chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La violenza della polizia a Hong Kong si intensifica drasticamente: manifestanti disarmati colpiti con proiettili veri

Screenshot del video di Cupid Producer per HKFP.

Questo articolo riunisce diversi rapporti di vari collaboratori della piattaforma di notizie online gratuita The Hong Kong Free Press in diverse date. Comprende testi di Kris Cheng dell’11 novembre [en, come i link seguenti] e del 9 novembre, quelli di Holmes Chan e Jennifer Creery del 9 novembre e  quelli Holmes Chan del 9 novembre. Sono riprodotti su Global Voices nell'ambito di un accordo di partnership sui contenuti.

Avvertiamo i nostri lettori che alcuni dei video dell'articolo includono contenuti violenti espliciti.

La polizia di Hong Kong, spesso considerata la più affidabile della regione, ha perso la sua reputazione, poiché stanno venendo alla luce diversi gravi casi di violenza e violazione delle proprie regole, mentre Hong Kong entra nell'ottavo mese di proteste contro le politiche governative che limitano i diritti democratici.

All'alba dell'11 novembre, un vigile urbano di Hong Kong ha sparato tre proiettili contro due manifestanti disarmati in un quartiere ad est dell'isola di Hong Kong, durante uno sciopero generale in città.

I manifestanti stavano bloccando le strade fuori l'uscita della stazione della metropolitana Sai Wan Ho. Intorno alle 7:15 del mattino, un poliziotto che cercava di inseguire i pedoni tirò fuori la pistola di servizio e gliela puntò addosso, secondo le immagini catturate da Cupid Producer. Poi ha afferrato un dimostrante vestito di bianco e ha sparato a bruciapelo ad un altro vestito di nero.

Spari contro i manifestanti disarmati

Un altro manifestante vestito di nero è apparso per cercare di disarmare il poliziotto ed è stato colpito sparato due volte.

Le macchie di sangue sono state viste per terra quando i manifestanti sono stati sottomessi. Uno sembrava essere cosciente perché rispondeva quando gli si chiedeva il suo nome, mentre l'altro stava in silenzio.

Poi i passanti hanno iniziato a litigare con la polizia, e la polizia antisommossa ha lanciato spray al peperoncino. Una donna ha cercato di avvicinarsi inconsciamente al manifestante, ma un altro agente di polizia antisommossa l'ha gettata a terra.

Dopo di ciò, hanno portato via i manifestanti in ambulanza.

I manifestanti di Hong Kong hanno provato ad interrompere il traffico mattutino dell'11 novembre, come parte di un piano più grande per mobilitare la popolazione  per uno sciopero generale. Gli arresti sono stati effettuati in tutta Hong Kong, compresi Tuen Mun, Wong Tai Sin e Sha Tin. I servizi di trasporto pubblico (MTR) sono stati interrotti su diverse linee importanti, tra cui le linee Kwun Tong, Tung Chung, East Rail e Ma On Shan Linee. Sono stati colpiti anche i servizi tranviari.

 Aumentano le proteste a seguito della morte di uno studente universitario

I manifestanti hanno dichiarato che le proteste si intensificheranno dopo la morte del 22enne Alex Chow Tsz-lok, avvenuta il 3 novembre. Lo studente universitario è deceduto a causa delle ferite provocate dalla caduta in un parcheggio. Anche se la causa della morte di Chow rimane poco chiara, la polizia antisommossa ha condotto un'operazione di dispersione intorno all'una del mattino del 3 novembre, l'ora approssimativa della sua caduta.

Foto: May James/HKFP.

Lo staff medico ha dichiarato che le ferite di Chow erano sospette perché tutte le fratture erano sulla testa e sui fianchi. Un importante chirurgo cerebrale ha pensato [zh] che Chow fosse incosciente al momento della caduta. Considerando che si trattava di un'altezza di soli quattro metri, un salto o una caduta in stato cosciente avrebbe procurato fratture delle ossa nelle braccia e nelle gambe a causa della sua posizione.

Il 9 novembre, migliaia di persone si sono radunate fuori dalla sede del governo per piangere la morte di Chow. Convinti del fatto che il governo e la polizia antisommossa potrebbero essere coinvolti nella sua morte. Durante la veglia, un dipendente di 45 anni ha dichiarato alla HKFP:

This shouldn’t have happened. I want to know the truth. Even though the police tried to say it had nothing to do with them, I don’t believe it, I don’t buy it at all. They have really lost their credibility.

 Non sarebbe dovuto succedere. Voglio sapere la verità. Anche se la polizia ha cercato di dire che non aveva niente a che fare con la sua morte, io non ci credo. Non credo proprio, per niente. Hanno perso la loro credibilità.

 Presunto stupro di gruppo da parte di quattro persone alla stazione di polizia

L'indignazione è aumentata quando la popolazione è venuta a conoscenza di un'accusa di stupro di gruppo all'interno della stazione di polizia di Tsuen Wan a settembre. La polizia ha confermato di aver ricevuto le informazioni il 22 ottobre, ma ha dichiarato che le accuse non coincidono con i risultati dell'indagine.

I dettagli del presunto stupro di gruppo sono stati resi noti online, seguiti e rivelati dall’ Apple Daily. La presunta vittima è una ragazza di 18 anni che ha abortito al Queen Elizabeth Hospital il 5 novembre.

La donna sarebbe stata arrestata mentre passava dalla stazione di polizia distrettuale di Tsuen Wan a metà settembre. Pur non indossando abiti neri (la maggior parte dei manifestanti indossano il nero per esprimere le loro opinioni politiche) e non compiendo alcun atto di protesta, sarebbe stata portata alla stazione di polizia e violentata da quattro uomini mascherati.

Il rapporto dell'Apple Daily ha detto che la donna aveva sintomi di depressione dopo l'incidente, ed era inizialmente restia a presentare una denuncia alla polizia. Ha scoperto di essere incinta dopo una visita in ospedale a metà ottobre e ha raccontato all'équipe medica la sua esperienza in compagnia della madre.

La pagina di Facebook HA secrets, gestita dai lavoratori dell'ospedale pubblico, hanno rivelato di aver raccolto il DNA fetale come prova per identificare il colpevole.

Il 26 ottobre, quattro giorni dopo che l'ufficio denunce della polizia è venuto a conoscenza dell'incidente, un portavoce della polizia ha detto di non aver “ricevuto alcuna denuncia di violenza sessuale” presso il centro di detenzione di San Uk Ling, una struttura indipendente criticata per abuso di prigionieri. All'epoca, la polizia non ha detto se aveva ricevuto denunce per reati sessuali in relazione alla stazione di polizia di Tsuen Wan o ad altre strutture di polizia.

Convocazione di esperti internazionali per un'indagine indipendente sulle denunce della polizia

I sondaggi dimostrano che la maggior parte degli abitanti di Hong Kong non crede nella polizia e richiedono un'indagine indipendente sull'eccessivo abuso di forza da parte della polizia.

Il professor Clifford Stott, rettore del Natural Science Research Centre della Keele University nel Regno Unito, è uno dei cinque membri del gruppo di esperti internazionali istituito all'inizio di settembre per assistere l'IPCC (Consiglio internazionale indipendente per le denunce contro la polizia di Hong Kong) nei suoi studi tematici sulle proteste.

Il 9 novembre, Cliff Stott ha dichiarato su Twitter che gli attuali meccanismi dell'IPPC mancano di poteri e ha chiesto un'indagine più approfondita dei gruppi indipendenti con le necessarie competenze:

Gli studi del gruppo di esperti internazionali per il Consiglio indipendente per le denunce contro la polizia di Hong Kong concludono che è necessario migliorare sostanzialmente le capacità dell'IPCC che, se affrontate, potrebbero far sì che il loro Studio Tematico fornisca un caso convincente per gli step successivi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.