chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

“Lionheart”: un film nigeriano troppo inglese per una nomination agli Oscar?

Screenshot di una scena di “Lionheart”, film nigeriano del 2018 diretto da Genevieve Nnaji, disponibile su Netflix.

Il 4 novembre, la manifestazione cinematografica statunitense nota come Academy Award o Premio Oscar [it] ha rifiutato la prima candidatura della storia di un film nigeriano nella categoria miglior film internazionale. “Lionheart“[it], film del 2018 attualmente in streaming su Netflix, è stato ritenuto “privo dei requisiti per partecipare alla competizione” perché film “principalmente in inglese”, riferisce [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] la piattaforma mediatica online the Wrap.

Sono più di 500 le lingue parlate in Nigeria, ex colonia britannica in cui la lingua nazionale è l'inglese. I personaggi di “Lionheart” parlano una varietà di inglese usata esclusivamente in Nigeria. La squalifica del film ha acceso il dibattito sulla questione se il Nigerian English possa essere considerato una lingua diversa e distinta dal British o dall'American English.

“Lionheart,” diretto da Genevieve Nnaji [it], è attualmente in streaming su Netflix. Nel film, Adaeze [Nnaji] è una donna piena di risorse che lotta per mantenere in vita l'azienda di trasporti del padre in un'industria dominata dal sessismo, riporta una recensione dell'LA Times. “Adaeze, nelle mani di Nnaji, diventa subito un'attraente eroina universale del ventunesimo secolo che, nonostante la frustrazione, si batte con onestà contro la società patriarcale, cercando al contempo di rispettare l'eredità del padre di cui vuole seguire le orme”

In risposta alla squalifica, Nnaji ha scritto su Twitter:

‘Film giusto, concorso sbagliato’

L'Academy ha creato confusione quando ha cambiato la categoria del miglior film in lingua straniera in miglior film internazionale. Ha “confuso le acque” dando l'impressione sbagliata che “la lingua non sia più un fattore determinante per l'ammissione alla categoria”, sostiene the Wrap.

Tuttavia, le regole non sono cambiate e l'enfasi sulla lingua straniera rimane.

Il premio per il miglior film internazionale è assegnato a un film prodotto al di fuori degli USA in cui la traccia dei dialoghi è prevalentemente in una lingua diversa dall'inglese, una regola che la commissione selezionatrice degli Oscar in Nigeria ha amesso di non aver seguito quando ha presentato la candidatura per il premio.

La conseguente squalifica del film è un triste riflesso dell'inettitudine di Nollywood (industria cinematografica nigeriana) dovuta a una “scarsa attenzione ai dettagli”. “Lionheart” è un “film giusto” che è stato nominato in “una competizione sbagliata”, ha scritto la BBC.

Il Nigerian English è una lingua straniera?

Il poeta e linguista nigeriano Kọ́lá Túbọ̀sún è il protagonista della discussione linguistica che segue la squalificazione di “Lionheart”. Sulla piattaforma online African Arguments Túbọ̀sú sostiene che il Nigerian English “sia una lingua nigeriana” completamente differente dalle varietà britannica e americana:

Its phonology (we stress the third syllable [ad-mi-RAL-ty] rather than the first [AD-mi-ral-ty], for instance), syntax (we say ‘let me be going’ for ‘I have to leave now'; ‘senior brother’ rather than ‘elder brother'; and ‘next tomorrow’ rather than ‘day after tomorrow’, etc.), and lexicon (words like ‘trafficate’ and ‘overfloat’, all distinctly Nigerian) already qualify it as almost a different language. Why else, for instance, would foreigners say ‘pardon?’, ‘scuse me?’ and ‘say it again’ so many times when speaking to us?

La sua fonologia (per esempio, noi accentiamo la terza sillaba [ad-mi-RAL-ty] invece della prima [AD-mi-ral-ty]), la sintassi (noi diciamo ‘let me be going’ per ‘I have to leave now'; ‘senior brother’ invece di ‘elder brother'; e ‘next tomorrow’ invece di ‘day after tomorrow’, ecc.), e il lessico (parole come ‘trafficate’ e ‘overfloat’, tutte distintamente nigeriane) quasi bastano per qualificarla come lingua a sè. Per quale altro motivo, per esempio, gli stranieri dovrebbero dire ‘pardon?’, ‘scuse me?’ e ‘say it again’ così tante volte quando parlano con noi?

Túbọ̀sún segnala ironicamente che i nigeriani che vogliono iscriversi all'università negli USA devono sostenere il TOEFL (Test of English as a Foreign Language), un test che misura la padronanza della lingua inglese “da parte di non madrelingua“. Si tratta di un paradosso perché, in quanto ex colonia britannica, la lingua ufficiale della Nigeria è l'inglese.

Túbọ̀sún insiste sul fatto che, sebbene i linguisti non abbiano codificato e riconosciuto ufficialmente il Nigerian English, l'eccellenza artistica di Nollywood ha preso l'iniziativa in questa direzione.

La studiosa Kovie Biakolo ha esteso ulteriormente la discussione. Biakolo ha osservato che Nollywood non può permettersi di fare film sono nelle lingue nigeriane — per un ovvio e semplice motivo: la diversità linguistica. Con oltre 500 lingue, l'inglese è un ponte ufficiale che collega i nigeriani residenti all'interno e all'esterno del paese:

In fact, contrary to popular belief, most Nigerian films are made with dialogues in one of the country's native tongues. While I couldn't obtain more recent statistics from the Nigerian National Film and Video Censors Board, according to 2011 data, 75 percent of all Nigerian productions are made in Nigerian languages. But the reasons English is used in Nigerian films (that are expected to be popular beyond its borders) are historical and practical: Nigeria was colonized by the British, and English is the country's official language. Moreover, in a nation-state with hundreds of languages, the obvious rationale is that English will most likely reach the widest national audience and ensure a potential built-in, English-speaking audience abroad.

Infatti, contrariamente alla credenza popolare, la maggior parte dei film nigeriani è composta da dialoghi in una delle lingue autoctone del paese. Sebbene non abbia potuto ottenere statistiche più recenti dal Nigerian National Film and Video Censors Board, secondo i dati del 2011, il 75% di tutte le produzioni nigerianie è realizzato in lingue autoctone. Ma i motivi per cui si usa l'inglese nei film nigeriani (non per raggiungere la popolarità oltre i confini nazionali, come ci si aspetterebbe) sono di natura storica e politica: la Nigera è stata una colonia britannica e l'inglese è la lingua ufficiale del paese. Inoltre, in uno stato-nazione con centinaia di lingue, la ragione principale è ovviamente che l'inglese ha la probabilità più alta di raggiungere il pubblico nazionale più ampio e di assicurare un potenziale pubblico integrato di persone che parlano inglese all'estero.

La scrittrice nigeriana Chika Unigwe ha spiegato abilmente perché la lingua ha il “potere di plasmare” il modo in cui raccontiamo la realtà:

Our ideas of beauty, of race, of civilization and so on are based on the narratives that were told of us by those with the power to shape and share those narratives, and they in turn have become the narratives that we tell ourselves of ourselves. Why would an Igbo child tell another that eating akpu [a popular food eaten in southeast Nigeria] is bush? Or that eating with your fingers is bush? Or that speaking Igbo is bush? Why would an Igbo man come on Twitter — as someone did recently — and say what a pity it is that one of our Igbo leaders has an Igbo accent. It is because over the years, we have allowed — not always willingly, I must add — we have allowed others to calibrate what is ‘bush’ and what is not, what is desirable and what is not.

Le idee che abbiamo sulla bellezza, la razza, la civiltà e così via sono basate sulle storie che ci sono state raccontate da quelli con il potere di plasmare e condividere quelle stesse storie, e a loro volta queste sono diventate le storie che ci raccontiamo su noi stessi. Perché un bambino Igbo dovrebbe dire a un altro bambino che mangiare akpu [un cibo popolare mangiato nel sud-est della Nigeria] è da primitivi? O che mangiare con le dita è da primitivi? O che parlare Igbo è da primitivi? Perché un uomo Igbo dovrebbe venire su Twitter — come ha fatto qualcuno di recente — e dire che è un peccato che uno dei nostri leader ha l'accento Igbo. Questo perché nel corso degli anni abbiamo permesso — non sempre volontariamente, devo aggiungere — abbiamo permesso agli altri di definire cosa è incivile e cosa non lo è, cosa è opportuno e cosa non lo è.

Bisogna ringraziare gli Oscar per questa squalifica perché ha scatenato una discussione che va oltre “Lionheart” sul valore del linguaggio e del controllo sulla narrativa sulla Nigeria — in tutte le sue lingue.

Sul piano formale non è stato fatto alcuno sforzo per designare il Nigerian English come lingua autonoma. Tuttavia, questo dibattito sullo stile e sull'estetica linguistica delle lingue nigeriane era atteso da molto tempo.

Alla fine, “Lionheart” va oltre gli Oscar perché ha mostrato a tutti la disuguaglianza a cui sono sottoposte alcune lingue all'interno di un mondo multilinguistico e le relative dinamiche di potere. Questo è il motivo per cui esistono opere creative come “Lionheart” — usare l'eleganza artistica per innescare conversazioni scomode.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.