chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Dopo la vincita “alternativa” dell'anno scorso, sfuma il Nobel per la Letteratura 2019 alla guadalupana Maryse Condé

La scrittrice guadalupana Maryse Condé. Foto di MEDEF via Wikimedia Commons. (CC BY-SA 2.0)

Il 10 ottobre 2019 alle 13, ora svedese, sono stati annunciati [en, come tutti i link seguenti salvo diversa indicazione] i Premi Nobel per la letteratura degli anni 2018 e 2019. In seguito ad un imbarazzante scandalo sessuale, l'Accademia svedese aveva deciso di rimandare la premiazione del 2018, cosa che ha portato all'istituzione di un premio alternativo per quell'anno. Battezzato come New Academy Prize in Literature (Premio della Nuova Accademia per la Letteratura), è stato conferito all'autrice di romanzi storici Maryse Condé, nota per il suo romanzo Segu.

Per un cavallo, per così dire, nella corsa di quest'anno, c'è stata una grande aspettativa nel mondo caraibico su chi questa volta sarebbe stato il Premo Nobel per la letteratura, e le possibilità di vincita di Condé erano altissime, una quotazione di 5 a 1.

#MaryseConde o #AntjieKrog? Chi sarà il Premio Nobel per la Letteratura del 2019?

Solo 14 donne hanno ricevuto il Premio Nobel per la letteratura, gli uomini sono invece 113. Solo un Premio Nobel, la compianta Toni Morrison, è una donna di colore. Facciamo che oggi diventino due! World Editions for #MaryseCondé!

Ma i pronostici per il Premio Nobel spesso approdano a dei risultati inaspettati, e oggi l'onorificenza è stata conferita all'australiano Peter Handke. Il Premio Nobel per la Letteratura del 2018 l'ha invece ricevuto l'autrice polacca Olga Tokarczuk, “per un'immaginazione narrativa che […] rappresenta il superamento dei limiti come forma di esistenza”.

La regione caraibica finora ha avuto due Premi Nobel per la letteratura: nel 1992 il poeta Derek Walcott, di Saint Lucia, e nel 2001 V.S. Naipaul [it], nato nello Stato di Trinidad e Tobago. Sarebbero anche tre se si include il poeta Saint-John Perse [it], il quale come Condé è nato in Guadalupa ma aveva cittadinanza francese a causa del fatto che la Guadalupa fosse dipartimento d'oltremare francese. Perse ha vinto il Nobel nel 1960. Quest'anno c'era una grande speranza che Condé portasse un'altra volta alla regione il premio più agognato al mondo.

I romanzi di Condé scavano a fondo nelle persistenti questioni di razza, genere e cultura che legano l'Africa e la sua grande diaspora, e sono tutti ambientati in contesti storici come il processo alle streghe di Salem e la costruzione del Canale di Panama. La politica e il femminismo sono sempre stati un elemento forte della sua narrazione, benché il suo lavoro più recente viri verso l'autobiografia.

Avendo deciso di diventare una scrittrice da bambina, dopo aver letto Cime Tempestose [it] di Emily Brontë (titolo originale, Wuthering Heights), Condé alla fine ha reso omaggio al libro che ha ispirato la sua attività scrivendo Le migrazioni del cuore, (il titolo originale è La migration des coeurs, quello della traduzione inglese Windward Heights), una trasposizione storica del romanzo della Brontë ambientata in Guadalupa, un libro nel quale razza e differenze culturali agiscono come potenti fattori divisivi: a parere di molti utenti di social media, proprio a causa della crescente importanza di queste tematiche al giorno d'oggi, le si sarebbe dovuto rendere onore:

#MaryseConde avrebbe dovuto essere riconosciuta dal #PremioNobel2019 per mostrare al mondo che il suo premio è pieno di significato, piuttosto che un uomo bianco europeo che fa apologia del genocidio. Complimenti a @OlgaTokarczuk & @FitzcarraldoEds  per il buon senso di pubblicare le traduzioni dei suoi libri!

Comunque sia, Condé ha numerosi altri riconoscimenti all'attivo. A parte dall'essere stata la prima persona a ricevere il New Academy Prize, ha vinto il Grand Prix Litteraire de la Femme (1986), il Prix de L’Académie Francaise (1988) e il Prix Carbet de la Caraibe (1997). E stata anche nominata Commandeur de l'Ordre des Arts et des Lettres [fr] dal governo francese.

Ad ogni modo, per alcuni ammiratori del suo lavoro questi onori non diminuiscono il pungolo di non essere stata scelta al Premio Nobel per la letteratura del 2019. Su Facebook, Arnel Asonto si rammarica:

So disappointing and what […] weak choices […]
I was expecting Maryse Condé of Guadeloupe to win the literature prize but somehow the award is still ‘Eurocentric’ and insular…
They promised some changes despite the scandalous fiasco last year.

Che delusione e che […] scelte inconsistenti […].
Mi aspettavo che la guadalupana Maryse Condé vincesse il premio per la letteratura, ma in qualche modo questa assegnazione è ancora “eurocentrica” e limitata…
Avevano promesso dei cambiamenti malgrado lo scandalo dell'anno scorso.

Saresti dovuta essere tu, #MaryseConde! #PremioNobel2019

Studiosa di letteratura francofona, Condé è attualmente Professoressa Emerita di Francese alla Columbia University dove si trova l'archivio delle sue opere.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.