chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Pechino elabora un quadro “indipendentista” per le proteste di Hong Kong tramite attività sull'informazione

Il cartello di un manifestante dice: cinque richieste, non una di meno. Immagine da Stand News.

Questo articolo è basato sulla trascrizione cinese [zh] di un discorso pubblico pronunciato dal Dr. Fu King-wa del Centro Giornalismo e Ricerca sui Media dell'Università di Hong Kong, sulla piattaforma indipendente Matters.news.

Un nuovo studio del Centro Giornalismo e Ricerca sui Media dell'Università di Hong Kong ha rivelato che l'ondata di disinformazione diffusa dalla Cina sui social media ha inquadrato le proteste del 2019 a Hong Kong come un movimento separatista.

Dall'agosto 2019, le attività d'informazione cinesi sulle proteste di Hong Kong sono state rivelate a livello internazionale. La faccenda è venuta a galla dopo che diverse piattaforme social, fra cui Twitter e Facebook, hanno scoperto [it, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] l'esistenza di attività dalla Cina su reti coordinate, che stavano facendo disinformazione riguardo le proteste a Hong Kong. Twitter ha dichiarato che lo scopo di queste operazioni era di compromettere “la legittimità e le posizioni politiche” del movimento di protesta.

Poiché i resoconti di Twitter e Facebook non avevano riportato la natura delle attività di disinformazione, un team di ricerca diretto dal professor Fu King-wa del Centro Giornalismo e Ricerca sui Media dell'Università di Hong Kong ha condotto successivamente una ricerca e ha effettuato un'analisi dei dati sui contenuti di 640.000 account di Twitter che postavano notizie relative a Hong Kong da giugno 2019. La ricerca è ancora in corso.

L'analisi iniziale mostra che circa il 20% dei 640.000 utenti di Twitter erano bot, una percentuale molto più alta di quella di precedenti ricerche sulle attività d'informazione in altri paesi. Ad esempio, la percentuale di bot nelle attività sull'informazione in Russia [en] riguardo l'Ucraina era solo circa l'8%, secondo una ricerca sull'influenza dei social media russi pubblicata dalla RAND Corporation nel 2018.

Nel Great Firewall cinese, la disinformazione diffusa dai social media era principalmente mirata a dare un'immagine separatista o “a favore dell'indipendenza di Hong Kong” del movimento anti-estradizione. Tutto ciò che era relativo alle proteste di Hong Kong, sul Weibo cinese veniva etichettato dalle fonti d'informazione come atto “a favore dell'indipendenza di Hong Kong”. Ad esempio, l'attore ed ex poliziotto di Hong Kong Wong Hei (HK), che simpatizza per le proteste, è stato etichettato come “a favore dell'indipendenza di Hong Kong” dalle sezioni d'intrattenimento dei notiziari sui social media e dalle comunità di fan delle celebrità. I boicottaggi delle classi studentesche di Hong Kong venivano etichettati come atti “a favore dell'indipendenza di Hong Kong” sugli account pubblici dei social media, sia ufficiali che commerciali.

Persino i commenti a favore delle proteste di Hong Kong espressi al di fuori del Great Firewall su Twitter, Facebook e Instagram, una volta individuati dagli internauti cinesi e segnalati sui social media, venivano usati per fare forti pressioni sugli utenti, particolarmente se avevano legami sociali o di lavoro con la Cina. L'esempio più conosciuto è quello della saga dell'NBA con i tweet di Daryl Morey riguardo Hong Kong.

Il magnate di Hong Kong Li Kar Shing è la vittima più inaspettata di questa etichettatura politica. Sui social media cinesi, compresi Weibo e WeChat, è stato accusato di sponsorizzare le proteste di Hong Kong per l'indipendenza da diversi opinion leader a favore di Pechino e dagli organi d'informazione cinesi sui social media relativi a Hong Kong. Quanto sostenuto [en] nel suo annuncio era una risoluzione pacifica dei conflitti. Ma comunque, punti di vista critici per entrambi le parti – i manifestanti e il governo – venivano considerati politicamente scorretti dal governo cinese.

Inoltre, gli atti violenti a favore di Pechino venivano elogiati sui social media cinesi come atti eroici. Ad esempio il Lennon Wall, uno spazio pubblico artistico che è stato allestito spontaneamente dai residenti di molti distretti per la libertà di espressione, vengono etichettati come siti “a favore dell'indipendenza di Hong Kong” e coloro che hanno preso parte alla distruzione delle mura vengono indicati come i giusti. Da agosto, molti manifestanti sono stati attaccati dai teppisti a favore di Pechino presso il Lennon Wall. Il 20 agosto una giornalista è stata pugnalata allo stomaco [en] presso il Lennon Wall nel tunnel Tseung Kwan O. La giornalista era in condizioni critiche. Due settimane fa, il 29 ottobre, un adolescente è stato pugnalato [en] al collo e allo stomaco da un turista cinese al Tai Po Lennon Wall. L'aggressore avrebbe tirato giù dalle mura i poster a favore della democrazia e avrebbe gridato che Hong Kong è “parte della Cina” prima di attaccare la vittima che stava distribuendo volantini.

Comunque, l'”indipendenza di Hong Kong” non è neanche nei programmi dei manifestanti che sono scesi in piazza da marzo 2019. Le cinque richieste della protesta sono il ritiro completo del disegno di legge sull'estradizione, che autorizzerebbe Hong Kong a estradare i sospettati di crimini in Cina per i processi, l'investigazione indipendente nelle operazioni di polizia, il decadimento delle accuse d'insurrezione contro i manifestanti, l'amnistia per i manifestanti arrestati e il suffragio universale per la legislatura e l'amministratore delegato. Nessuna delle richieste fa menzione dell'indipendenza di Hong Kong.

Quando è emerso esattamente il quadro di una “indipendenza di Hong Kong”? Il team di ricerca ha analizzato i dati dell'attuale progetto di raccolta di dati dai social media Weiboscope [en] e ha scoperto che l'espressione “a favore dell'indipendenza di Hong Kong” veniva usato a malapena prima del 21 luglio, perché si trattava di termini politicamente sensibili. Sotto il sistema di censura cinese, i termini politicamente sensibili vengono bloccati o fortemente censurati e solo il governo cinese, gli organi d'informazione affiliati e le celebrità possono usarli.

Ad ogni modo, il 22 luglio è stata tolta la censura all'espressione “a favore dell'indipendenza di Hong Kong” e il risultato fu un aumento dell'uso di questi termini su Weibo. Di seguito una tabella che mostra la cronologia della frequenza di tre parole chiave legate alle proteste di Hong Kong: indipendenza di Hong Kong (港獨), richieste (訴求), fuggitivo (逃犯).

Fra il 1 maggio e il 30 settembre, il team di ricerca ha raccolto 210.000 post su Weibo che comprendevano l'espressione “indipendenza di Hong Kong”. I dati mostrano che i termini sono aumentati il 22 luglio a una media di 100 post al giorno prima del 22 luglio a più di 2000 quel giorno.

Il 21 luglio, il Gruppo delle Mobilitazioni Pacifiche di Massa ha organizzato una manifestazione a partire da Causeway Bay fino a Wan Chai sull'isola di Hong Kong. Dopo la protesta pacifica, un gran numero di manifestanti ha continuato a marciare verso l’Ufficio di Collegamento di Pechino [en] nel Distretto Ovest. Uno dei manifestanti è riuscito a lanciare dell'inchiostro e a macchiare lo stemma nazionale cinese fuori dall'edificio dell'Ufficio di Collegamento. La stessa notte, un numeroso gruppo di teppisti a favore di Pechino si è precipitato nella stazione della metropolitana di Yuen Long, attaccando i manifestanti che tornavano dalla protesta pacifica a New Territories. Molti sono stati feriti gravemente.

Il giorno dopo, lo stato di Pechino e le testate giornalistiche del Partito Comunista (CCP) hanno rilasciato cronache sulle proteste fuori dall'Ufficio di Collegamento di Pechino e in particolare hanno indicato la contaminazione dell'emblema nazionale come un atto di rivolta “a favore dell'indipendenza di Hong Kong”. Quelli che prima erano termini politicamente sensibili ora venivano largamente usati sui social media cinesi.

Il secondo picco è stato registrato il 9 agosto, quando in più di 6000 post compariva l'espressione “indipendenza di Hong Kong”. Il contesto dell'aumento era legato alla prima conferenza stampa dell'Ufficio del Gabinetto per gli affari di Hong Kong e Macao del 29 giugno, che aveva espresso il suo supporto al governo di Hong Kong e alle azioni di polizia.

Il 5 agosto i manifestanti hanno guidato un'ampia serie di scioperi, quello degli aviatori ha portato alla cancellazione di più di 200 voli verso l'aeroporto internazionale di Hong Kong. Il 9 agosto, le auorità aviarie cinesi sono intervenute e hanno chiesto alla compagnia di bandiera Cathay Pacific di licenziare gli impiegati che avevano preso parte alle proteste.

Il più forte aumento è stato riscontrato il 13 agosto dopo che il reporter Fu Guohao, dell'organo di stampa affiliato al CCP Global Time, si era imbattuto nei manifestanti di Hong Kong all'aeroporto internazionale. Molti manifestanti avevano fermato Fu Guohao in aeroporto dopo che era stato visto fotografare primi piani della folla in protesta. Nello zaino di Fu era stata trovata una maglietta blu con il logo “supporto alla polizia di Hong Kong” – l'ondata a favore di Pechino che aveva attaccato i manifestanti di Hong Kong l'11 agosto in molti distretti indossava la stessa maglietta. I manifestanti avevano chiesto a Fu la sua identità e, nella risposta, Fu aveva gridato: “Supporto la polizia di Hong Kong, ora potete picchiarmi!”. Alcuni manifestanti avevano risposto con i pugni, mentre altri avevano cercato di proteggerlo.

Lo scontro di Fu con i manifestanti, che era stato poi descritto come “eccellente performance” [en], è avvenuto dopo la conferenza stampa dell'Ufficio del Gabinetto per gli affari di Hong Kong e Macao il 12 agosto, durante la quale un esponente di Pechino ha dichiarato che le proteste di Hong Kong avevano mostrato segni di terrorismo. La conferenza stampa ha avuto luogo dopo le proteste cittadine dell'11 agosto, quando la manifestazione contro il governo era stata brutalmente repressa dalla polizia di Hong Kong da un lato e attaccata dalle folle a favore di Pechino, che indossavano magliette blu come quella di Fu, dall'altro.

L'incidente di Fu Guohao è diventato subito virale sui social media cinesi. Nella maggior parte dei commenti, Fu veniva visto come un eroe che difendeva la dignità nazionale mentre i manifestanti di Hong Kong erano visti in opposizione alla nazione cinese.

Comunque, poiché era imminente il 70esimo anniversario della Repubblica Popolare cinese il 1 ottobre, la montatura dell'”indipendenza di Hong Kong” è sbiadita sui social media cinesi.

Chi è coinvolto nella creazione della montatura sull'”indipendenza di Hong Kong”? Secondo i dati, circa il 13% dei post che contenevano le parole chiave “indipendenza di Hong Kong” venivano direttamente ripubblicati dal People's Daily e dal Global Times. Se includiamo le ripubblicazioni da copia-incolla, la percentuale è anche più alta.

Il team di ricerca continuerà a scavare più a fondo nei dati per fornire un'analisi più elaborata delle operazioni sull'informazione cinesi in relazione alle proteste di Hong Kong. Comunque, i primi risultati indicano fortemente che il Partito Comunista Cinese e gli organi mediatici statali hanno giocato un ruolo chiave nella diffusione delle informazioni che indicavano le proteste come movimento “a favore dell'indipendenza di Hong Kong”. Questi tentativi sono volti a far credere all'opinione pubblica cinese che il malcontento sia parte di uno schema politico separatista per minare “l'integrità del territorio cinese” – una frase usata ripetutamente dai patrioti cinesi online.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.