chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Delle ragazze adolescenti vogliono aiutare le vittime di violenza domestica in Albania con una nuova app

Ragazze che controllano l'applicazione sui loro cellulari. Foto di GjejZâ.

Tre adolescenti hanno riunito le forse per aiutare le vittime di violenza domestica in Albania, dove una donna su due [en, come i link seguenti] subisce violenza.

Arla Hoxa, Dea Rrozhani e Jonada Shukarasi, conosciute come le “D3c0ders”, hanno creato l'applicazione GjejZâ (che significa “trova la tua voce” in albanese). Questa app collega le sopravvissute alla violenza domestica a risorse importanti, tra cui rifugi, polizia e gruppi di sostegno.

L'app offre anche informazioni sulla violenza di genere, storie stimolanti di donne che hanno superato una situazione di violenza, esercizi di respirazione e di meditazione.

“GjejZâ” è stata creata da tre ragazze albanesi di 16 anni, nella speranza che possa aiutare ad affrontare la perenne questione della violenza domestica e di genere nel paese.

È possibile scaricare l'applicazione su Play Store.

Gjejzȃ è disponibile su Play Store

Trova la tua voce utilizzando le nostre funzioni:

Nel programma di 30 giorni puoi trovare esercizi mentali per rompere i miti sulla violenza, tecniche di meditazione, storie di successo ed altro ancora!

Conosci qualcuno che potrebbe averne bisogno? Racconta loro di GjejZâ oggi stesso!

Le ragazze hanno imparato a codificare e creare applicazioni negli ultimi quattro anni attraverso un'iniziativa dell'Ambasciata degli Stati Uniti a Tirana, come spiegato in un video di Youtube in albanese e inglese.

In Albania una donna su due soffre di violenza, ha dichiarato a Reuters Iris Laurasi, capo del numero di emergenza nazionale a tutela degli abusi sulle donne, citando un'indagine del 2018. L'indagine riporta che nello stesso anno sono stati segnalati 4000 casi di violenza.

La stessa Luarasi è una delle sostenitrici dell'app:

GjejZa è l'applicazione inventata da queste ragazze talentuose che connettono in un'unica solo app le vittime, le ONG e le istituzioni.

La ricerca del 2018, sostenuta dalle agenzie delle Nazioni Unite, ha rilevato che il 52,9% delle 3443 donne albanesi intervistate, ha subito almeno uno dei cinque diversi tipi di violenza durante la loro vita, mentre il 18,1% ha subito violenza sessuale. Le donne intervistate avevano tra i 18 e i 74 anni.

Statistiche pessimiste: In 🇦🇱 il 18,1% delle donne ha subito violenza #sessuale, il tema di quest'anno #16 Giorni di Attivismo è: Generazione Uguaglianza contro lo stupro: con @unwomenalbania @UNFPAAlbania insieme a @ShendetesiaAL per trasmettere questo messaggio in tutto il paese.

Le tre adolescenti hanno fatto notizia quando hanno vinto un premio al concorso Technovation Challenge.

Congratulazioni alle D3C0ders, la prima squadra albanese a diventare Finalista per aver vinto il primo posto nella Senior Division per la loro app a sostegno dei sopravvissuti agli abusi domestici e delle donne in generale. Riceveranno 15.000 dollari per la loro applicazione e per migliorare la loro formazione.

Più recentemente, sono state nominate per un altro premio:

Congratulazioni Arla Hoxha, @DRhozhani, Jonada Shukarasi, @audreyisabelpe e @BriannaGopaul! Siete state nominate per l'Aspiring Teen Award.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.