chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le autorità del Bangladesh bloccano una pagina di abusi segnalati e subiti dagli studenti dell'università di ingegneria

Studenti dell'Università di ingegneria e tecnologia del Bangladesh protestano nell'aprile 2018 contro la riforma del sistema di quote lavorative nei servizi pubblici. Immagine presa da Wikipedia di Rahat Chowdhury. CC BY-SA 3.0

Il Bangladesh è stato scosso da proteste studentesche in tutto il paese dopo che un laureando della prestigiosa Università di ingegneria e tecnologia del Bangladesh (BUET) è stato picchiato a morte la mattina del 7 ottobre da altri studenti appartenenti all'ala studentesca della Lega Awami [it]. L'omicidio di Abrar Fahad  [en, come nei link successivi salvo diverse indicazioni], 21 anni, in un dormitorio del BUET, ha messo in luce gli abusi subiti dagli studenti nelle università pubbliche di tutto il paese e il tentativo di seppellire le accuse.

Dopo l'omicidio, gli studenti del BUET e di altri istituti, hanno condiviso i racconti degli abusi subiti da parte degli studenti più anziani come parte delle pratiche di ragging o come intimidazioni per motivi politici. Ragging è il termine comunemente utilizzato per descrivere un tradizionale “rituale di iniziazione” praticato negli istituti universitari nei paesi dell'Asia meridionale, che comporta abusi da parte di studenti anziani su studenti neofiti.

Il 9 ottobre, la Commissione di Regolamentazione delle Telecomunicazioni del Bangladesh (BTRC) ha ordinato il blocco di una pagina online del BUET nella quale oltre 175 segnalazioni sono state presentate in modo anonimo da studenti ed ex studenti della migliore università di ingegneria del paese, nella quale possono accedere solo gli studenti meritevoli, dopo un esame di ammissione pubblico molto competitivo.

L'edificio di ingegneria civile del BUET. Immagine presa da Wikipedia di Raiyan Kamal. CC BY-SA 2.5

Mettendo in luce un'e-mail trapelata, il  Dhaka Tribune informa che il BTRC ha chiesto a tutti gli operatori dell'Internet Internet Gateway (IIG) e ai provider di servizi internet (ISP) del paese di bloccare immediatamente la suddetta pagina web dalle proprie reti. Non sono state date spiegazioni per questo ordine.

This shows that you don't have any right to complain.

Almeno 72 segnalazioni sono state caricate nei due giorni passati, dopo l'omicidio di Abrar Fahad dentro a un dormitorio!

Questo dimostra che non avete motivo di lamentarvi.

La pagina bloccata conteneva un sistema di segnalazione anonima online basato sul sito web del dipartimento di informatica e ingegneria (CSE) del BUET, sviluppato nell'ambito di una ricerca in classe. Dopo l'abuso e l'omicidio di Fahad, gli studenti erano alla ricerca di uno spazio per sfogare le loro esperienze di abuso e per quantificare le denunce presentate in modo anonimo da studenti frequentanti e ex-studenti dell'università – principalmente per quanto riguarda la violenza e gli abusi nel campus da parte di studenti senior affiliati alla Bangladesh Chhatra League (BCL), l'ala studentesca del partito al potere. I netizen hanno riferito di non poter più accedere alla pagina. Tuttavia, le copie salvate delle denunce sono condivise sui social media.

Siamo tutti Abrar

Ucciso dopo un commento su Facebook

Un reportage del Daily Star riporta che lo studente potrebbe essere stato ucciso per i suoi scritti su Facebook. La scorsa settimana, in uno stato [bn] che è stato condiviso oltre 69.000 volte, Fahad ha criticato la recente firma di accordi bilaterali tra Bangladesh e India durante la visita ufficiale del primo ministro Sheikh Hasina in India. Secondo quanto riferito, è stato convocato dai leader della BCL dell'Università per spiegare perché avesse scritto una dichiarazione così critica contro il governo. Stanno emergendo dei rapporti secondo cui gli studenti con opinioni dissenzienti sono stati spesso sottoposti ad abusi fisici.

L'uccisione di Abrar Fahad è un crimine orribile sul quale deve essere fatta luce immediatamente. Abrar stava solo esercitando il suo pacifico diritto alla libertà di espressione utilizzando i suoi post su Facebook per criticare il governo. #GiustiziaPerAbrar Foto raccolta da Facebook.

L'autopsia ha rivelato che Fahad riportava ematomi da corpi contundenti su mani, piedi e schiena e che la causa di morte era “emorragia interna”.

Secondo la BBC, l'abuso e il bullismo contro chi ha opinioni politiche dissenzienti o sfida le imposizioni dei leader, è comune nelle università pubbliche del Bangladesh.

L'anno scorso Human Rights Watch ha prodotto un rapporto in cui riporta che chi pubblica post sui social media critici contro il governo è sistematicamente preso di mira in Bangladesh, spesso attraverso l'uso della controversa Sezione 57 della Legge sull'ICT.

Section 57 of ICT Act authorizes the prosecution of any person who publishes, in electronic form, material that is fake and obscene; defamatory; “tends to deprave and corrupt” its audience; causes, or may cause, “deterioration in law and order;” prejudices the image of the state or a person; or “causes or may cause hurt to religious belief.”

La sezione 57 della legge sull'ICT autorizza il perseguimento di qualsiasi persona che pubblichi, in forma elettronica, materiale falso e osceno; diffamatorio; “che tende a mortificare e corrompere” il suo pubblico; provoca, o può causare, “deterioramento della legge e dell'ordine;” pregiudica l'immagine dello stato o di una persona; o “offende o può offendere il credo religioso”.

Nell'agosto 2018, il fotografo e attivista bengalese Dr. Shahidul Alam è stato detenuto per oltre 100 giorni per i suoi post su Facebook sulle proteste studentesche nella capitale, Dhaka.

Gli studenti protestano per chiedere giustizia

Gli studenti del BUET e di altri istituti del paese hanno invaso le strade per protestare contro l'omicidio.

Gli studenti del BUET stanno protestando chiedendo giustizia per l'omicidio di Abrar.

Abrar era uno studente del EEE (Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Elettronica), ucciso nel suo dormitorio da studenti quadri del BSL, il partito dominante al governo.

Studenti e insegnanti dell'Università di Jahangirnagar hanno manifestato nei rispettivi campus e hanno chiesto una punizione esemplare per gli assassini dello studente del BUET Abrar Fahad.

Dopo aver esaminato le riprese della CCTV dal campus universitario, la polizia ha per ora arrestato 13 studenti, la maggior parte dei quali affiliati alla Chhatra League, per l'omicidio di Fahad. Il padre di Fahad, Barkat Ullah, ha presentato denuncia di omicidio contro 19 persone.

Ecco i filmati della CCTV di alcuni studenti che hanno ucciso uno studente del BUET di nome #AbrarFahad. Dopo averlo ucciso, hanno gettato il cadavere sulle scale del dormitorio. Il caso è stato denunciato dal padre del deceduto.

Il primo ministro Sheikh Hasina ha promesso che l'assassino otterrà la più alta punizione e nessuno sarà risparmiato, a prescindere dalle affiliazioni politiche. Ha anche difeso alcune delle decisioni bilaterali prese dal governo del Bangladesh durante la sua recente visita in India, tra cui la condivisione delle risorse idriche e l'esportazione di gas GPL, i temi su cui Fahad era critico.

I netizen hanno anche messo in dubbio la decisione del BUET di mantenere un sistema di reclamo così sensibile aperto al pubblico, cosa che potrebbe mettere in pericolo la sicurezza dei denuncianti. Un amministratore di sistema del BUET potrebbe facilmente nascondere la pagina prevenendo un’ azione impulsiva da parte dell'autorità di regolamentazione. Al momento della stesura dell'articolo, l'intero sito del BUET è risultato inaccessibile.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.