serie A”, che vede in competizione 20 squadre.

La mancanza di rappresentanza di colore nella gestione del calcio brasiliano è sorprendente se si considerano le caratteristiche demografiche del paese. Oltre il 55,8% della popolazione brasiliana si identifica sia con il nero (9,3%) che con il marrone (46,5%). Il Brasile è stato il più grande importatore di schiavi africani nel mondo occidentale tra il XVI e il XIX secolo, nonché l'ultimo della regione ad abolire la schiavitù [it] (nel 1888).

Ancora una volta, indossiamo la maglietta @ObRacialFutebol! Non dovrebbe essere così, ma la partita segna l'incontro degli unici due allenatori neri della serie A.

In una conferenza stampa a seguito di una partita, Roger Machado, che già in passato si era espresso a riguardo della discriminazione nel calcio, ha partato di come il razzismo strutturale del Brasile è stato tramandato da coloro che detengono il potere e privilegi. Un video del suo discorso è diventato virale sui social media. Ha detto:

Para mim, essa é a prova que existe preconceito, porque é algo que chama a atenção. À medida que a gente tem mais de 50% da população negra e a proporcionalidade que se representa não é igual. Acho que a gente tem que refletir e se questionar. Se não há preconceito no Brasil, por que os negros têm um nível de escolaridade menor que os dos brancos? Por que a população carcerária, 70% dela é negra? Por que quem mais morre são os jovens negros no Brasil? Por que os menores salários são para os negros? E entre as mulheres brancas e negras, são para as negras? Por que entre as mulheres as que mais morrem são as mulheres negras? Há diversos tipos de preconceito. (…). Negar e silenciar é confirmar o racismo.

Per me, questa è la prova che c'è un pregiudizio perché, questo incontro, è qualcosa che attira l'attenzione. Più del 50% della nostra popolazione è nera, ma la rappresentanza è sproporzionata. Penso che dovremmo riflettere  e porci delle domande a riguardo. Se non ci sono pregiudizi in Brasile, perché i neri sono meno istruiti dei bianchi? Perché il 70% della nostra popolazione carceraria è composta da neri? Perché i giovani di colore vengono uccisi più spesso di qualsiasi altro gruppo sociale? Perché il reddito dei neri è il più basso? E tra le donne bianche e di colore, perché le donne nere sono pagate meno? Perché le donne nere muoiono più spesso delle donne bianche? Ci sono diversi tipi di pregiudizi. (…..) Negare tutto ciò e tacere equivale a confermare il razzismo.

Roger Machado, l'allenatore di Bahia, ha affrontato il discorso quando si è parlato di razzismo strutturale del Brasile e di azioni di sostegno contro la discriminazione razziale prima della partita tra @ECBahia x @FluminenseFC

La foto è stata suggerita dall'Osservatorio razziale del calcio brasiliano, un'organizzazione creata da Marcelo Carvalho, che ha parlato con Global Voices via WhatsApp:

Ciao, @ECBahia e @FluminenseFC,abbiamo un sogno!

Che ne pensate se, nella prissima partita, gli unici allenatori di colore della Serie A si incontrassero indossando la nostra maglietta? Entrambi hanno parlato di questioni raziali precedentemente e sarà una grande opportunità per portare ad uno step successivo il dibattito. Che ne dite? #BastaColPregiudizio

Carvalho ha detto che ha avuto questa idea il dopo che il 4 ottobre il Fluminense ha assunto Marcão come allenatore della squadra. Molti inviati, secondo lui, hanno iniziato a chiedere all'Osservatorio i dati riguardanti gli allenatori di colore che lavorano nei principali club del campionato di questi ultimi 5 anni. Marcelo ci riferisce che la risposta è quattro e solitamente solo due o tre vengono assunti allo stesso tempo.

Alla Coppa del Mondo del 2018 in Russia, era presente un solo allenatore di colore a capo di una nazionale: il senegalese Aliou Cissé, che si è espresso anche lui sulle questioni razziali.

Marcelo ha detto:

Como disse o Roger, chamou a atenção de todo mundo, da mídia esportiva principalmente, a presença dos dois treinadores negros. [Viram que] tem apenas dois e os dois iam se enfrentar. Isso não deveria ser um espanto, deveria ser normal.

Come ha detto Roger, il fatto che ci fossero due allenatori di colore ha attirato l'attenzione di tutti, sopratutto dei media sportivi. Si sono resi conto che erano gli unici due allenatori di colore, e che si sarebbero affrontati l'un l'altro. Una cosa del genere non dovrebbe stupire, dovrebbe essere normale.

Lo scorso anno, l'EC Bahia ha ospitato la presentazione del rapporto 2017 dell'Osservatorio, che elencava 43 casi di discriminaizone accaduti in quell'anno  — un aumento del 72% dal 2016. Era anche la prima volta in cui il Bahia, lo stato brasiliano in cui vive la più grande popolazione afro brasiliana, ha ospitato un evento simile. Da gennaio a settembre 2019, l'Osservatorio ha registrato 39 casi di discriminazione nei campionati di calcio in Brasile.

Marcelo dice che ciò spiega l'aumento della crescente intolleranza della società brasiliana al razzismo. Proprio per questo motivo, squadre e giocatori si sentono spinti a parlare. E poi aggiunge:

Acredito que o futebol brasileiro já vem prestando atenção na questão racial de uns dois anos para cá. Cada vez que a gente lança um relatório com o crescimento dos números de casos [de racismo], cada vez que a gente ganha mais visibilidade de mídia e consegue denunciar os casos, isso está gerando uma repercussão cada vez maior, entre jornalistas, torcedores e, talvez, jogadores também (estes a gente não tem certeza). Mas vem gerando uma conscientização no mundo do futebol.

Credo che negli ultimi due anni il calcio brasiliano abbia prestato maggiore attenzione alle questioni razziali. Ogni volta che pubblichiamo un nuovo rapporto che mostra un aumento dei casi di razzismo, ogni volta che riceviamo più copertura mediatica e riportiamo nuovi casi, aumenta la consapevolezza tra i giornalisti, i tifosi e, forse, i giocatori (non ne siamo ancora certi). Ma sta aumentando la consapevolezza nel mondo del calcio.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.