chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Una controversia sul burqa a Khyber Pakhtunkhwa in Pakistan

Ragazze in una scuola in Khyber Pakhtunkhwa, Pakistan. Immagine via Flickr di DFID. BY SA 2.0.

Un burqa integrale [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] è il velo islamico più coprente di tutti. È concepito per coprire una donna dalla testa ai piedi con una rete a maglie che le consente di vedere. Mentre questo tipo di burqa è spesso associato alle donne in Afganistan e in qualche area tribale del Pakistan, una foto recente di studentesse ricoperte da burqa integrale da un area di Mardan Khyber Pakhtunkhwa (KP) in Pakistan, ha scatenato clamore sui social media pachistani e ha alimentato critiche al conservatorismo crescente nelle scuole.

Stando alle informazioni reperibili, Muzafar Shah, un ex membro del consiglio distrettuale dal partito al potere Tehreek e Insaf (PTI) ha distribuito 90 burqa integrali alle studentesse. Il consigliere ha detto che la sua azione era stata ispirata dalla recente notifica di Ziaullah Bangash, il consulente provinciale sull'educazione, che ha diretto le studentesse a osservare la purdah [it] (la pratica della segregazione femminile).

La corsa per render obbligatorio per le ragazze di indossare il burqa è in pieno svolgimento nel KPK. Dopo che alcune scuole hanno istruito le ragazze a indossare gli abaya [it]. Un ex membro distrettuale del PTI Muzaffar Shah ha distribuito burqa integrali tra le studentesse della scuola media statale Cheena, Rustam District Mardan.

Khyber Pakhtunkhwa [it], prima conosciuto come la Provincia di Frontiera nord-occidentale (NWFP) è collocata nel Pakistan nord occidentale lungo il confine internazionale con l'Afganistan. Quest'area è stata al centro di militanza e terrorismo dal momento che era divenuta rifugio per più di cinque milioni di profughi afgani che si riversarono in Pakistan dopo l'invasione sovietica dell'Afganistan nel 1979. Nel 2013, i politici provinciali si sono spostati verso il conservatorismo nazionale di destra quando il partito PTI Pakistan Tehreek e Insaf [it], guidato da Imran Khan, era stato capace di formare il governo di minoranza.

Un numero di persone ha reagito a questa notizia e richiesto azioni contro questa ultima mossa.

Sanna Ejaz, una giornalisma da Khyber Pakhtunkhwa ha detto su Twitter [ur]:

Mardan è la mia casa ancestrale e noi non indossiamo il burqa. Le donne più anziane usano stole semplici mentre le stole delle ragazze hanno dei ricami. Questa è opera del governo del PTI, distribuendo burqa provenienti dai fondi per lo sviluppo.

Come possono le studentesse studiare indossando questi burqa, con 40° in estate, non abbiamo nemmeno l'aria condizionata nelle scuole statali in Pakistan.

Tuttavia, c'erano persone che supportavano la decisione di fornire alle ragazze burqa integrali. Le donne che si oppongono o non indossano il velo sono considerate troppo “occidentalizzate” dai membri della comunità conservativa in Pakistan.

Habiba Tanvir, una studentessa ha scritto:

Questo passo è preso solo nella provincia di KP non in altre province. Questo tipo di burqa è la cultura dei pashtun e vivono in KP e sono tutti musulmani. Sto studiando in un college statale e non succedono cose del genere. Per favore fermiamo questa propaganda contro Islam e PAKISTAN.

L'hijab non significa oppressione ma libertà da occhi cattivi, solo le persone sagge possono capire.

Contrariamente a queste argomentazioni, Gallop Pakistan recentemente ha rilasciato un sondaggio che ha svelato che il burqa è una scelta di abbigliamento meno popolare per le donne in Pakistan:

Il burqa per le donne sta diventando una scelta di abbigliamento meno popolare, rimpiazzato da Shalwars Kameez con Dupatta e hijab senza il velo sul volto.

Prima, nel mese di settembre, Ziaullah Bangash, Consigliere del Primo Ministro per l'educazione primaria e secondaria di Khyber Pakhtunkhwa, ha rilasciato un comunicato rendendo obbligatorio per le studentesse delle scuole statali della provincia indossare un chador [it], un abaya [it] o vesti per proteggerle da qualsiasi “incidente immorale” e togliere i dubbi dei genitori riguardo la sicurezza dei loro figli. Sebbene la direttiva sia stata quasi immediatamente revocata, Muzafar Shah ha comprato i burqa integrali citando Bangash come ispirazione per la decisione.

Nonostante ciò, dopo i commenti sul web contro Shah, Bangash ha fatto una completa inversione di marcia e denunciato le azioni di Shah:

This step was taken without our knowledge and permission. KP government is looking into this matter and action will be taken against him.

Questa mossa è stata fatta a nostra insaputa e senza il nostro permesso. Il governo di KP sta indagando sulla questione e verranno presi provvedimenti contro di lui.

Questo due pesi e due misure del governo è stato criticato anche sui social media.

Per provare come l'ordine di indossare il burqa sia stato giustificato usando una logica fallace secondo cui il burqa manterrebbe le ragazze al sicuro, le persone sui social media hanno postato foto di due recenti incidenti che avvennero in Pakistan. Uno di questi era lo stupro e l'uccisione di Ayesha Zulfiqar che indossava un abaya (un tipo di burqa).

Ayesha Zulfiqar, una matricola è stata ritrovata violentata e uccisa nel Distretto di Narowal, Pakistan.

Indossava un abaya/burqa.

Mi fermo qui.

Burqa? Neanche la bara protegge le donne dal venire stuprate in Pakistan. Ho appena visto questo video, e mi ha fatto sentire male fisicamente. Non è compito delle donne difendere loro stesse; gli uomini devono fare qualcosa riguardo i funzionamenti della nostra specie attorno alle donne.

Un altro incidente menzionato è stato registrato in D.G Khan dove un passante ha palpeggiato una donna con un abaya per strada.

Questi episodi dimostrano che coprire le donne in un abaya o chador non equivale a proteggerle dalle aggressioni. Sembra che leggi severe, sensibilizzazione della cooperazione giudiziaria e di polizia, consapevolezza e giustizia veloce siano la via per risolvere il problema.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.