chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

I giornali australiani ‘censurano’ le loro prime pagine per protestare contro le leggi di segretezza del Paese

Le prime pagine dei giornali australiani il 21 ottobre 2019. Foto dal post su Twitter della National Press Club di Australia.

In uno spettacolo di unità senza precedenti, i media australiani hanno pubblicato storie simili e hanno redatto le prime pagine con la campagna [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] “Right to know” (diritto di sapere) in risposta alle azioni del governo che minano il lavoro dei giornalisti.

La coalizione australiana “right to know” ha affermato che gruppi mediatici rivali hanno unito le forze per difendere la libertà di stampa:

The media plays a vital role in telling the public what’s really going on. But journalists and whistleblowers in Australia live in fear of criminal charges, police raids and damaging court battles that threaten their professional careers and personal freedom.

I media svolgono un ruolo vitale nel dire al pubblico cosa stia realmente succedendo. Ma i giornalisti e gli informatori in Australia vivono nel timore di accuse penali, raid della polizia e battaglie giudiziarie dannose che minacciano la loro carriera professionale e la libertà personale.

La coalizione ha anche affermato che la campagna non è destinata solo a favore dei media, ma anche al diritto del pubblico di sapere:

Even though our coalition is made up of competing businesses, we still team up to protect Australians’ right to know. We do this because media freedom is critical for holding powerful people accountable and ensuring you know about issues like aged care abuse, secret spying on Australian citizens and mysterious land deals with foreign owners.

Anche se la nostra coalizione è composta da aziende concorrenti, continuiamo a collaborare per proteggere il “diritto di sapere” degli australiani. Lo facciamo perché la libertà dei media è fondamentale per rendere responsabili le persone potenti e assicurarti di conoscere questioni come l'abuso di assistenza agli anziani, lo spionaggio segreto dei cittadini australiani e i misteriosi accordi sui terreni con i proprietari stranieri.

Secondo le ricerche della coalizione, i governi australiani hanno approvato circa 75 leggi in materia di segretezza, crittografia e spionaggio, spesso utilizzate per intimidire, perseguire e arrestare i giornalisti.

Nell'ultimo anno, alcuni uffici dei media sono stati presi d'assalto per aver pubblicato informazioni segrete. Sono state inoltre negate le richieste di informazioni su alcune questioni pubbliche come gli abusi sugli anziani, il numero di bambini nei centri di detenzione per adulti e la sorveglianza pubblica.

Paul Murphy, amministratore delegato di Media, Entertainment & Arts Alliance, ha affermato che alcune leggi ostacolano il lavoro dei giornalisti:

The culture of secrecy that has descended through these legal provisions restricts every Australian’s right to know and goes well beyond the original intent of national security.

Journalism is a fundamental pillar of our democracy. It exists to scrutinise the powerful, shine a light on wrongdoing and hold governments to account to the people, but the Australian public is being kept in the dark about matters that affect them.

La cultura del segreto che è emersa attraverso queste disposizioni legali limita il diritto di ogni australiano a conoscere e va ben oltre l'intento originario della sicurezza nazionale.

Il giornalismo è un pilastro fondamentale della nostra democrazia. Esiste per esaminare attentamente i potenti, fare luce sui comportamenti illeciti e tenere i governi in grado di rendere conto al popolo, ma l'opinione pubblica australiana è tenuta all'oscuro delle questioni che li riguardano.

Michael Miller, presidente esecutivo di News Corp Australasia, ha criticato l'uso delle leggi sulla sicurezza nazionale per limitare l'accesso del pubblico alle informazioni:

It’s clear the national security justification doesn’t tell the whole story of a government’s secrecy obsession when it stops journalists telling you whether your parents or grandparents are at risk in a nursing home or whether the tax office might be raiding your bank accounts.

È chiaro che la giustificazione della sicurezza nazionale non racconta l'intera storia dell'ossessione per la segretezza di un governo quando blocca i giornalisti che ti dicono se i tuoi genitori o nonni sono a rischio in una casa di cura o se l'ufficio delle imposte potrebbe razziare i tuoi conti bancari.

L'Amministratore delegato della Australian Community Media (ACM) Allen Williams ha spiegato perché stanno supportando la campagna:

Australians expect and deserve to know what's going on, and how and why the government decisions that affect their lives are made.

The communities we serve trust us to keep them connected and informed, so ACM is proud to support this campaign to protect the public's right to know.

Gli australiani si aspettano e meritano di sapere cosa sta succedendo e come e perché vengono prese le decisioni del governo che influenzano la loro vita.

Le comunità che serviamo si affidano a noi per mantenerle connesse e informate, quindi ACM è orgogliosa di supportare questa campagna per proteggere il diritto del pubblico di sapere.

Alcune delle richieste della campagna includono la richiesta di protezione degli informatori del settore pubblico, la promulgazione di un regime di libertà di informazione “correttamente funzionante” e il diritto di contestare la richiesta di mandati per giornalisti e organizzazioni dei media.

Queste sono alcune delle foto di Twitter condivise dai giornalisti nelle rispettive redazioni:

Took us a while but here we are… Age and Melbourne AFR newsrooms support #PressFreedom and #YourRightToKnow pic.twitter.com/VDErJKzgBE

— Sarah Danckert (@sdanck) October 21, 2019

Ci è voluto un po’ ma eccoci… il nostro supporto alle redazioni AFR Age e Melbourne.

When you miss out on the group photo but still want to participate lol #PressFreedom #righttoknow pic.twitter.com/P2qeLRW0Gc

— Madeline Hayman-Reber (@MadelineHayman) October 21, 2019

Quando manchi nella foto di gruppo ma vuoi ancora partecipare lol

When the government keeps the truth from you, what are they covering up? What stories aren't being told? #righttoknow @abcperth pic.twitter.com/JnVeyiMKyv

— Emma Wynne (@em_wynne) October 21, 2019

Quando il governo tiene la verità nascosta, cosa stanno nascondendo? Quali storie non vengono raccontate?

Hai il diritto di sapere cosa stiano facendo i governi che eleggi a tuo nome. Ma in Australia, gli informatori sono penalizzati e i giornalisti presi d'assalto dalla polizia. È necessario un cambiamento. @ConversationEDU è dalla parte dei colleghi nel paese e supporta la campagna @withMEAA.

I giornalisti del tribunale hanno condiviso alcune delle sfide che devono affrontare quando l'accesso alle informazioni è limitato:

Soppressioni, processi di separazione, corti chiuse, leggi applicate incoerentemente, accesso bloccato ai documenti, non si tratta solo dei governi che negano le informazioni! Ogni giorno i reporter di corte sono contro la difesa degli avvocati e giudici.

Anche i fotografi hanno partecipato alla campagna:

Dopo aver fotografato i membri della galleria della stampa, alcuni fotografi e cameraman si sono uniti al gruppo.

Anche il detenuto richiedente asilo e premiato scrittore, Behrooz Boochani [it] ha scritto su Twitter il suo sostegno alla campagna:

Sto con i media australiani per la libertà di parola. Alcuni politici di Oz sono nemici della democrazia e il sistema stesso ha un problema se crea questo tipo di piccolo dittatore. Questa stessa dittatura è stata messa in pratica nella segretezza sull'esilio dei rifugiati.

La protesta dei media è stata brevemente discussa in Parlamento con il primo ministro che ha accusato il governo precedente (che ora è l'opposizione) di approvare leggi che imbavagliano la stampa. Nel frattempo, la polizia ha dichiarato che condurrà una revisione delle proprie politiche sulla gestione dei media durante le operazioni ufficiali.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.