chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Mozambico: conosciamo i quattro candidati alle elezioni politiche

Votazione a Nampula, 2013. Foto a cura di Txeka, pubblicata con il consenso dell'autore.

A meno di quattro mesi alle elezioni politiche del quindici ottobre [pt], il Mozambico ha recentemente saputo quali candidati si contenderanno la carica di Presidente della Repubblica.

Il 31 maggio, la Corte costituzionale ha approvato quattro candidati: Filipe Nyusi, Ossufo Momade, Daviz Simango e Mário Albino.

È importante attirare l'attenzione sulle due candidature che sono state escluse a causa di irregolarità, quelle di Hélder Mendoça e Alice Mabota, quest'ultima è la prima donna che prova a farsi eleggere Presidente della Repubblica in Mozambico.

Alice Mabotata è stata eliminata dalla corsa elettorale per non essere riuscita a radunare il numero minino di firme che appoggiassero la sua candidatura.

Questo fatto ha suscitato diverse opinioni, soprattutto le proteste per non aver potuto avere una donna nello scrutinio elettorale. Adriano Nuvunga, professore universitario e attivista sociale, ha detto su Twitter:

ALICE MABOTA non è più la prima donna candidata a Presidente della Repubblica nella storia del Mozambico come Dinho Xs e Eugenio Estevão. Non veniate a dire che è colpa del FRELIMO.

L'estromissione della candidatura presidenziale della dott.ssa Alice Mabota è una manifestazione di esclusione politica ed è contrario allo spirito di pace e riconciliazione nazionale.

Alle elezioni del 2019 sarà la prima volta che i mozambicani voteranno per i governatori delle province, carica finora assegnata dal Presidente della Repubblica. Saranno anche eletti i 250 deputati che comporranno la prossima Assemblea unicamerale della Repubblica.

Questo sarà il sesto suffragio universale dall'approvazione della costituzione multipartitica nel 1992. La campagna elettorale è iniziata il 31 agosto. Papa Francesco ha visitato il Mozambico il 4 settembre.

I candidati

  • Filipe Nyusi (partito Frelimo)

Nome completo Filipe Jacinto Nyusi, l'attuale Presidente della Repubblica e segretario del partito Frelimo è candidato alla rielezione. Dopo cinque anni di governo (2015 – 2019), il candidato del Frelimo ha ottenuto di nuovo la fiducia del partito in carica per un mandato di altri cinque anni in caso di vittoria. Nato a Cabo Delgado (nel nord del Mozambico) Filipe Nyusi è stato Ministro della difesa nel precedente governo Guebuza (2009 – 2014). Cosi come tutti gli altri presidenti che si sono già candidati per lo stesso partito, Filipe Nyusi si prefigge di portare a termine un secondo mandato.

  • Ossufo Momade (partito Renamo)

Ossufo Momade è stato recentemente eletto come segretario del Renamo, il maggiore partito di opposizione del Mozambico, dopo la morte per malattia del precedente leader Afonso Dhlakama nel 2018 [it]. Questa sarà la prima volta, dalle prime elezioni democratiche (1994), che il partito Renamo concorre alle elezioni senza il suo ben noto leader storico. La morte di Dhlakama mette alla prova la capacità del partito di creare nuovi schemi di leadership. Originario di Nampula (nel nord del Mozambico), Ossufo Momade ha già avuto diversi incarichi nel Renamo, spiccando in ambito militare per la fiducia datagli da Dhlakama.

  • Daviz Simango (partito MDM)

Nato nella città di Beira, nella ragione centrale del paese, Daviz Simango sarà candidato a presidente per la terza volta consecutiva. Nato nel 2009, il partito Movimento Democratico del Mozambico è il risultato del distacco di Simango dal partito Renamo. Daviz è attualmente sindaco del comune di Beira, incarico che occupa da più di dieci anni, essendo stato rieletto alle elezioni municipali del ottobre 2018.

  • Mário Albino (partito AMUSI)

Mário Albino è il segretario del partito Azione del Movimento Unito per la Salvezza Integrale, con sede nella città settentrionale di Nampula. Nel 2018, Albino si è candidato all'incarico di Presidente del Consiglio del Municipio della città, riuscendo a raccogliere all'elezione solamente il 4,2% del totale dei voti. Il partito AMUSI emerge come risultato dall'uscita di membri che facevano parte del MDM.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.