chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Lo sbiancamento dei coralli a Tobago è un monito: “non c'è alternativa” alla lotta al cambiamento climatico

Corallo a corna di cervo, sbiancato. Foto di Matt Kieffer, CC BY-SA 2.0.

Le barriere coralline di Tobago sono una parte integrante dell'ecosistema marino dell'isola e della sua economia. Dimora di numerose specie di vita marina (e principale fonte di pesce per i locali pescatori), proteggono anche il litorale dall'erosione delle onde e dagli effetti delle tempeste tropicali. Località popolari come la barriera corallina di Buccoo, Buccoo Reef [en, come i link seguenti], sono anche popolari attrazioni turistiche.

Tuttavia dopo un comunicato stampa emesso dall'Istituto nazionale di affari marini (IMA, Institute of Marine Affairs) il 22 agosto 2019, in cui ha avvertito che — in base ai risultati del Monitoraggio della barriera corallina (Coral Reef Watch) della Amministrazione oceanica e atmosferica nazionale (NOAA) — le barriere coralline di Tobago sono state messe in un sistema di monitoraggio per “Allerta Sbiancamento Livello Uno”, tutti gli occhi sono puntati sull'isola. C'è una possibilità concreta che lo sbiancamento possa avanzare al Livello Due in poche settimane, minacciando così non soltanto l'esistenza delle stesse barriere coralline, ma anche la vita marina e la popolazione dell'isola.

Che cos'è esattamente lo sbiancamento dei coralli?

I coralli coesistono con e diventano la dimora di alghe simbiotiche, aiutandole a immagazzinare le sostanze nutrienti e rimuovere i rifiuti. In cambio, le alghe danno al corallo l'energia di cui ha bisogno per crescere, ma i cambiamenti drastici nella temperatura dell'acqua possono minacciare questa relazione cooperativa.

Quando l'acqua diventa troppo calda (o troppo fredda) i coralli espellono le alghe — e con esse, la loro principale fonte di nutrimento. Alla fine, il corallo muore di fame; il segno esteriore più evidente di questo fenomeno è che il corallo perde il suo colore, passando da sfumature di bruno e verde a un bianco osseo friabile e fragile.

Lo Sbiancamento con Livello di Allerta Uno significa che i coralli stanno probabilmente per iniziare il processo di sbiancamento. IMA suggerisce perciò che sia i biologi sia i cittadini tengano d'occhio i segnali di sbiancamento nelle prossime 9-12 settimane.

Lo Sbiancamento con Livello Due indica un diffuso sbiancamento corallino e la mortalità dei coralli.

Qual'è la causa dello sbiancamento?

Secondo l'ambientalista per la locale barriera corallina, Anjani Ganase, i principali contributori allo sbiancamento del corallo in Tobago sono le temperature più elevate dell'acqua, un risultato del cambiamento climatico.

Via email, Ganase ha spiegato che l'oceano assorbe molto del calore nell'atmosfera, che a sua volta causa il riscaldamento dell'acqua — in particolare negli specchi d'acqua poco profondi, come il Mar Caraibico.

In effetti, il monitoraggio di 12 settimane di NOAA si estende ben oltre Tobago alle barriere coralline delle Piccole Antille. Altre barriere coralline nella regione, specificatamente in parti delle Grandi Antille e Cuba, sono già state collocate al Livello Due di Allerta Sbiancamento:

Questo mi rattrista. Le barriere coralline di Tobago stanno morendo da anni. I rifiuti, la pesca, le emissioni di gas e il petrolio hanno distrutto le nostre stupende barriere coralline. Dobbiamo solo cercare di salvaguardare quello che resta😢😢

Quali sono gli effetti dello sbiancamento?

Lo sbiancamento dei coralli è un'enorme minaccia. Le barriere coralline, infatti, forniscono ai pesci un habitat che gli permette di avere accesso a rifugio, alimenti e, molto più importante, riparo per la loro prole, finché è pronta per sopravvivere nel più vasto oceano. La prospettiva di perderli avrà un impatto sulla capacità delle specie ittica di sopravvivere. Influirà negativamente anche sulle sussistenze dei locali pescatori.

Tobago dipende molto fortemente dalla locale industria turistica; le sue barriere coralline attraggono, secondo le stime, circa il 40% dei turisti sull'isola. Se continuerà lo sbiancamento dei coralli, ci saranno meno coralli rigogliosi per i turisti da esplorare e, molto probabilmente, una riduzione del fatturato turistico in dollari, con un impatto su molte imprese ricettive: gli hotel, i ristoranti, i servizi di trasporto e gli operatori turistici.

La grande ironia è che, mentre le tempeste tropicali si intensificano come un risultato della crisi climatica, le barriere coralline sono più che mai necessarie per assorbire la forza delle onde e creare un cuscinetto tra l'oceano e la costa — ma le barriere coralline sono compromesse dal riscaldamento globale.

Gli studi indicano che le barriere coralline proteggono circa il 90% del litorale di Tobago dall'erosione indotta dalle onde.

In un discorso specifico durante l'Anno Internazionale della Barriera Corallina, presso l'Università delle Indie Occidentali nel 2018, il Professore John Agard ha spiegato che questa funzione diventerà più importante soltanto quando aumenterà l'intensità delle tempeste e si innalzeranno i livelli del mare.

Cosa possiamo fare per fermare lo sbiancamento dei coralli?

Ganase spiega che la mancanza di una gestione adeguata, che ha permesso la pesca eccessiva e l'inquinamento incontrollato, ha peggiorato lo sbiancamento dei coralli in Tobago. Se continua, ha spiegato, la gestione attiva e la salvaguardia saranno cruciali per il [loro] pieno recupero e la crescita:

Ideally, coral reefs should be closedto the public and placed intoan intensive recovery programme to ensure healthy fish communities and water quality that will support coral growth and recruitment.

Idealmente, le barriere coralline dovrebbero essere chiuse al pubblico e collocate in un programma intensivo di recupero, per salvaguardare la salute delle comunità di pesci e la qualità dell'acqua, che supportano la crescita del corallo e il reclutamento.

Ha aggiunto:

Individual actions to reduce our carbon footprintare are always warranted but we also need citizens to demand more action from our governmentto provide the infrastructure, resources and education for climate conservation and adaptation. Communities need the support to manage and conserve our natural resources not just from governments but from businesses and corporations that also utilise these resources. 

Le azioni individuali per ridurre la nostra impronta di carbonio sono sempre garantite, è tuttavia anche necessario che i cittadini chiedano maggiore azione da parte dei nostri governi, affinché forniscano le infrastrutture, le risorse e la formazione educativa per la salvaguardia e l'adattamento climatico. Le comunità necessitano di supporto per gestire e salvaguardare le nostre risorse naturali, non soltanto dai governi, ma [anche] da imprese e corporazioni, che utilizzano anch'esse queste risorse. 

C'è una necessità urgente per i governi regionali dell'isola di richiedere un impegno internazionale per affrontare la crisi climatica. Il giorno 11 settembre 2019 il Primo Ministro barbadiano Mia Mottley ha rivolto questo problema al quartiere generale delle Nazioni Unite a Ginevra, sollecitando le nazioni più grandi ad agire meglio nella lotta al cambiamento climatico. Le isole dei Caraibi, ha detto, “non hanno il lusso del tempo, perché [noi] siamo impegnati cercando di sopravvivere”.

Ganese concorda sull'urgenza della questione. Ogni e qualsiasi forma di aiuto nell'affrontare il cambiamento climatico e lo sbiancamento dei coralli, ha detto, in particolare a livelli politici, “richiede impegno”:

It's not going to be easy as seen internationally, but there is really no alternative.

Non sarà facile, come vediamo a livello internazionale, ma non c'è davvero un'alternativa.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.